I cani possono soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo?

21 Novembre 2019
Allo stesso modo dell'uomo, anche i cani possono soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo. Identificarlo è il primo passo per superarlo.

Esistono molti tipi di disturbo ossessivo-compulsivo, specialmente tra i mammiferi. Anche gli umani sono colpiti da questo tipo di problema psicologico. Ma i cani possono soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo? La risposta è sì.

Negli animali domestici, spesso, il problema ha origine in un periodo di stress. Inavvertitamente, molti padroni incoraggiano il cane a compiere determinate azioni lodando o prestando attenzione al comportamento ripetitivo.

L’animale potrebbe anche aver ereditato una certa predisposizione a soffrire di tale disturbo. I Cocker Spaniel, ad esempio, presentano una certa predisposizione a proteggere gli oggetti e, a volte, il proprio spazio.

Il disturbo ossessivo compulsivo è riconosciuto come una condizione canina?

Sì, i cani possono mostrare numerosi comportamenti ossessivi o prepotenti. I più comuni sono girare intorno, inseguire la coda, inseguire ombre e luci, leccare muri, proteggere gli oggetti, succhiare giocattoli o coperte.

Altri comportamenti ossessivo-compulsivi osservati sono le allucinazioni (ad esempio morsi di mosche immaginarie), voglia di mangiare sostanze non alimentari come terra, pietre o feci, muoversi con ritmo, sguardo fisso e versi strani. Alcuni cani mostrano anche una certa aggressività.

I cani possono raggiungere uno stadio in cui si auto feriscono o distruggono le cose, che è spesso correlato all’ansia da separazione. Successivamente, vedremo alcuni di questi comportamenti:

Segni di disturbo ossessivo-compulsivo nei cani

1. Girare o inseguire la propria coda

La razza bull terrier, e in particolare i bull terrier inglesi, presentano una certa propensione verso questa condizione. Sebbene, ovviamente, non siano le uniche razze che soffrono di questo disturbo.

Inseguire la coda può essere un segno di disturbo ossessivo compulsivo nei cani

Ricerche recenti hanno dimostrato che inseguire la coda, in particolare nei bull terrier, potrebbe essere una forma di autismo. Uno studio condotto nel 2011 da Moon-Fanelli ha determinato che la coazione a inseguire la coda è più diffusa negli esemplari maschi. Lo studio ha infine concluso che sembra essere associato a comportamenti di trance e aggressività episodica.

Questi risultati, insieme al comportamento ripetitivo dell’inseguimento della coda e alla tendenza alle fobie, hanno portato gli esperti a concludere che l’inseguimento della coda potrebbe rappresentare una forma canina di autismo.

Tuttavia, va notato che queste conclusioni non sono definitive. Lo stesso studio ha anche indicato che questa sindrome nei cani potrebbe essere correlata a una condizione genetica chiamata sindrome X fragile.

Meglio essere cauti riguardo alla diagnosi di autismo canino

È importante notare che esistono diverse altre condizioni canine difficili da diagnosticare, come ansia e disturbi del dolore. Queste condizioni possono causare segni clinici simili a quelli associati all’autismo.

Pertanto, in tutti i casi eccezionali, come i bull terrier sopra menzionati, il meglio che veterinari e padroni possono fare per ora è dire che un cane “potrebbe essere affetto da autismo”.

Affinché ad un cane venga diagnosticato provvisoriamente l’autismo, deve mostrare comportamenti ripetitivi atipici e un certo grado di compromissione dell’interazione sociale con altri cani o persone. Inoltre, un veterinario deve prima escludere altre condizioni che potrebbero essere responsabili delle manifestazioni cliniche osservati.

2. Protezione degli oggetti, un chiaro disturbo ossessivo-compulsivo

La protezione degli oggetti è il comportamento che i cani manifestano quando si aggrappano ad un oggetto e non vogliono più lasciarlo andare. La risorsa potrebbe essere un giocattolo, cibo, o qualsiasi altro tipo di oggetto e persino il padrone.

Cane possessivo nei confronti di un giocattolo

Questo comportamento si manifesta in diversi modi e, spesso, i proprietari non sono consapevoli del fatto che il loro cane lo sta manifestando fino a quando non diventa più evidente.

La difesa talvolta implica aggressività. Entrambi possono sembrare abbastanza simili, ma se un cane ha paura, potrebbe provare a ritirarsi. Il cane può usare l’aggressività attiva se il fatto di ritirarsi non ha avuto successo.

La genetica può essere un fattore scatenante nei comportamenti come la protezione degli oggetti. Ad esempio, questo comportamento è osservato molto di frequente nei Cocker Spaniel.

3. Leccarsi le zampe

Questo comportamento potrebbe iniziare con un problema organico iniziale come una lesione o un’allergia. Tuttavia, potrebbe evolversi in veri e propri problemi psicologici come l’ansia.

Cane si lecca la zampa in modo ossessivo

Leccarsi costantemente le zampe provoca il rilascio di endorfine nel cervello, che creano una sensazione di benessere. Pertanto, il cane ripete il comportamento per ottenere la sua endorfina.

La noia, lo stress, l’inattività e le allergie possono scatenare un episodio di disturbo ossessivo-compulsivo. L’importante è cercare di scoprire qual è il fattore scatenante e quindi provare a eliminare la causa per trattare il comportamento.

4. Ossessione per la luce e per l’ombra

Questo è un classico disturbo ossessivo-compulsivo ed è solitamente causato da uno dei numerosi stimoli esterni. I più comuni sono creati dal padrone. Spesso, può iniziare accidentalmente quando una persona accende una luce e provoca una luce o un’ombra in movimento.

Il cane reagisce e comincia a seguire il movimento della luce. Il padrone lo trova divertente e lo ripete più volte. In questo modo, il cane ha iniziato a seguire il percorso delle luci e delle ombre, dando origine ad un disturbo ossessivo-compulsivo. Altre situazioni possono stimolare il cane a questa azione.

Questo disturbo si nota spesso nei cani che vengono lasciati soli per lunghi periodi. Tende o persiane svolazzano causando il movimento della luce, il cane lo trova interessante e comincia a inseguirlo.

Ancora una volta, vengono prodotte endorfine. La razza che ne soffre di più è il border collie. Anche altri cani da pastore possono soccombere a questa stimolazione di luce o ombra.

Sebbene il disturbo ossessivo-compulsivo non si verifichi sempre a causa della classica ansia da separazione, può essere stimolato da lunghe assenze. Gli esperti ritengono che potrebbe anche essere correlato all’insorgenza della demenza o dell’Alzheimer.

Esistono trattamenti per questo comportamento, ma una cura o una soluzione completa non è sempre possibile. In questi casi, il trattamento con serotonina viene utilizzato con una certa frequenza. Anche la cosiddetta “terapia di avversione al rumore” è stata usata per spezzare il cerchio creato dal disturbo ossessivo-compulsivo.

  • Moon-Fanelli, A. A., Dodman, N. H., Famula, T. R., & Cottam, N. (2011). Characteristics of compulsive tail chasing and associated risk factors in Bull Terriers. Journal of the American Veterinary Medical Association, 238(7), 883-889.
  • Tiira K, Hakosalo O, Kareinen L, Thomas A, Hielm-Björkman A, Escriou C, et al. (2012) Environmental Effects on Compulsive Tail Chasing in Dogs. PLoS ONE 7(7): e41684. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0041684
  • Jacobs, J. (2016). Understanding Canine Resource Guarding Behaviour: An Epidemiological Approach (Doctoral dissertation).
  • Pérez-Guisado, J., Lopez-Rodríguez, R., & Muñoz-Serrano, A. (2006). Heritability of dominant–aggressive behaviour in English Cocker Spaniels. Applied Animal Behaviour Science, 100(3-4), 219-227. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0168159105003667