I cani possono mangiare l'anguria? Sì, ma senza esagerare

Un frutto di fama mondiale come l'anguria è l'ideale per contrastare il caldo e la sete. E questo vale anche per i cani! Ma attenzione a non esagerare.
I cani possono mangiare l'anguria? Sì, ma senza esagerare

Ultimo aggiornamento: 19 maggio, 2021

L’anguria è un frutto molto popolare in tutto il mondo. Il suo alto contenuto di acqua (90%) lo rende il complemento ideale per rinfrescarsi nei periodi caldi, come l’estate. Questo frutto originario dell’Africa si è diffuso ovunque ed è una vera delizia. Ma i cani possono mangiare l’anguria?

Le sue grandi dimensioni rendono l’anguria ideale da condividere con la famiglia. Ideale anche per preparare ghiaccioli, gelati, granite e macedonie, è amata davvero da tutti. Ma possiamo darla ai cani? Rispondiamo subito.

Benefici dell’anguria per i cani

L’anguria offre agli esseri umani centinaia di proprietà benefiche per la salute. Lo stesso accade con i cani, grazie alle vitamine, ai minerali e alle calorie che questo frutto fornisce. Ecco alcuni dei valori nutrizionali in 100 grammi di anguria:

  • Acqua: 91,45 grammi.
  • Calorie: 30 chilocalorie.
  • Carboidrati: 7,55 grammi.
  • Vitamina C: 8,1 milligrammi.
  • Calcio: 7,7 milligrammi.
  • Proteine: 0,61 grammi.

Oltre agli elementi già citati, l’anguria contiene alte percentuali di fosforo, ferro, potassio, vitamina E e zinco. Le vitamine ei minerali che l’anguria possiede svolgono varie funzioni nel corpo dei cani:

  • Vitamina C: aiuta ad assorbire correttamente il ferro.
  • Vitamina A: rafforza la vista.
  • Calcio: necessario per la salute delle ossa e delle articolazioni.
  • Ferro: aiuta a combattere e ridurre il rischio di anemia nei cani.
Un cane che gode di un pezzo di anguria.

L’anguria è diuretica e digestiva

Oltre al suo contenuto in acqua, l’ anguria è un frutto ricco di vitamina C, essenziale per il metabolismo. Inoltre, è un diuretico naturale, che aiuta a favorire il flusso di urina. Di conseguenza, protegge i reni dei mammiferi, il loro sistema urinario e li aiuta a pulire il loro intestino, secondo gli studi.

È a basso contenuto di calorie

Poiché questo frutto è composto quasi solo da acqua, è povero di calorie, quindi è ideale per i cani in sovrappeso. Può anche essere incluso nella dieta per evitare l’effetto rebound. Inoltre, può essere utilizzato nei cani che hanno un peso ideale, in quanto aiuta a mantenere la linea.

Contiene citrullina

Va tenuto presente che l’anguria è ricca di citrullina, un composto α-amminoacidico organico appartenente al gruppo degli amminoacidi non proteici, che è coinvolto nel ciclo dell’urea. Questo ha un ruolo fondamentale nella creazione di proteine nell’organismo e sembra agire come un vasodilatatore, secondo fonti professionali.

La citrullina favorisce il recupero muscolare, rendendola ideale per i cani che tendono a fare molto esercizio.

Contrasta il colpo di calore

Grazie al fatto che è per il 90% acqua, l’anguria è altamente consigliata durante i mesi più caldi, poiché aiuta a mantenere i cani idratati e freschi, evitando i colpi di calore. Questi ultimi provocano una serie di reazioni e conseguenze negative nell’animale che ne soffre a causa della disidratazione subita e della perdita di zuccheri.

È ricca di antiossidanti

Diverse fonti hanno registrato che l’anguria è ricca di antiossidanti, composti che riducono al minimo l’impatto dei radicali liberi sul DNA degli esseri viventi. Insomma, l’anguria per cani potrebbe migliorare la loro salute generale e ritardare lo sviluppo di malattie degenerative.

L’anguria fa bene ai cani?

Considerando i benefici già citati, l’ anguria è senza dubbio un alimento positivo per i cani. La sua grande quantità di acqua permette al tuo cane di non disidratarsi e dargli questo frutto è un modo diverso per rispettare questo pilastro fondamentale nella sua alimentazione.

L’anguria non presenta alcun rischio di tossicità nel tuo cane, al contrario, fornisce molti benefici e nutrienti essenziali. Tuttavia, si consiglia di non abusare delle quantità raccomandate nell’anguria per i cani.

Controindicazioni dell’anguria per i cani

Lo zucchero è un grande rischio per i cani che consumano anguria in grandi quantità. 100 grammi di questo frutto contengono 6,2 grammi di zucchero, quindi dovrebbe essere somministrato in piccole quantità ai cani con diabete. Allo stesso modo, non è raccomandato per cani con ipotensione o insufficienza renale, perché riduce la pressione e contiene potassio.

Dosaggio consigliato

Per evitare futuri inconvenienti alla salute del tuo cane, si consiglia di offrire l’anguria senza semi e senza buccia. In questo modo il cane non consumerà troppe fibre e zuccheri. D’altra parte, sebbene contenga molta acqua, è bene non abusarne e non darla al cane quotidianamente.

La prima volta che il cane mangia l’anguria è inoltre importante offrirgliene una piccola quantità, per assicurarsi che non sia allergico. Nel caso dei cuccioli è possibile seguire le suddette indicazioni e prestare maggiore attenzione, perché il loro apparato digerente non è completamente maturo.

I cani possono mangiare l'anguria?

Come hai visto, l’anguria per i cani ha effetti soprattutto positivi, a patto che il suo consumo non divenga eccessivo. I minerali e le vitamine che contiene aiutano a migliorare la salute del tuo animale domestico, quindi non dovresti esitare a includere l’anguria sporadicamente nella sua dieta.



  • Mascotas diabéticas, American Veterinary Medical Association. Recogido el 10 de mayo de 2021 de: https://ebusiness.avma.org/files/productdownloads/LR_DiabeticPetsSpanish%202016.pdf
  • Bazabang, S. A., Monday, N., Adebisi, S. S., Makena, W., & Iliya, I. A. (2018). Hepatoprotective effects of aqueous extract of watermelon (Citrullus lanatus) seeds on ethanol-induced oxidative damage in Wister rats. Sub-Saharan African Journal of Medicine, 5(4), 129.
  • Naigamwalla, D. Z., Webb, J. A., & Giger, U. (2012). Iron deficiency anemia. The Canadian Veterinary Journal, 53(3), 250.
  • Tlili, I., Hdider, C., Lenucci, M. S., Riadh, I., Jebari, H., & Dalessandro, G. (2011). Bioactive compounds and antioxidant activities of different watermelon (Citrullus lanatus (Thunb.) Mansfeld) cultivars as affected by fruit sampling area. Journal of Food Composition and Analysis, 24(3), 307-314.