Gatto Serengeti, un gatto dall'aspetto selvaggio

31 maggio, 2018
 

Riuscite a immaginare un gatto dall’aspetto selvaggio ma, allo stesso tempo, giocherellone e amichevole come il felino domestico più adorabile? Ebbene, esiste già. Stiamo parlando del gatto Serengeti, un animale che vi sorprenderà con la sua bellezza e la sua personalità calma e lieta.

Una razza ibrida e recente

Nato dalla incrocio tra un Bengala e un Foreign white, il gatto Serengeti è una razza ibrida emersa nell’ultimo decennio del secolo scorso.

L’allevatore Karen Sausman era alla ricerca di un animale che avesse l’aspetto selvaggio di un gattopardo ma che, allo stesso tempo, mostrasse comportamento e attitudini del più docile dei gatti domestici.

E così nacque, in California (USA), un piccolo felino che ricorda territori selvaggi. Ciò si deve alla sua parte bengalese. Tenete a mente che questo bellissimo gatto, simile a un piccolo leopardo, è il risultato dell’incrocio tra alcune delle più belle e affascinanti razze tuttora esistenti.

Se vi piacciono i gatti selvatici, ma cercate un esemplare dal carattere giocoso e affettuoso, elementi tipici di un micio domestico, il Gatto Serengeti può diventare il vostro animale domestico ideale.

un piccolo Gatto Serengeti accucciato
 

Raffinato e selvaggio, questo è il Serengeti

Bello ed elegante, grazie al suo sangue orientale, il gatto Serengeti si distingue per l’aspetto a strisce, eredità del suo DNA bengalese. Presenta anche le seguenti caratteristiche fisiche:

  • Dimensione: media
  • Mantello: ha una struttura corta, è spesso, morbido e fine.
  • Colore: può avere macchie nere, marroni scuro, nocciola o argento. I toni sono più chiari sull’addome, il mento e la parte anteriore del muso.
  • Peso: tra 4,5 e 7 chilogrammi di maschi; e tra 3,5 e 5,5 kg le femmine.
  • Corpo: allungato, muscoloso e forte.
  • Zampe: lunghe e forti, ben equipaggiate per il salto.
  • Testa: piccola in relazione al corpo, allungata e triangolare. Sulla fronte ha un segno scuro.
  • Collo: lungo e spesso.
  • Orecchie: grandi (molto più di quelle di qualsiasi gatto comune), lunghe, dritte e con punte arrotondate.
  • Occhi: molto grandi, rotondi e verdi, ambra o gialli; lo sguardo è intenso e profondo.
  • Naso: ampio e dritto.
  • Coda: di media lunghezza, più spessa alla base e si assottiglia leggermente, verso la punta.

Un animale domestico che ama giocare e arrampicarsi

Per la sua bellezza e il fisico asciutto e snello, il gatto Serengeti sta conquistando popolarità nelle esposizioni feline di tutto il mondo. Tuttavia, è anche un animale ideale da tenere in casa.

È un animale che ama e cerca la compagnia umana, socievole anche con gli estranei. Affabile e comunicativo, sa come attirare l’attenzione dei suoi proprietari.

 

Va perfettamente d’accordo con i bambini e altri animali domestici. E’ instancabile al momento di giocare, ad esempio, quando insegue una palla, come se fosse un cane.

un Gatto Serengeti gioca di lato sdraiato

In ogni caso, mantiene anche un forte istinto di cacciatore. Pertanto, non è strano vederlo esplorare tutti gli angoli della casa in cerca di possibili prede. Se avete un giardino o un patio dove può correre e arrampicarsi, sarà ancora più felice. Ovviamente dovrete stare attenti a che non scappi via.

Gatto Serengeti, un micio facile da gestire

Per quanto riguarda la salute, si tratta di un animale sano, che richiede solo le normali attenzioni tipiche di qualsiasi altro gatto domestico. Ha un’aspettativa di vita di circa 15 anni.

Ovviamente, dovrete rispettare le visite periodiche dal veterinario, per monitorare il suo stato generale e per tenere aggiornate le vaccinazioni e i trattamenti antiparassitari.

Inoltre, non dovete dimenticare di garantigli sempre un’alimentazione equilibrata e di alta qualità, in base all’età, al peso, al livello di attività fisica, ecc.

Per quanto riguarda la pelliccia, vi suggeriamo di spazzolare il mantello una o due volte alla settimana: è più che sufficiente affinché il vostro Serengeti abbia sempre un aspetto bello e sano.