Infertilità nei gatti: cause, diagnosi e trattamento

L'infertilità nei gatti è una condizione che può avere molteplici cause, da un tumore o una cisti a un'insufficienza cromosomica ereditata da generazioni.
Infertilità nei gatti: cause, diagnosi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 22 luglio, 2021

Sebbene l’allevamento di felini sia sempre più diffuso in tutte le regioni del mondo, la maggior parte degli studi sull’efficacia riproduttiva negli animali da compagnia sono stati condotti sui canidi. Tuttavia, sarete sorpreso di sapere che fino al 20% dei gatti della razza British Shorthair sono sterili e non possono riprodursi. Sapete da cosa è causata l’infertilità nei gatti?

In questa specie (Felis silvestris catus), l’infertilità nel sesso femminile può essere dovuta a fattori quali incrocio errato, anestro prolungato, gelosia silenziosa o problemi a livello ormonale, nutrizionale, nel DNA o nella conformazione dei cromosomi. Se vuoi saperne di più sulla disfunzione riproduttiva femminile nei gatti, continua a leggere.

Il ciclo riproduttivo felino

I gatti hanno diversi cicli riproduttivi durante tutto l’anno, chiamati estro. La fecondazione è interna e avviene attraverso la penetrazione e, curiosamente, è l’atto stesso del rapporto che stimola sessualmente la femmina. Le spicole del pene del maschio sfregano contro le pareti della vagina del gatto, favorendo l’ovulazione se è il momento giusto.

I gatti si accoppiano con diversi corteggiatori durante il loro calore, quindi è molto comune che una cucciolata sia composta da discendenti di più di un genitore. La maturità sessuale viene raggiunta a 4-5 mesi e la gestazione una volta avvenuta la fecondazione dura circa 66 giorni. Lo svezzamento dei cuccioli termina a circa 8-10 settimane.

Fasi del ciclo ovulatorio felino

Come indicato da fonti professionali, le gatte sono poliestriche stagionali, cioè presentano diversi cicli ovulatori nel corso dell’anno, ma concentrati in una fase specifica. In questi gatti la fase riproduttiva avviene in primavera e in estate, in quanto un fotoperiodo caratterizzato da 14 ore di luce giornaliera favorisce la secrezione di alcuni ormoni sessuali.

Le diverse fasi dell’estro del felino possono essere concentrate nei seguenti eventi:

  • Proestro: la femmina attrae i maschi che non sono stati sterilizzati, ma non sono ancora pronti per dare alla luce la prole. Questa fase dura solo un paio di giorni e il gatto non mostra segni evidenti di calore.
  • Estro: questa fase dura circa una settimana ed è quella che solitamente si identifica con il calore stesso. Il gatto attrae chiaramente i maschi e mostra comportamenti di attaccamento esagerati, un più alto tasso di vocalizzazioni e certe posture. Una femmina in questo stato deve accoppiarsi da 4 a 6 volte in estro per rimanere incinta.
  • Interestro: se la femmina non rimane incinta durante l’estro, entrerà nella fase successiva. È il processo intermedio nella fase riproduttiva in cui il gatto non è ricettivo e dura da 3 giorni a 3 settimane.
  • Anestro: questo è il periodo dormiente al di fuori della stagione riproduttiva e dura gran parte dell’anno. In ogni caso, se il fotoperiodo è molto disturbato in un gatto domestico, può entrare in proestro anche se non è il tempo indicato.
Una gatta incinta.

Cause di infertilità nei gatti

Ora che conosci un po’ meglio le singolarità riproduttive dei felini domestici, siamo pronti a esplorare le cause dell’infertilità nei gatti.

Riproduzione al momento sbagliato

Secondo studi della National Library of Medicine, il 75% degli allevatori riproduce femmine ricettive con maschi durante i 3 giorni successivi all’inizio dell’estro, poiché sembra essere la data con la più alta percentuale di successo. Tuttavia, è stato anche registrato che i rapporti solo il primo giorno spesso promuovono il rilascio di ovuli immaturi o di scarsa qualità.

Con questo intendiamo che vedere un gatto accoppiarsi non si traduce sempre in gravidanza. A volte non ha iniziato a produrre uova, mentre altre volte i primi gameti sono immaturi e difettosi. Pertanto, non è consigliabile incrociare il gatto solo il primo giorno dell’estro.

Ovulazione spontanea

Come abbiamo detto, come regola generale la gatta deve essere stimolato dal pene del maschio per rilasciare le uova. Purtroppo nei processi di ovulazione spontanea questo può “lasciarsi andare” senza alcuno stimolo e non averli a disposizione per veri rapporti sessuali. Secondo fonti già citate, questo problema può verificarsi fino all’87% dei gatti ed è più evidente nei gatti in sovrappeso.

A volte, se il gatto si riproduce con pochissimi maschi, non rilascia direttamente le uova.

Stress e mancanza di esperienza

A volte una femmina molto giovane o selettiva può rifiutare il maschio nonostante si presenti nel mezzo del suo estro. La probabilità di rigetto può essere aumentata se il gatto è giovane, non si è riprodotto prima o se le condizioni della struttura non sono ottimali.

Problemi anatomici

L’atresia vaginale è una malformazione congenita che provoca l’assenza della vagina e dell’utero. I gatti con questa condizione non sono in grado di riprodursi, poiché lo sperma del maschio non può raggiungere naturalmente le uova, che sono funzionali.

Al di là dei problemi della femmina, bisogna tener conto anche del fatto che la colpa è da ricercare nel maschio. Ad esempio, la fimosi o la presenza di un corpo estraneo nel pene del gatto sono condizioni che impediscono una corretta penetrazione, e quindi, la fecondazione.

Malattie infettive

Non ci sono molti studi scientifici che hanno quantificato l’infertilità nei gatti a causa di infezioni, ma è noto che queste condizioni possono ostacolare la riproduzione. Ad esempio, alcuni retrovirus e parvovirus felini sono stati identificati come agenti abortivi nei felini. I batteri Chlamydophila felis potrebbero anche causare complicazioni.

Altre cause dell’infertilità nei gatti

Vi abbiamo presentato molti dei possibili fattori scatenanti dell’infertilità nei gatti, ma dovete tener presente che ce ne sono molti altri. Nel seguente elenco, cerchiamo di raccogliere il resto degli impedimenti riproduttivi in questa specie:

  • Cambiamenti ormonali o carenza nella produzione di alcuni ormoni.
  • Cisti ovariche, endometriosi cronica e altre condizioni anatomiche del sistema riproduttivo.
  • Cattiva alimentazione e problemi di sviluppo.
  • Condizioni ereditarie, inclusa l’insufficienza cromosomica. Alcune razze sono più inclini a questi eventi rispetto ad altre.

Come viene diagnosticata l’infertilità nei gatti?

Come indicato dal portale veterinario VCA Ospedali, la diagnosi di infertilità felina inizia sempre con un’analisi approfondita a livello fisico, in quanto ciò consente di chiarire gravi insufficienze sistemiche che possono interessare l’intera fisiologia del gatto. Dopo questa rapida ispezione, è possibile utilizzare le seguenti strategie:

  • Test di laboratorio: il conteggio delle cellule del sangue e la concentrazione di alcuni ormoni nel plasma sanguigno possono aiutare a chiarire l’infertilità.
  • Test per la rilevazione delle infezioni: l’ottenimento di campioni dalla mucosa dell’animale e da altri tessuti può consentire l’isolamento di patogeni virali, batterici e protozoari.
  • Coltura e citologia vaginale: prelievo di campioni di tessuto vaginale del gatto per osservare disfunzioni fisiologiche o possibili quadri infettivi cronici.
  • Tecniche di imaging: ultrasuoni, raggi X e tomografia consentono l’osservazione dei canali interni del gatto e delle strutture ovariche.

Possibili trattamenti

Individuare la causa dell’infertilità nei gatti può essere molto complesso, poiché in alcuni casi questa condizione è multifattoriale ed è spiegata da una miriade di fattori sia endogeni che esogeni. Pertanto, non sempre può essere trattata a breve termine o con un semplice farmaco.

Nei casi in cui il gatto è in perfetta salute e la disfunzione è dovuta a uno squilibrio ormonale, possono essere utili alcune iniezioni. Se invece la causa è una cisti ovarica, un’insufficienza anatomica nella vagina o un tipo di cancro, l’intervento chirurgico sarà il primo passo da seguire.

In tutti i casi si consiglia inoltre di aumentare le ore diurne e ridurre il rumore e lo stress nell’ambiente del gatto.

È possibile il calore dopo il parto nei gatti?

Infine, va tenuto presente che a volte la causa dell’infertilità nei gatti è un’insufficienza cromosomica genetica ereditaria. In questi casi, per quanto insistiate, finirete solo con stressare l’animale o fargli del male: a volte, la femmina non riesce a riprodursi ed è meglio concepirla solo come animale da compagnia, senza grosse pretese.

It might interest you...
Calore post-partum nei gatti: informazioni utili
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Calore post-partum nei gatti: informazioni utili

Sapere come funziona il calore post-partum nei gatti è fondamentale per evitare gravidanze indesiderate e complicanze nella mamma.



  • Infertility in female cats, VCA Hospitals. Recogido a 19 de julio en https://vcahospitals.com/know-your-pet/infertility-in-female-cats
  • Fontbonne, A., Prochowska, S., & Niewiadomska, Z. (2020). Infertility in purebred cats–A review of the potential causes. Theriogenology.
  • Miller, M. A., Ramos-Vara, J. A., Dickerson, M. F., Johnson, G. C., Pace, L. W., Kreeger, J. M., … & Turk, J. R. (2003). Uterine neoplasia in 13 cats. Journal of veterinary diagnostic investigation, 15(6), 515-522.
  • Axnér, E., Ågren, E., Båverud, V., & Holst, B. S. (2008). Infertility in the cycling queen: seven cases. Journal of feline medicine and surgery, 10(6), 566-576.