Ipotermia nei rettili domestici: cause, sintomi e trattamento

L'ipotermia nei rettili è una condizione che può porre fine alla loro vita rapidamente se non viene affrontata. Scoprite di più in questo spazio.
Ipotermia nei rettili domestici: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 16 ottobre, 2021

L’allevamento di animali esotici sta diventando sempre più comune, dal momento che rettili, anfibi e invertebrati si distinguono come animali da compagnia in molte aree, soprattutto in termini di registrazione del comportamento e conoscenza biologica. In ogni caso, di solito sono animali abbastanza delicati che necessitano di cure specifiche. Ad esempio, sapete cos’è l’ipotermia nei rettili?

Questa condizione è comune negli animali esotici dei tutor principianti, poiché può essere difficile trovare la temperatura esatta che la specie in questione richiede al momento dell’adozione. Nonostante ciò, rappresenta un quadro clinico abbastanza grave e deve essere trattato immediatamente. Continuate a leggere se volete saperne di più sull’argomento.

I rettili sono ectotermi

Innanzitutto, siamo interessati a descrivere i tratti fisiologici dei rettili che li rendono inclini all’ipotermia. Per fare ciò, dobbiamo analizzare brevemente cosa significa la loro condizione di ectotermi. Questo denominativo non si applica solo a serpenti, tartarughe e lucertole, poiché anche anfibi, pesci e invertebrati rientrano nel gruppo dell’ectotermia.

Gli animali ectotermi (a prescindere dal taxon di appartenenza) non sono in grado di generare, per nessun processo metabolico o fisiologico, il proprio calore interno. Ciò significa che dipendono dalla temperatura ambientale per aumentare o diminuire la velocità dei processi che si verificano all’interno del loro corpo. Maggiore è la temperatura, maggiore sarà l’attività basale.

Non generando calore interno, i rettili richiedono generalmente un apporto calorico inferiore rispetto ai mammiferi o agli uccelli, in quanto tendono ad avere un metabolismo rallentato in alcune parti della giornata (o in determinati periodi dell’anno). Tuttavia, questo adattamento ha un chiaro svantaggio dal punto di vista evolutivo: se fa molto freddo, un rettile può morire in breve tempo.

Il tasso metabolico dei rettili è direttamente proporzionale alla temperatura ambientale.

Cos'è l'ipotermia nei rettili?

Cause di ipotermia nei rettili

L’ipotermia nei rettili è quasi sempre causata da un errore da parte del tutor. Ogni specie ha un range di temperatura ottimale (POTZ, per la sua traduzione dall’inglese zona di temperatura ottimale preferita) e questo dipende dalla zona di origine e dall’ecosistema che occupa. Se il POTZ dell’animale non viene rispettato nell’ambiente domestico, le complicazioni fanno presto a comparire.

Per questo motivo è necessario informarsi ampiamente prima di acquisire un rettile di qualsiasi specie. Tutti richiedono un gradiente termico, quindi sotto il terrario devono essere posizionate coperte riscaldanti e lampadine specifiche per ottenere un punto di crogiolatura da formare in un’area specifica. Pertanto, l’animale può prendere il sole ogni volta che la sua temperatura corporea scende.

La temperatura del punto di crogiolarsi dipende dalla specie, ma di solito varia da 30 a 38 ° C. La temperatura generale del terrario non dovrebbe scendere sotto i 25 °C quasi in ogni caso durante il giorno.

Sintomi

I sintomi dell’ipotermia nei rettili sono abbastanza evidenti, ma bisogna controllare l’animale ogni giorno per rilevarli. I più importanti sono i seguenti:

  • Mancanza di attività e movimento: il metabolismo dell’animale diminuisce drasticamente, quindi non ha letteralmente energia per muoversi o arrampicarsi.
  • Disidratazione e perdita di peso: un rettile ipotermico smetterà di mangiare e bere, poiché manca di calore interno sufficiente per poter digerire cibi solidi e liquidi.
  • Colorazione opaca: alcuni rettili sono in grado di modificare la loro tonalità esterna per assorbire più o meno calore. Un colore spento indica che l’animale ha urgente bisogno di luce calda.
  • Bassa temperatura corporea: tutti i rettili dovrebbero avere una pancia calda durante il giorno, poiché ciò indica che assorbono efficacemente il calore delle lampadine e delle coperte termiche. Un’area ventrale molto fredda indica sempre l’ipotermia.

Come indicato da fonti professionali, è possibile rilevare l’ipotermia nei rettili premendo delicatamente una delle zampe con la punta delle dita. Se l’animale non reagisce in alcun modo, la condizione è grave e richiede un approccio immediato.

Trattamento dell’ipotermia nei rettili

Se notate questi segni nel vostro animale esotico, la prima cosa che dovreste fare è usare un termometro digitale (dovreste averlo sempre a portata di mano) per misurare la temperatura del terrario. Se è inferiore a 20-25 ° C su tutta la sua superficie, sarà facile sospettare l’ipotermia. La coperta termica potrebbe essersi rotta oppure avete sottovalutato la sua potenza in primo luogo.

Nei momenti limite, potete seguire questi suggerimenti che salveranno la vita del vostro rettile:

  1. Mettete dell’acqua calda in un grande contenitore e metteteci dentro delicatamente il rettile. Fate attenzione a non coprire la testa o le narici dell’animale.
  2. Tenete il rettile nella vasca da bagno per 20-30 minuti, ma ricordate di aggiungere un po’ di acqua calda ogni tanto. Altrimenti, si raffredderà e non sarà di alcuna utilità.
  3. Asciugate il rettile, avvolgetelo in una asciugamano e posizionateci sotto una coperta riscaldante (in questo caso per uso umano). Iniziate con temperature calde e risalite la coperta al valore massimo nel POTZ della specie ad intervalli (fino all’ora). A questo punto non vale con il normale calore a cui è esposto l’animale nel terrario.
  4. Mentre aumentate la temperatura corporea dell’animale, regolate la temperatura del terrario. In questo modo potete introdurlo subito dopo aver raggiunto il suo massimo termico.
  5. Offrite acqua al rettile quando inizia ad essere più attivo. Potrebbe essere necessaria una siringa per farlo bere.

È molto importante prendere in considerazione l’adattabilità della specie durante il processo. Se mettete il rettile direttamente su una coperta molto calda quando sente freddo, porrete fine alla sua vita solo a causa di uno shock termico, quindi è necessario seguire i passaggi lentamente e senza perdere la pazienza. Iniziate sempre con fonti di calore calde e aumentate gradualmente.

Alcuni animali dormono in piedi.

L’ipotermia nei rettili di solito ha una buona prognosi, poiché quasi tutte le specie si riprendono dopo poche ore dallo squilibrio termico. Se il vostro animale domestico non risponde bene al trattamento, portatelo immediatamente dal veterinario. Un’altra malattia di base potrebbe causare l’abbassamento della temperatura interna.

Potrebbe interessarti ...
Termoregolazione nei rettili: in che modo regolano la loro temperatura?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Termoregolazione nei rettili: in che modo regolano la loro temperatura?

La termoregolazione nei rettili è il risultato della combinazione di fattori comportamentali e chimici per mantenere la temperatura corporea.