I 10 insetti più rari del pianeta

Il mondo degli insetti è molto vasto e non è noto a tutti. In questo articolo vi presentiamo un campione che comprende i 10 insetti più rari del pianeta.
I 10 insetti più rari del pianeta

Ultimo aggiornamento: 15 luglio, 2021

Gli insetti sono sulla Terra da milioni di anni. La selezione naturale favorisce la comparsa di caratteri a volte esagerati, poiché la specializzazione in un ambiente specifico a volte richiede che il corpo dell’animale venga modificato all’estremo. Le forme, i colori ei comportamenti più stravaganti sono riusciti a mantenere in vita alcune specie contro i predatori più astuti del mondo animale. In questo articolo vi presentiamo i 10 insetti più rari del pianeta.

I 10 insetti più rari del pianeta

1. Formica kamikaze (Colobopsis explodens)

Scoperta di recente nella giungla del Borneo, questa formica appartiene a un genere di imenotteri che vive sugli alberi, da cui ottengono cibo e riparo. Esistono molte specie di formiche di questo tipo.

La specie Colobopsis explodens ha però una particolarità: il suo metodo di difesa consiste nel cadere sul suo nemico ed “esplodere”. In pratica questo insetto distrugge il proprio corpo per liberarne le viscere, insieme a una sostanza tossica che respinge i predatori.

Una formica.

2. Membracidae brasiliano (Bocydium globulare)

Per darvi un’idea della fisicità di questo esemplare, possiamo dire che è come se un anemometro fosse stato posizionato sulla testa di una cicala. Queste strane sporgenze sembrano svolgere la funzione di ingannare i nemici dell’insetto, poiché si presentano come strutture pericolose.

Per molto tempo si è pensato che questo insetto fosse il prodotto della fantasia del suo scopritore, Alfred Keller.

Uno degli insetti più rari al mondo.

3. Insetto stecco malese (Heteropteryx dilatata)

Questo insetto stecco è uno dei più grandi, dotato della particolarità di essere abbastanza pesante e non del tutto mimetizzato da ramo. In questa specie, infatti, è presente un evidente dimorfismo sessuale. I maschi sono marroni, piccoli e più simili a bastoncini, mentre le femmine sono più grandi, verdi e più simili a foglie. 

Un insetto stecco in posizione di difesa.

4. Mantide fantasma (Phyllocrania paradoxa)

Conosciuta anche come mantide a foglia secca, il suo nome ne descrive perfettamente le sembianze. Le sue dimensioni ridotte, il motivo dei colori e le piccole rughe sui lati consentono a questo insetto di mimetizzarsi nel terreno di una lettiera con la massima tranquillità. Ai margini dei rami caduti e dei cespugli a gambo basso, questo predatore insegue le sue vittime.

Un gruppo di mantidi fantasma.

5. Formica panda (Euspinolia militaris)

Non lasciatevi ingannare dal suo nome comune: non si tratta né di una formica, né di qualcosa di vicino al panda. In realtà, questo insetto è una vespa della famiglia Mutillidae, caratterizzata da filamenti pelosi che le ricoprono interamente il corpo. Nonostante la sua somiglianza con i panda amichevoli, questa vespa cilena ha un potente pungiglione.

Uno degli insetti più rari al mondo.

6. Atlante o farfalla cobra (Attacus atlas)

Riesci a immaginare una farfalla più grande del tuo viso? È il caso dell’Attacus atlas, il lepidottero più grande del mondo, con i suoi 30 centimetri di apertura alare. È una specie che vive in Cina, Indonesia e Malesia.

Inoltre, questa specie si nutre solo durante il suo stadio larvale. Dopo che la metamorfosi è completa, la farfalla cobra non vive per più di una settimana. 

Un Atlante di Attacus su un albero.

7. Curculionide giraffa (Trachelophorus giraffa)

Il suo nome deriva dall’estensione della sua testa, che ricorda un po’ il collo di una giraffa. Questa caratteristica è maggiormente presente nei maschi, in quanto è una specie sessualmente dimorfica. Questo “collo” non è casuale, dal momento che consente al tonchio della giraffa di piegare facilmente le foglie per costruire il suo nido.

Un tonchio della giraffa.

8. Scarabeo tartaruga d’oro (Charidotella sexpunctata)

Lo scarabeo tartaruga d’oro è uno scarabeo le cui ali hanno un bellissimo colore oro metallizzato. La particolarità di questo coleottero è che può assumere un colore rosso intenso in situazioni di stress, come una sorta di aposematismo involontario. 

Un bellissimo coleottero tartaruga.

9. Cavalletta rosa (Euconocephalus thunbergii)

Questo è uno degli insetti più rari del pianeta che non presenta una morfologia strana o metodi di mimetizzazione assurdi: è semplicemente rosa. La sua colorazione è prodotta dall’eritrismo, un gene recessivo. Praticamente nessun esemplare del genere Euconocephalus ha questo colore, quindi imbattersi in uno di questi mutanti è una vera fortuna.

Questo morfotipo di cavalletta è stato documentato solo in alcune zone dell’Inghilterra e del Portogallo, poiché è molto raro da trovare.

Una cavalletta rosa arroccata sull'erba.

10. Grillotalpa (Gryllotalpa gryllotalpa)

Il grillotalpa è una cavalletta che si è specializzata nello scavare tane, pertanto le sue zampe sono adatte a bucare la terra, soprattutto nel caso delle femmine. Questo, oltre al riparo, consente agli adulti di cercare in sicurezza un compagno e nutrirsi di piccoli insetti e radici. 

Uno degli insetti più rari al mondo.

Conoscevate qualcuno de i 10 insetti più rari del pianeta? Questo è un buon primo campione per stuzzicare la vostra curiosità sul mondo dell’entomologia, ma non pensate che non ci siano specie più creative quando si tratta di sopravvivenza. Se cerate, troverete sicuramente molti altri esempi e vi stupirete ancora di più del mondo degli invertebrati.

Potrebbe interessarti ...

Insetti utili per il giardino: quali sono?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Insetti utili per il giardino: quali sono?

Alcuni piccoli insetti utili per il giardino svolgono un ruolo fondamentale come impollinatori ed altri come protettori contro i parassiti.



  • Main, D. (2019, 15 de abril). Monstruos diminutos del bosque lluvioso. National Geographic.
  • Trachelophorus giraffa. (2021). NaturaLista.co. https://colombia.inaturalist.org/taxa/68372-Trachelophorus-giraffa
  • Hallan, Joel Kenneth (6 de junio de 2010). «Synopsis of the described Coleoptera of the World»Biology Catalog de la Universidad de Texas A&M (en inglés). Archivado desde el original  el 2021.