Il comportamento dei primati, affascinanti "quasi" umani

Il comportamento dei primati è molto complesso e vario a seconda della specie. Se stai iniziando nella primatologia, ecco alcune generalità sul suo modo di essere.
Il comportamento dei primati, affascinanti "quasi" umani

Ultimo aggiornamento: 22 agosto, 2021

I primati sono un vasto ordine di mammiferi placentari attualmente differenziati in 2 sottordini: strepsirrini e aplorrini. È difficile riunire il comportamento dei primati in un singolo articolo, poiché ciascuna delle oltre 200 specie di questo gruppo mostra comportamenti complessi e unici.

Ciò che tutti i primati hanno in comune è avere 5 dita delle mani e dei piedi, essere plantigradi, avere pollici e arti opponibili adattati al salto e muoversi attraverso la brachiazione, cioè la capacità di spostarsi da un albero all’altro con le braccia. Da queste caratteristiche si può generalizzare una serie di comportamenti comuni.

Il comportamento sociale dei primati

Il comportamento dei primati della maggior parte delle specie è gregario. Per questo motivo, comprende modelli sociali comuni come l’adescamento, la cooperazione, l’istituzione di una gerarchie o l’affiliazione.

I vantaggi deelle reti sociali all’interno dei gruppi di questi mammiferi si basano sulla difesa del territorio e sulla capacità di rispondere ai predatori, oltre che sull’ottimizzazione della ricerca delle risorse. Tuttavia, la competizione interna a volte è un grande svantaggio per gli individui più in basso nella gerarchia.

Gli esseri sociali lo sono perché, a livello evolutivo, questa strategia favorisce la permanenza della specie.

I legami affettivi

Il carattere sociale dei primati, insieme alla loro grande capacità cognitiva, crea una complessa rete di interazioni all’interno dei gruppi. Sebbene con eccezioni la configurazione delle gerarchie sia solitamente patriarcale, le femmine hanno il proprio sistema di organizzazione. Questo si intreccia con quello dei maschi, a volte ponendoli al di sopra di alcuni di essi.

I maschi dei gruppi patriarcali solitamente si occupano della difesa del gruppo, ma nelle specie matriarcali la femmina dominante svolge un ruolo di guida e di riferimento.

In generale, ogni membro del gruppo ha un ruolo a seconda del sesso, dell’età e del rango. L’affiliazione e la cooperazione sono favorite dai rapporti familiari. In questo modo, è più probabile che gli individui imparentati lavorino insieme e mostrino comportamenti come vicinanza fisica, cura o condivisione delle risorse.

Le quattro domande di Tinbergen ci aiutano a svelare il comportamento animale.

La territorialità e il comportamento dei primati

La territorialità non si trova solo tra comunità di primati e altri animali, ma anche all’interno del gruppo. I comportamenti di avvicinamento-allontanamento hanno solitamente a che fare con i conflitti che si generano con la vicinanza degli esemplari nella scelta dei luoghi migliori dove nidificare, riposare o nutrirsi.

Competizione e aggressività

Quando gli individui di un gruppo di primati hanno gli stessi obiettivi e questi non possono essere raggiunti per tutti, è comune vedere conflitti e competizione. Questo tipo di scontro, però, non porta sempre all’aggressività, poiché i primati tendono a ricorrere prima a forme di avvertimento e intimidazione.

Il conflitto gioca un ruolo fondamentale nel comportamento dei primati, perché attraverso la sua comparsa e risoluzione si configurano gerarchie e alleanze. Sono interazioni necessarie e naturali nella loro socializzazione.

Gli esseri umani sono molto più numerosi e abbiamo risorse sociali che consentono la quasi totale assenza di conflitto, quindi tendiamo a dare a questo concetto una sfumatura molto più negativa e ad applicarlo ad altre specie.

Le aggressioni fisiche si verificano quando le regole sociali tra i primati vengono ripetutamente infrante e le trasgressioni non diminuiscono con gli avvertimenti degli altri membri del gruppo. Alcuni dei comportamenti di avvertimento comuni a tutte le specie di primati sono le vocalizzazioni, il mostrare i denti, lo scuotimento dei rami o la spinta.

Conflitti e aggressioni, tuttavia, sono spesso seguiti da comportamenti riconcilianti, come abbracciarsi o accarezzarsi. In questo modo le differenze tra gli individui possono essere risolte con calma senza rompere l’unità del gruppo.

Uso di strumenti per primati

Ci sono molti segni dell’esistenza di un’intelligenza avanzata nei primati: quoziente di encefalizzazione, cultura, infanzia prolungata e, naturalmente, l’uso di strumenti. I primati non solo usano strumenti per semplificarsi la vita, ma li creano anche.

Gli scimpanzé, prima di mettere un ramoscello nei termitai per allontanare questi insetti, lo preparano rimuovendo le foglie, la corteccia e i pezzi che possono intralciare il percorso.

Non solo il comportamento “bastone” si trova nei primati. I gorilla ( Gorilla gorilla ) e gli oranghi ( Pongo pigmaeus ) usano grandi foglie come ombrelli quando piove. Altre specie selezionano e usano le rocce per aprire il guscio del frutto (o come arma).

La fabbricazione e l’uso di strumenti richiede determinati processi cognitivi di problem solving, creatività e apprendimento. Le strategie a volte si sovrappongono: questi mammiferi non si limitano a tentativi ed errori, ma riflettono attivamente prima di agire e arrivano persino a soluzioni attraverso l’intuizione, o l’interiorizzazione di ciò che hanno appreso.

Comportamento in cattività

Gli studi sul comportamento dei primati sono iniziati con i ricercatori Jane Goodall, Dian Fossey e Biruté Galdikas. Queste 3 donne hanno dedicato la loro vita a documentare il comportamento dei grandi primati allo stato brado. Tuttavia, la maggior parte degli studi sono stati condotti in cattività da loro.

In generale, in condizioni di confinamento è stato osservato che le gerarchie sono molto più lassiste, oltre a una maggiore incidenza di aggressioni e conflitti. La competitività delle risorse, anche se fornite in quantità sufficienti per tutti, aumenta notevolmente.

Inoltre, i primati soffrono di stress quando sono in cattività, poiché sono consapevoli del loro confinamento. Stereotipi, autolesionismo e disturbi d’ansia e depressione sono comuni anche in queste condizioni di vita. A causa dell’abbassamento delle difese derivate dallo stress, vi è anche una maggiore incidenza di parassiti e malattie.

Scimmie che si abbracciano.

Il comportamento dei primati li conferma animali molto complessi

Per darvi un’idea di quanto siano complessi questi mammiferi, qualche anno fa è stata creata la figura giuridica di una persona non umana, che, per la sua capacità di riconoscere il confinamento, l’intelligenza e i tratti emotivi pari agli umani, riconosce la diritto alla vita, alla libertà non essere più abusato fisicamente o psicologicamente.

Sebbene a prima vista non sembrino avere un comportamento molto vicino al nostro, basta approfondire per rendersi conto che l’unica cosa che ci separa dai primati è la lingua parlata e il livello di sviluppo della cultura. Sono “persone” come gli umani e tutti quelli che hanno trascorso del tempo a studiarli lo confermano.

Potrebbe interessarti ...
La maggior parte dei primati del Madagascar è in pericolo di estinzione
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
La maggior parte dei primati del Madagascar è in pericolo di estinzione

Quasi 1/3 dei primati del Madagascar è a rischio a causa di deforestazione, crisi pandemica e caccia illegale. È tempo di agire!



  • Piñeros, S. A. S. (2017). LAS PERSONAS NO HUMANAS COMO SUJETOS DE DERECHOS. Cuadernos de Derecho Público, (6), 33-46.
  • Fossey, D. (2000). Gorillas in the Mist. Houghton Mifflin Harcourt.
  • Montgomery, S. (2009). Walking with the Great Apes: Jane Goodall, Dian Fossey, Biruté Galdikas. Chelsea Green Publishing.
  • Westergaard, G. C., & Suomi, S. J. (1995). The production and use of digging tools by monkeys: A nonhuman primate model of a hominid subsistence activity. Journal of anthropological research51(1), 1-8.
  • Sussman, R. W., Garber, P. A., & Cheverud, J. M. (2005). Importance of cooperation and affiliation in the evolution of primate sociality. American journal of physical anthropology128(1), 84-97.