Hong Kong, la città che ama i gatti

03 aprile, 2017

Nel mondo occidentale sicuramente ci sembrerebbe strano trovare un micio in un negozio. Ma in alcuni quartieri di Hong Kong, questa sembra essere la norma. Un fotografo olandese rimase affascinato dalla città che ama i gatti. E così, non esitò a realizzare un libro e una mostra con queste immagini.

Un mondo dove regnano i mici

Fonte: Instagram di chinesewhiskers

Marcel Heijnen abita in Asia dal 1992. Si è occupato di descrivere con la sua macchina fotografica diverse questioni che ci svelano una cultura molto diversa dalla nostra.

E così riunì nelle immagini i tradizionali negozi delle zone di Sheung Wan e Sai Ying Pun di Hong Kong e i loro speciali abitanti, i gatti.

Quella che oggi per noi sarebbe una situazione impensabile, e anche vietata da diverse norme sanitarie, in questi luoghi è qualcosa di abituale.

Quindi non sorprendetevi se entrate in questi esercizi commerciali e vi trovate adorabili mici che dormono sugli scaffali o si aggirano tra le varie merci.

I tradizionali negozi di alcune zone di Hong Kong popolati dai mici hanno attirato l’attenzione del fotografo olandese Marcel Heijnen. Fu così che l’artista pubblicò un libro e presentò una mostra per raccontare questa città innamorata dei gatti.

Scoprite le migliori fotografie della città innamorata dei gatti

Nel libro Hong Kong Shop Cats, Heijnen riunisce molte di queste fotografie. Si possono anche  trovare sul suo account Instagram. Ma racconta anche storie sui mici e i negozi che abitano.

L’artista non smette di stupirsi per il fatto di essere testimone del motivo originario per cui gatti e umani iniziarono a convivere tanti secoli fa. Fu per la capacità di questi felini di cacciare i topi e per la compagnia che regalano.

Fu così che il rapporto simbiotico fra persone e gatti si concretizzò in belle immagini che documentano anche i particolari negozi di queste zone della città.

Che non manchi un micio nei negozi tradizionali di Hong Kong

La maggior parte dei mici fotografati abitano in negozi di Sheung Wan e Sai Ying Pun. In questi luoghi è molto difficile trovare un negozio in cui non sia presente un gatto.

In molti casi, i proprietari dei locali comprano questi animali. Ma, trattandosi di gatti, è quasi ovvio affermare che molto spesso sono loro a scegliere un negozio e a decidere di trasferirsi lì.

E, anche se la cosa più probabile è che la maggior parte di questi mici abbia perso in buona parte la capacità di cacciare, si ritiene che con la loro sola presenza – o forse grazie al loro odore – i topi si tengono alla larga.

Un giro per i tradizionali negozi di Hong Kong in compagnia dei gatti

Ma, oltre a farvi vedere immagini di bei mici, la macchina fotografica di Heijnen vi invita ad addentrarvi nelle tradizionali attività a conduzione familiare di Hong Kong. Questi luoghi si caratterizzano per il fatto di riuscire a sopravvivere alle grandi marche e ai prodotti in serie.

È così che, attraverso il suo talentuoso obiettivo fotografico, potrete immergervi in un mondo caotico e allo stesso tempo organizzato. Qui il tempo sembra essersi fermato prima dell’arrivo della cosiddetta “modernità”.

Quindi, le foto di questa città innamorata dei gatti si nutrono di una cultura locale che parla di riso, pesce essiccato, stoffe e carta. E anche di mestieri ancestrali.

Un po’ di mondo virtuale non fa male

Fonte: Instagram di chinesewhiskers

Tuttavia, non tutto è tradizione, relativamente a Hong Kong e ai suoi gatti. E i felini, anche qui, diventano famosi attraverso i social network.

Uno dei mici più famosi è Brother Cream. Questo felino è diventato famoso quando si perse e fu ritrovato 26 giorni dopo grazie alla mobilitazione dei vicini.

A partire da quel momento, il gatto ha cominciato a guadagnare fan su Facebook. Ma ha anche partecipato a diverse campagne pubblicitarie e, naturalmente, ha attirato più clienti nel negozio del suo padrone.

Fonte foto: account Instagram del fotografo Marcel Heijnen