La biologia della lontra gigante

· 6 Giugno 2019
La lontra gigante è un animale affascinante, estremamente socievole tra i suoi congeneri, ma non esita ad essere aggressivo contro i suoi predatori. Attualmente si trova in pericolo di estinzione a causa della caccia illegale e della perdita del suo habitat naturale

La lontra gigante è una specie di mammifero appartenente all’ordine carnivoro della famiglia Mustelidae che vive principalmente in Amazzonia. Pteronura brasiliensis è il suo nome scientifico ed è l’unica specie del genere. Sono note due sottospecie: P. b. brasiliensis e P. b. paraguensis. Conosciamo insieme la biologia della lontra gigante.

Questo mustelide è anche chiamato “lupo di fiume” o “cane d’acqua”. Altri nomi noti sono: in Brasile, ariraí o ariranha; in Uruguay, “lupo cravatta”; in Argentina ariray; e in Paraguay, lobope. Il nome del genere Pteronura deriva dall’antica parola greca “pteron” (piuma o ala) e “ura” (coda), e si riferisce alla caratteristica forma della sua coda, che ricorda un’ala. Scopriamo insieme la biologia della lontra gigante.

Distribuzione e habitat della lontra gigante

Secondo la biologia della lontra gigante, la sottospecie P. b. brasiliensis si distribuisce nel nord del Sud America, tra i bacini dell’Orinoco e dell’Amazzonia, comprese la Guiana. Invece, la sottospecie P. b. il paraguensis vive nel Cono Sud e occupa le regioni del Paraguay, Uruguay, Brasile meridionale e Argentina settentrionale.

Per analizzare la biologia della lontra gigante, bisogna prima di tutto studiare il suo habitat. La lontra gigante vive nei fiumi e nei torrenti d’acqua dolce che si inondano stagionalmente. Gli altri habitat acquatici includono le sorgenti d’acqua dolce e i laghi permanenti. Sono stati identificati due fattori per la selezione degli habitat:

  • La quantità di cibo, che sembra essere correlata con le acque poco profonde e la presenza di banchi a bassa pendenza.
  • La presenza di vegetazione e, quindi, l’accesso diretto ai siti di caccia preferiti.

Le aree adiacenti ai fiumi vengono utilizzate per costruire le tane, protette durante buona parte della giornata. Infatti, le lontre scelgono le aree ricche di vegetazione per costruire i loro insediamenti.

L’estensione di queste aree può raggiungere un massimo di 28 metri di lunghezza per 15 di larghezza. La lontra gigante utilizza ghiandole odorifere, urina e feci per marcare il territorio.

Coppia lontra gigante
Caratteristiche fisiche

Per quanto riguarda la biologia della lontra gigante, è la specie più lunga tra i mustelidi, ma non la più pesante. I maschi adulti hanno una lunghezza compresa tra 1,5 e 1,8 metri e pesano tra 32 e 45 chilogrammi. Le femmine misurano tra 1,5 e 1,7 metri di lunghezza e pesano tra 22 e 26 chilogrammi.

La lontra gigante ha la pelliccia molto corta. La colorazione varia tra il marrone chiaro e il marrone scuro a seconda della parte del corpo. Alcuni esemplari possono presentare anche delle sfumature rossastre o biondo scuro.

Il pelo è estremamente denso, perché lo strato esterno è l’unico che si bagna, mentre lo strato interno rimane asciutto. Lo strato esterno ha uno spessore di circa otto millimetri, circa il doppio dello strato interno.

Inoltre, la lontra gigante di solito presenta una macchia sul collo, che varia tra il color crema e il bianco. La cosa curiosa di questa macchia è che la sua forma è unica per ogni esemplare.

Il muso della lontra gigante è piuttosto corto, caratteristica che conferisce un aspetto ovale al suo viso. Le orecchie sono piccole e arrotondate. Ha delle vibrisse molto sensibili, che gli permettono di rilevare qualsiasi cambiamento nella pressione e nelle correnti dell’acqua. Questo rende più facile per la lontra gigante localizzare la sua preda. Tutte le sue membra sono spesse e terminano in grandi piedi palmati con artigli affilati.

Inoltre, possiede delle membrane tra le dita delle zampe, che usa per nuotare e spingersi nell’acqua. Quando nuota più velocemente, la lontra gigante viene guidata dalla forza della sua coda. Pertanto, si adatta molto bene alla vita acquatica, tanto che può respirare persino con le orecchie e il naso sott’acqua.

Gli studi sulla biologia della lontra gigante rilevano che è attiva solo durante il giorno. La sua vista è particolarmente sviluppata e la usa per cacciare le prede, e allo stesso tempo, rilevare ed evitare i potenziali predatori. Questa è forse la maggiore caratteristica della lontra gigante, poiché le altre specie di lontra hanno una vista normale o leggermente miope, sia a terra che in acqua. Per quanto riguarda l’udito, è piuttosto acuto e l’olfatto è molto sviluppato.

Comportamento della lontra gigante

La lontra gigante è conosciuta per essere un animale altamente sociale, che vive in grandi gruppi familiari. Questi gruppi sono spesso composti da tre a otto individui e possono comprendere fino a 20 esemplari. Questi grandi gruppi hanno un forte legame, perché le lontre dormono, giocano, si spostano e mangiano insieme.

Comportamento lontra gigante

Tuttavia, sono stati documentati atti di aggressione tra individui della stessa specie. La difesa contro gli intrusi sembra essere cooperativa. I maschi adulti possono essere i protagonisti di scontri aggressivi, anche se ci sono stati casi di femmine alfa che formano gruppi di sorveglianza.

Abitudini alimentari della lontra gigante

La lontra gigante è un predatore che si colloca in cima alla catena alimentare e che mangia principalmente pesce. Cattura più frequentemente pesci di taglia media che abitano in acque poco profonde.

Inoltre, ha una grande capacità di adattamento finalizzata al consumo delle specie più abbondanti presenti nel suo ambiente. Nel caso non ci sia disponibilità di pesce, si nutre di granchi e serpenti.

Può cacciare da sola, in coppia o in gruppo, servendosi sempre della sua vista infallibile per localizzare la preda. A volte caccia in modo coordinato, specie quando una preda non può essere catturata da una singola lontra, come nella caccia all’anaconda o ai grandi caimani.

Caccia lontra gigante

La lontra è una nuotatrice eccellente sott’acqua. Quindi può attaccare la preda sia dall’alto che dal basso, trattenendola con le sue forti mascelle. Quando cattura la preda, inizia a consumarla immediatamente, a partire dalla testa e afferrandola con fermezza con le zampe anteriori. Mangia circa il 10% del suo peso corporeo al giorno (circa tre chilogrammi).

Riproduzione

Le femmine danno alla luce la loro prole durante la stagione secca. I cicli estrali sono di 21 giorni e le femmine sono sessualmente attive tra il terzo e il decimo giorno. La lontra gigante sceglie la coppia per unioni a lungo termine.

Secondo la biologia della lontra gigante, il periodo di gestazione varia tra i 65 e i 70 giorni e dà alla luce tra uno e cinque cuccioli, con una media di due. Gli intervalli di nascita segnalati variano dai 21 ai 33 mesi.

Le femmine partoriscono in tane costruite in precedenza e difese dal loro gruppo familiare. Le tane si trovano generalmente vicino alle rive dei fiumi e ai luoghi preferiti per la pesca.

Alla nascita, i cuccioli sono ciechi e ricoperti di pelo. I maschi si occupano dell’allevamento della prole, mostrando che i legami familiari sono forti. Allo stesso modo, anche i fratelli più grandi partecipano come genitori meno attivi.

Riproduzione lontra

Generalmente i cuccioli aprono gli occhi al quarto mese, iniziano a camminare fino al quinto e sono in grado di nuotare correttamente dopo 14 settimane. Smettono di essere allattati al seno dopo nove mesi e iniziano a cacciare da soli poco dopo.

Stato di conservazione della lontra gigante

Nel 1999, l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ha catalogato la lontra gigante come una specie in via di estinzione. Purtroppo, già a partire dal 1982 era stata considerata una specie vulnerabile.

Il traffico della specie e il commercio dei prodotti derivati dalla sua pelle è illegale a livello internazionale ai sensi della regolamentazione della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES), che è inclusa nell’appendice I.

La popolazione totale è difficile da stimare. Uno studio condotto da IUCN nel 2006 ha suggerito un numero da 1.000 a 5.000 esemplari. Come pubblicato nella Lista Rossa della IUCN, si ritiene che la presenza della lontra gigante in Argentina e Uruguay sia incerta. La lontra gigante è stata dichiarata monumento naturale nella provincia di Misiones in Argentina nell’agosto 1996.

Si stima che la popolazione sia diminuita maggiormente come conseguenza della caccia per estrarre la pelle, soprattutto durante gli anni ’50 e ’60. Allo stato attuale, la perdita dell’habitat costituisce la principale minaccia per la biologia della lontra gigante, soprattutto dopo la sospensione della caccia. Questi sono i principali fattori che hanno ridotto notevolmente l’intervallo di distribuzione della lontra.

La lontra gigante, essendo un grande predatore di pesci, provoca conflitti con i pescatori (creoli e aborigeni), che la considerano una specie concorrente. Un altro fattore di rischio è rappresentato dall’ecoturismo, che non rispetta la biologia della lontra gigante.

  1. Duplaix, N. (1980). “Observations on the ecology and behavior of the giant river otter Pteronura brasiliensis in Suriname”. Revue d’Ecologie (Terre Vie), N° 34: 495-620.
  2. Carter, S.K. y  Rosas, F.C.W. (1998). “Biology and conservation of Giant Otter (Pteronura brasiliensis)”. Mammal review, XXVII-1: 1-26.