I conquistatori europei sterminarono i primi cani americani

· 12 Aprile 2019
I conquistatori europei che arrivarono nel nuovo continente nel quindicesimo secolo portarono con sé malattie infettive che contagiarono i cani americani.

Il materiale genetico dei primi cani americani rivela che questi animali provenivano da antenati della Siberia, che arrivarono nel continente 11.000 anni fa.

Questo studio rivela anche la loro improvvisa scomparsa nel XV secolo. Sembra proprio che l’origine del cane domestico debba essere riscritta ancora e ancora e che ci porti ogni volta a delle teorie sempre più interessanti.

I conquistatori europei sterminarono i primi cani americani?

Dove vivevano i primi cani americani?

I primi cani del Nord America erano distribuiti su tutto il territorio, in cui vissero per migliaia di anni in armonia con i nativi americani. Questo fino all’arrivo dei conquistatori europei nel XV secolo.

Bisogna tenere presente che gli animali domestici sono influenzati dalla storia umana. Proprio come i coloni hanno sofferto l’arrivo degli invasori europei, questa invasione ha colpito anche gli animali domestici.

Sebbene le ragioni esatte di questa sparizione siano sconosciute, ci sono diverse ipotesi. Come con i coloni, è possibile che i cani europei portassero con sé malattie infettive a cui i primi cani americani erano molto più sensibili.

D’altra parte, la loro scomparsa potrebbe semplicemente essere dovuta ai cambiamenti nella preferenza delle comunità locali quando si trattava di allevare un cane.

Ciò che è chiaro è che al momento ci sono pochissimi resti di questi animali, e tutte le razze americane discendono dalle razze europee del XV secolo.

Cane americano

L’origine dei primi cani d’America

L’origine di questi primi cani americani era un mistero. Per questa ragione, un team dell’Università di Oxford ha deciso di studiare il materiale genetico dei resti archeologici e ha scoperto che gli antichi cani americani non sembrano discendere dai lupi americani, ma da un comune antenato siberiano di 11.000 anni fa.

Questa teoria coinciderebbe con le prime migrazioni tra America e Asia, grazie alle quali sarebbero arrivati questi cani. Allo stato attuale, la loro traccia nella genetica è praticamente scomparsa, anche se sembra che ci sia un’eredità lasciata da queste specie estinte: i tumori contagiosi nei cani.

Si tratta di un cancro genitale presente con una certa frequenza nei cani, e del quale attualmente si stanno verificando moltissimi casi in tutto il mondo. Questo cancro, che si diffonde come un virus, sarebbe l’unica traccia degli antenati di questi primi cani del Nord America.

Ciò porta molti a riconsiderare il ruolo avuto dal cane durante le prime migrazioni umane attraverso lo Stretto di Bering e se addirittura non si deve a questo animale il processo di espansione in atto attraverso il pianeta. Alcuni credono che ci possano essere anche altre manifestazioni dell’eredità di questi primi cani americani, come ad esempio i cani senza pelo.

Cucciolo accovacciato

I cani del Sud America hanno la stessa origine?

Tuttavia, molti sostengono che le razze americane siano ancora più antiche di quanto affermano questi studi. Ad esempio, ci sono vestigia della civiltà azteca di cani simili ai Chihuahua, una razza messicana che potrebbe risalire a prima dell’invasione europea del continente americano.

Le razze andine o i famosi cani senza pelo sono altre razze che i paesi del Sud America e dell’America Centrale rivendicano come precedenti all’invasione europea. Tuttavia, sembra che le razze come il Labrador abbiano un’origine europea.

Una delle prime razze a raggiungere il continente americano durante la conquista dell’America fu l’alano spagnolo, una razza estremamente forte che veniva usata anche per abbattere i tori durante gli eventi della corrida.