Giraffa somala: habitat e caratteristiche

La giraffa somala è in grado di ingerire fino a 66 chilogrammi di cibo al giorno, ma nelle aree povere di risorse ha bisogno solo di 7 chilogrammi di verdure al giorno per sopravvivere.
Giraffa somala: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 13 agosto, 2021

La giraffa somala è nota per il suo grande collo allungato, che a un certo punto è riuscito a ispirare le teorie evoluzionistiche più innovative del suo tempo. Sebbene sia una specie endemica dell’Africa, molto probabilmente l’avete incontrata anche in uno zoo locale. Sebbene possa sembrare calma, in alcuni momenti della sua vita esibisce comportamenti aggressivi, che si concludono in combattimenti giganti.

In questo spazio parleremo di una delle più grandi specie terrestri esistenti, la Giraffa reticolata, un mammifero unico che ha molto da raccontare. Continuate a leggere e scoprite tutto su questo enorme e curioso organismo.

Habitat e distribuzione della giraffa somala

Questo mammifero si trova nel nord e nel nord-est del Kenya, con alcune piccole popolazioni nel sud della Somalia e dell’Etiopia. In passato, si credeva che la giraffa fosse un’unica specie ed era distribuita in tutta l’Africa, il che è lontano dalla verità. Infatti, secondo un articolo pubblicato sulla rivista Current Biology, esistono 4 diverse specie di giraffe con distribuzioni differenti.

Gli habitat di questo vertebrato sono costituiti da vaste aree desertiche con presenza di alberi, la cui vegetazione è dominata dalle acacie. Le popolazioni di questa giraffa convivono con gli umani, che in queste zone si guadagnano da vivere allevando bestiame e pascolando.

Una giraffa somala con le sue compagne.

Caratteristiche della giraffa somala

La giraffa è l’animale terrestre più grande del mondo, raggiunge i 5,7 metri di altezza e pesa quasi 2 tonnellate. Oltre a questo, ha un paio di piccole corna ossificate sulla testa, che di solito sono circondate da pelle e capelli, quasi come un paio di “antenne”. Inoltre, la sua coda è così sottile che funge da frusta per scacciare gli insetti.

Sebbene il dimorfismo sessuale non sia molto evidente, i maschi sono più grandi delle femmine, e possono anche avere un secondo paio di corna. A questo proposito, un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Oecologia ricorda che la differenza sta nel modo in cui si comportano quando si procurano il cibo. In altre parole, essendo i maschi più voraci, hanno dimensioni maggiori.

Questi esemplari hanno solitamente una colorazione distintiva, costituita da una buccia giallo-arancio, con macchie poligonali lungo il corpo. Inoltre, questi poligoni funzionano a loro volta come un’impronta digitale, poiché lo stesso schema non si ripete in altri individui.

Comportamento

La specie forma branchi o gruppi con 10 o 20 individui di entrambi i sessi. Gli esemplari mantengono uno status sociale attraverso le gerarchie, poiché esiste un maschio dominante che determina la sua posizione attraverso i combattimenti. Durante i conflitti, i maschi stanno fianco a fianco, mentre iniziano a picchiarsi a vicenda usando il collo come fruste e le corna come chiodi.

I risultati di ogni battaglia danno loro un certo rango all’interno del branco, quindi il maschio dominante è il più forte di tutti. Questa è una brutta notizia per i perdenti, in quanto normalmente non sarà permesso loro di riprodursi con le femmine del gruppo. Per questo motivo la struttura e il numero dei soci cambia costantemente, a causa della partenza e dell’ingresso di nuove persone.

Le femmine, invece, sono più socievoli e meno aggressive, formando gruppi senza maschi. Tuttavia, durante ogni stagione riproduttiva escono alla ricerca di un compagno, causando la rottura della mandria.

Alimentazione della giraffa somala

Le giraffe somale sono organismi erbivori il cui cibo principale sono le foglie degli alberi di acacia. Per questo motivo, i loro colli allungati sono uno dei loro migliori adattamenti, poiché consentono loro di raggiungere i rami più alti. Inoltre, a volte consumano anche pietre, per integrare i minerali nella loro dieta.

Come con altri erbivori, questa specie è ruminante, il che significa che passa molto tempo a macinare il cibo, rigurgitandolo e facendolo ricrescere. Ciò è necessario, poiché è difficile ottenere i nutrienti dalle foglie, dai fiori e dai baccelli, quindi le giraffe cercano di schiacciarli per rendere più efficiente questo processo. In effetti, è proprio per questo motivo che hanno uno stomaco a 4 camere.

Riproduzione della giraffa somala

Le giraffe hanno un modo curioso di percepire se la femmina è ricettiva o meno, poiché attraverso il riflesso Flehmen riconoscono i feromoni che le tradiscono. Questo accade quando ritraggono le labbra e mostrano le gengive, esponendo il loro organo vomeronasale, che ha il compito di rilevare gli odori. In altre parole, i maschi eseguono esami delle urine che consentono loro di sapere se il potenziale partner è fertile.

Quando il maschio scopre che la femmina è pronta, inizia a corteggiarla per accoppiarsi. Lo fa afferrandogli la coda, come se chiedesse il permesso. La controparte può ignorarlo o accettarlo e anche tenere la coda del potenziale partner. In questo modo la coppia si forma per almeno una stagione.

L’odore di questo animale svolge un ruolo molto importante nella riproduzione. Questo perché, attraverso questo senso, gli individui possono riconoscere se una femmina è più fertile di altre, permettendo loro di selezionare la più “adatta”. La scelta del miglior corteggiatore è fondamentale per questo mammifero, che può accoppiarsi solo ogni 20-30 mesi, garantendo così il successo della cucciolata.

Prendersi cura della coppia

Gli esemplari di questa specie sono considerati poligami, perché non mantengono un solo partner per tutta la vita. Infatti, è per questo motivo che i maschi evitano a tutti i costi che qualsiasi altro corteggiatore si avvicini alla femmina fino alla nascita del piccolo.

Gestazione e nascita

La gestazione durerà circa 457 giorni e il parto avverrà tra i mesi di maggio e agosto. La madre può partorire mentre cammina quando è in piedi, quindi il suo cucciolo cadrà a terra da un’altezza di 2 metri. Non subiscono lesioni gravi, infatti, subito dopo essere cadute, si rialzano da sole e iniziano ad allattare.

Cura e indipendenza dell’allevamento

Durante le prime settimane, i piccoli sono accuditi incessantemente dalle loro mamme. Tuttavia, dal mese di vita, le femmine del gruppo si dividono il lavoro formando asili nido, in cui concentrano i neonati. Grazie a questo, possono cercare acqua e cibo senza temere che i loro piccoli restino soli.

Da parte loro, i giovani diventeranno indipendenti quando raggiungeranno i 4 o 5 anni di età. Infatti, essendo organismi che seguono una gerarchia, i maschi partono alla ricerca di un gruppo dove possano essere i dominanti. Questo li induce a separarsi e a sentirsi soli per un po’, almeno finché non trovano un gregge o ne formano uno proprio.

Stato di conservazione

Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), questo mammifero è elencato come specie minacciata. Ciò è dovuto alla sua popolazione ridotta e frammentata, che la limita a specifiche aree dell’Africa. Inoltre, il loro habitat è stato invaso e distrutto, a causa dell’aumento delle attività zootecniche nella zona, a causa del numero di abitanti locali.

Inoltre, a causa delle sue enormi dimensioni, questa giraffa viene cacciata per la sua carne. Infatti, almeno il 30% delle comunità vicine al proprio ambiente naturale consuma carne di giraffa. Allo stesso tempo, gli abitanti del villaggio cacciano questa specie come parte dei loro costumi, il che conferisce loro uno status sociale migliore all’interno della loro comunità.

Le giraffe sono animali che dormono in piedi.

Nonostante l’aspetto amichevole delle giraffe, tutte sono classificate in alcune categorie di rischio. È per questo motivo che gli zoo funzionano come “l’arca di Noè”, dando loro una possibilità in più di affrontare l’estinzione. Sfortunatamente, oggi alcune specie sono più minacciate nel loro habitat naturale che in cattività.

Potrebbe interessarti ...
Omo, la prima giraffa bianca a non essere albina
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Omo, la prima giraffa bianca a non essere albina

Oggi vogliamo parlarvi di una giraffa molto speciale, Omo, una giraffa bianca che non è albina. Scoprite la sua storia di seguito!



  • Horová, E., Brandlová, K., & Gloneková, M. (2015). The first description of dominance hierarchy in captive giraffe: not loose and egalitarian, but clear and linear. PloS one10(5), e0124570.
  • Takagi, N., Saito, M., Ito, H., Tanaka, M., & Yamanashi, Y. (2019). Sleep‐related behaviors in zoo‐housed giraffes (Giraffa camelopardalis reticulata): Basic characteristics and effects of season and parturition. Zoo biology38(6), 490-497.
  • Muneza, A., Doherty, J. B., Hussein, A. A., Fennessy, J., Marais, A., O’Connor, D., & Wube, T. (2018). Giraffa camelopardalis ssp. reticulata. The IUCN Red List of Threatend Species.
  • Seeber, P. A., Ciofolo, I., & Ganswindt, A. (2012). Behavioural inventory of the giraffe (Giraffa camelopardalis). BMC research notes5(1), 1-9.
  • Ginnett, T. F., & Demment, M. W. (1997). Sex differences in giraffe foraging behavior at two spatial scales. Oecologia110(2), 291-300.
  • Shorrocks, B. (2016). The giraffe: biology, ecology, evolution and behaviour. John Wiley & Sons.