Giardiasi nei gatti: sintomi, infezioni e cure

La giardiasi nei gatti è una malattia intestinale infettiva causata da un protozoo che può essere trasmessa anche all'uomo.
Giardiasi nei gatti: sintomi, infezioni e cure

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2021

La giardiasi nei gatti è una condizione causata da un microrganismo parassita flagellato, appartenente al phylum Metamonada. L’agente patogeno (Giardia intestinalis o Giardia lamblia) colpisce i felini, ma anche i cani, l’uomo e molti altri animali. Secondo studi globali, il 15% dei cani e il 12% dei gatti del pianeta sono infetti da Giardia intestinalis.

Andiamo oltre, visto che fino al 39% degli animali nei rifugi, il 53% dei ruminanti e il 38% dei suini sono infetti nelle zone più colpite dal parassita. Se volete saperne di più sugli effetti di questa condizione sui felini, continuate a leggere.

Cos’è la giardiasi nei gatti?

Giardiasi è un termine che si riferisce alla presenza di Giardia intestinalis nelle feci di un essere vivente, sia esso un gatto, un essere umano, un maiale, un cane, un cavallo o qualsiasi altro vertebrato potenzialmente infetto. Giardia intestinalis è un parassita che misura da 10 a 20 micrometri di lunghezza e ha 4 paia di flagelli, con i quali viaggia attraverso l’intestino.

Secondo i manuali veterinari MSD, questi organismi unicellulari si attaccano alla mucosa intestinale per mezzo di un disco ventrale adesivo, detto anche ventosa. Una volta che si verifica l’infestazione, l’animale inizierà a mostrare sintomi acuti, come diarrea maleodorante, perdita di peso e altro.

Giardia intestinalis, un protozoo.

Ciclo biologico della Giardiasi

Per evitare un quadro infettivo nell’animale domestico, la prima cosa da fare è conoscere l’agente patogeno che lo causa. Con questa premessa, vi spieghiamo in modo sintetico il ciclo di vita di Giardia:

  1. Giardia intestinalis ha due strutture durante tutto il ciclo. I trofozoiti sono le forme flagellate e mobili descritte, mentre le cisti sono strutture resistenti al contagio che possono rimanere nell’ambiente per settimane e persino mesi.
  2. La trasmissione avviene per via oro-fecale. In altre parole, il gatto può ingerire o succhiare materiale che contiene cisti vitali, infettandosi nel processo.
  3. Una volta nell’intestino, da ciascuna cisti emergono due trofozoiti, che aderiscono alle superfici della mucosa intestinale e iniziano a riprodursi. La divisione avviene per fissione binaria e il periodo di latenza è di circa 3-10 giorni in genere negli animali. Nei gatti si stima un’incubazione da 5 a 16 giorni.
  4. I trofozoiti in divisione danno origine a nuove cisti, che verranno escrete con le feci. Il rilascio di cisti è solitamente intermittente e discontinuo, specialmente negli animali che hanno un’infezione cronica.

Come abbiamo detto, la via di trasmissione è oro-fecale. Un gatto può infettarsi annusando o entrando in contatto con le feci infette di un altro gatto, ma anche toccando con la bocca fonti con cisti attive.

Gli esseri umani possono essere infettati?

A questo punto, si deve notare che il patogeno Giardia intestinalis ha 7 genotipi differenti, denominati da A a G. I cani sono solitamente infettati dal tipo C e D parassiti, gatti di F e esseri umani da A e B., anche se Giardia G e infezioni F sono state talvolta registrate nella nostra specie.

Con questi dati, vogliamo dire che è difficile che la giardiasi nei gatti passi all’uomo, sebbene si siano verificati dei casi. Se il gatto è malato, è meglio prendere tutte le misure igieniche possibili e trattare l’animale con cura durante la visita dal veterinario.

Giardiasi nei gatti: sintomi

Come indicato dai veterinari degli Ospedali VCA, la giardiasi nei gatti sani di solito non si manifesta in modo evidente. È più comune che i segni clinici compaiano nei cuccioli, negli adulti indeboliti e negli esemplari che vivono in aree con elevati carichi del parassita, come rifugi o tende dove si accalcano molti individui.

Oltre ai pazienti asintomatici, alcuni felini possono sviluppare dei sintomi. Tra questi, segnaliamo quanto segue:

  • Diarrea acuta e maleodorante di rapida insorgenza. Questa può essere continua o intermittente, e si presenta con un tono biancastro, una consistenza molto liscia (acquosa) e anche accompagnata da muco. A volte le feci trasportano anche sangue.
  • Vomito.
  • Perdita di peso graduale. Ciò si verifica se i sintomi persistono nel tempo e la condizione non viene risolta.
  • Mancanza di attività generale.

Questa condizione non è fatale di per sé, ma può rappresentare un problema nei pazienti felini immunodepressi per qualsiasi motivo. Inoltre, nei cuccioli, la malattia ritarda la crescita e favorisce carenze nutrizionali a lungo termine.

Molti esemplari adulti sono asintomatici, ma possono trasmettere la malattia anche ad altri animali.

Diagnosi

La diagnosi viene effettuata prelevando campioni di feci dall’animale sintomatico. In ogni caso, ricordiamo che le cisti non vengono espulse in ogni momento dell’infezione, quindi di solito è necessario analizzare più feci nel tempo per trovare il parassita. In generale, vengono seguite le seguenti 2 procedure:

  1. Test di galleggiamento fecale: le feci del gatto vengono messe in un apposito contenitore e mescolate con una soluzione di solfato di zinco. Se la coltura è positiva, le cisti galleggeranno e potranno essere viste al microscopio.
  2. Test dello striscio fecale: questo test cerca di mostrare le cause della diarrea.

A volte i veterinari dispongono di kit per rilevare la giardiasi, mentre in altri casi il campione deve essere portato in laboratorio. A causa del costo che ciò comporta e del tempo necessario, di solito viene scelta una diagnosi precoce in base all’anamnesi del gatto e ai suoi sintomi.

Trattamento

Fenbendazolo e metronidazolo sono i farmaci più usati per uccidere Giardia. Da parte sua, il fendendazolo non è stato approvato da tutte le istituzioni per i felidi, ma è stato dimostrato che 50 milligrammi di farmaco per chilo di animale al giorno per 5 giorni riducono drasticamente i sintomi.

Da parte sua, il metronidazolo viene dosato a 10-25 milligrammi per chilo di animale al giorno, anche per 5 giorni. Sembra che i gatti accettino questo farmaco meglio dei cani, quindi di solito è l’opzione più diffusa nella clinica veterinaria.

Questi farmaci possono essere somministrati da soli o in combinazione con altri, a seconda del quadro clinico dell’animale.

La malattia del rene policistico nei gatti è più comune nei persiani.

Previsione

Dopo l’inizio del trattamento, le cisti delle feci iniziano a scomparire in circa 3-5 giorni e i sintomi di solito si risolvono completamente entro una settimana. Anche se sembra che l’animale stia bene prima del previsto, continuate a offrire il farmaco come indicato dal veterinario.

Un gatto guarito dovrebbe continuare a essere testato per almeno un paio di settimane, in quanto il rischio di reinfezione non è nullo, a maggior ragione se si tiene conto della resistenza delle cisti nell’ambiente. Per evitare che il gatto venga nuovamente contagiato, disinfettare accuratamente tutte le superfici della casa ed eseguire i relativi test su eventuali altri animali domestici che vivono in casa.

Potrebbe interessarti ...
Cristalli nelle urine dei gatti: sintomi, tipi e trattamento
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Cristalli nelle urine dei gatti: sintomi, tipi e trattamento

I cristalli nelle urine dei gatti sono un problema più o meno grave a seconda delle condizioni generali del felino e dello stato degli uroliti.



  • Ramírez-Ocampo, S., Cotte-Alzate, J. D., Escobedo, Á. A., & Rodríguez-Morales, A. J. (2017). Prevalence of zoonotic and non-zoonotic genotypes of Giardia intestinalis in cats: A systematic review and meta-analysis. Infez Med, 25(4), 326-328.
  • Giardiasis in animals, MSD Veterinary Manuals. Recogido a 9 de julio en https://www.msdvetmanual.com/digestive-system/giardiasis-giardia/overview-of-giardiasis
  • Giardia in cats, VCA Hospitals. Recogido a 9 de julio en https://vcahospitals.com/know-your-pet/giardia-in-cats
  • Pan, W., Fu, Y., Abdullahi, A. Y., Wang, M., Shi, X., Yang, F., … & Li, G. (2017). Development of T m-shift genotyping method for detection of cat-derived Giardia lamblia. Parasitology research, 116(4), 1151-1157.
  • Li, W., Liu, X., Gu, Y., Liu, J., & Luo, J. (2019). Prevalence of Cryptosporidium, Giardia, Blastocystis, and trichomonads in domestic cats in East China. Journal of Veterinary Medical Science, 19-0111.