Il barracuda, un pesce aggressivo e imprevedibile

16 Maggio 2019
Il barracuda è uno di quei pesci che nessuno vorrebbe trovarsi di fronte. Il suo sguardo temibile e la muscolatura potente lo rendono uno dei predatori più temuti dell'oceano.

Quando pensiamo ad animali marini pericolosi, ci vengono in mente specie come squali, orche e meduse. Tuttavia, si sa poco di uno dei pesci più aggressivi e comuni nelle zone costiere: il barracuda.

È l’ultimo rappresentante del genere degli Sphyraena, pesci carnivori che si possono vedere ovunque nell’oceano, ma che pochi conoscono. Scopriamo qualcosa in più sul barracuda.

Caratteristiche e habitat dei barracuda

Le dimensioni del barracuda possono essere molto varie, con una lunghezza compresa tra 50 e 180 centimetri. Ha una forma idrodinamica che lo rende tremendamente veloce. Si distingue per il suo corpo allungato e muscoloso. Il suo aspetto sembra inoffensivo fino a quando non si guarda la bocca.

La sua mascella è molto grande rispetto al resto del corpo. Presenta una fila di denti affilati, irregolari che incutono terrore.

Il suo peso oscilla tra i 9 e i 20 chili, ma non è difficile trovare esemplari di quasi due metri per più di 25 kg.

La sua mascella è forte ed è in grado di addentare la preda con molta violenza. Pochi animali sono in grado di sopravvivere all’attacco di un barracuda adulto.

Barracuda nel fondale marino

Per quanto riguarda il suo habitat, gli adulti e gli esemplari più giovani hanno abitudini diverse. I giovani barracuda tendono a frequentare le aree basse e costiere, dove prosperano prede facili e le acque sono più calde. Gli adulti trascorrono la maggior parte del loro tempo in acque profonde.

A volte si trovano anche nelle mangrovie o nelle lagune costiere, sempre alla ricerca di qualcosa da mettere in bocca. In quasi ogni parte del mondo potete trovare uno di questi predatori. Vi consigliamo di non infastidirli.

Le abitudini alimentari del barracuda

Partendo dal presupposto che un barracuda adulto può mangiare quasi tutto ciò che è commestibile, predilige i pesci piccoli, facili, veloci da catturare, i piccoli crostacei e i calamari.

Alimentazione del barracuda

Gli esseri umani non rientrano nella loro dieta e, in genere, non attaccano se non si sentono intimiditi. Attaccano in modo repentino, esplosivo e poi fuggono velocemente.

Le conseguenze di un attacco da parte di un barracuda adulto sono solitamente gravi, causano molto dolore, ma di solito non portano alla morte.

Riproduzione del barracuda

Questo pesce di solito si riproduce da aprile e settembre, quando l’acqua è più calda e la quantità di cibo disponibile è maggiore.

All’età di tre anni, un barracuda maschio è già pronto per la riproduzione, mentre le femmine hanno bisogno di un altro anno per preparare il loro corpo.

Le acque basse e calde sono preferite dalle femmine per deporre le uova. Le mettono in aree protette per evitare il più possibile che vengano mangiate dai pesci più piccoli.

Di solito producono tra le 5.000 e le 30.000 uova, un numero sufficiente per garantire una nuova generazione di barracuda. Tuttavia, molte di queste vengono divorate.

Quando si schiudono, le aree di barriera offrono ai piccoli la protezione di cui hanno bisogno prima di avventurarsi fuori per esplorare le zone più profonde e pericolose, in cui sarebbero prede molto facili da catturare.

Sono commestibili?

Gli esemplari di medie dimensioni sono solitamente consumati, tuttavia, il consumo di barracuda più grandi ha portato a casi di intossicazione alimentare, nei paesi orientali.

Barracuda e pesca sportiva

Detto questo, è uno dei pesci più apprezzati nella pesca sportiva. La sua velocità e forza lo rendono una specie molto difficile da catturare con una canna.

Per questo è molto ambito e i pescatori sportivi desiderano sempre mostrare foto con questi esemplari.

Attualmente non vi è alcun rischio di estinzione e il numero di esemplari è molto abbondante. Questa è una grande notizia viste le difficoltà che stanno affrontando gli oceani in generale.