I cani aiutano i bambini autistici a socializzare

03 gennaio, 2016
 

Diversi scienziati affermano che, secondo alcuni studi pubblicati di recente, i bambini affetti da autismo hanno maggiori possibilità di socializzare se convivono con un animale domestico.

Gli scienziati che hanno partecipato allo studio assicurano infatti che, confrontando le abilità sociali dei bambini autistici che vivono con un cane rispetto a quelli che vivono senza, i primi sembrano essere più portati alla socializzazione.

La ricerca ha anche rivelato che i bambini che possiedono qualsiasi tipo di animale domestico sono più inclini a farsi coinvolgere nelle dinamiche sociali, come per esempio rispondere alle domande di altre persone.

Lo studio

bambino-cane

Portato a termine dal Centro di Investigazione per l’Interazione Uomo-Animale dell’università del Missouri, lo studio ha coinvolto 70 ragazzi, tra gli 8 e i 18 anni, accolti nel Centro Thompson per l’Autismo e i Disturbi del Neurosviluppo, in Colombia.

La maggior parte delle famiglie coinvolte nella ricerca aveva un cane, e quasi la metà un gatto. Altri animali domestici registrati comprendono pesci, animali da fattoria, roditori, conigli, rettili, volatili e persino un ragno.

 

I ricercatori affermano che gli animali possono fungere da catalizzatori sociali. Quando l’animale è presente nell’ambito sociale della persona affetta da autismo, essa riesce a farsi coinvolgere maggiormente dagli altri.

I dati dello studio rivelano che le dinamiche d’interazione con gli animali possono essere di grande aiuto per i bambini autistici. E’ necessario però effettuare ulteriori ricerche, al fine di determinare se il possedimento di animali domestici sia realmente responsabile delle maggiori abilità sociali riscontrate.

Bambini autistici e animali domestici

I cani sono una compagnia ottimale per i bambini affetti da autismo. È stato scientificamente provato come i nostri amici a quattro zampe favoriscano i processi d’interazione di questo tipo di persone.

Sono dei grandi compagni, pronti ad offrire una certa sicurezza. Ma questo non è tutto.

I cani da assistenza per i piccoli con autismo sono unici al mondo: a differenza dei cani guida, addestrati per aiutare le persone nelle faccende fisiche, i cani da assistenza restano accanto al loro padrone per offrirgli un appoggio emotivo.

Questo tipo di animale sarà sempre al fianco del suo proprietario, come una presenza che offra solidità e tranquillità. Sono animali in grado di alleggerire il sovraccarico emotivo delle persone affette da autismo. Come mai?

Le persone autistiche spesso sono incapaci di filtrare le informazioni sensoriali che accumulano. Queste persone ascoltano e sentono, ma generalmente non riescono ad ignorare o ridirigere questi stimoli.

 

I vantaggi dell’avere un cane da assistenza

cani-bambini

La presenza di un animale al fianco di un bambino, una bambina o un adulto affetti da questo disturbo, può aiutarli a trovare un punto su cui centrare l’attenzione, così come un modo per stabilizzare le proprie esperienze nell’ambiente circostante.

La maggior parte dei bambini con autismo non dispone del concetto di sicurezza personale, e sarebbe tranquillamente capace di buttarsi nel traffico senza badare alle conseguenze. I cani da assistenza hanno a tal riguardo la capacità specifica di aiutarli ad attraversare la strada. In alcuni casi, i bambini vengono legati alla pettorina del cane, per evitare qualsiasi incidente.

È importante sottolineare che le abilità descritte sono raggiunge solo a seguito di un’importante fase di addestramento del cane. Questo tipo d’informazione si ottiene nei centri specializzati, con professionisti formati su questa disciplina.

D’altra parte, i bambini devono abituarsi ad utilizzare bardature e pettorine, e anche questa preparazione è portata avanti dal personale idoneo.

È estremamente importante capire che sia la gentilezza che la docilità del cane da assistenza, anche con la sola presenza dell’animale, aiutano il bambino ad essere tollerante, ad emettere suoni per richiamare l’attenzione e ad utilizzare in maniera diversa il linguaggio del corpo. I comportamenti compulsivi nei bambini subiscono inoltre una diminuzione.

 

In questo senso, i cani possono essere addestrati per operare con interventi sul piano fisico volti ad aiutare la persona durante questo tipo di attacchi ripetitivi o auto lesionisti. Ma tutto questo può variare a seconda dei casi.

I cani da assistenza possono diventare il legame tra un bambino affetto da autismo e il mondo che lo circonda.

Non c’è dubbio che spesso, al contrario degli adulti che non riescono ad aiutare i più piccoli o si perdono in sguardi di scherno e mormorii, un cane può davvero aiutare un bambino autistico e migliorare le sua capacità di socializzazione.

Ricordatevi che sia i cani che altri animali domestici possono essere di grande aiuto per i bambini autistici. E non dimenticate: un animale da assistenza ha sempre da offrire il suo amore incondizionato e la sua pazienza. Il suo appoggio può essere più significativo di quello di qualsiasi altra persona.