La conigliera: la casa ideale per i vostri conigli

18 Maggio 2019
La conigliera è lo spazio che i conigli occuperanno per la maggior parte della loro vita. Per questo motivo, dovete stare attenti nel momento della scelta. Vanno valutate le dimensioni, il tipo di rete, la base e molto altro.

Una conigliera è il posto in cui il coniglio passerà la maggior parte della giornata. I conigli hanno bisogno di un posto tutto per loro. Tuttavia, creare un ambiente adeguato per un coniglio può richiedere molto ingegno.

Spesso sorgono molte domande: quanto dovrebbe essere grande una conigliera? Con quali materiali è meglio costruirla? Dovrebbe trovarsi dentro o fuori casa?

La decisione di prendere un coniglio apre un mondo pieno di possibilità. In quanto proprietari, è vostra responsabilità far sì che il coniglio goda di uno spazio adeguato per muoversi, giocare e riposare. Ne consegue che deve essere piuttosto ampio, il coniglio, infatti, deve potersi muovere trattandosi di un animale che in natura salta e corre nei prati.

Quando un coniglio non ha abbastanza spazio per muoversi e saltare, la sua salute è seriamente compromessa. Tra le conseguenze della mancanza di movimento c’è l’osteoporosi, l’obesità e il deterioramento muscolare. Queste condizioni possono causare seri problemi a lungo termine, poiché ne minano i movimenti.

Una conigliera ideale

Dovete stare attenti nel momento della scelta. I modelli meno costosi non soddisfano i requisiti necessari. Per mancanza di spazio o a causa di materiali a basso costo, le gabbie per conigli di bassa qualità saranno sempre le più costose a lungo termine.

Conigli che mangiano

Una buona conigliera fornisce abbastanza spazio all’animale per muoversi liberamente e dormire comodamente. Inoltre, deve avere lo scopo di tenerlo al sicuro dai predatori e dalle intemperie.

Una conigliera di buona qualità ha diversi livelli e dimensioni adeguate. L’ideale è far costruire una conigliera personalizzata o crearne una propria. Se decidete di costruirne una, dovrete considerare alcuni aspetti.

1. Dimensioni

Più spazio hanno a disposizione i conigli, meglio è. Le misure minime sono specificate. In conformità con le normative britanniche per la cura degli animali, le dimensioni minime sono 180x60x60 centimetri.

Se volete che i vostri conigli vivano in modo confortevole e felici, vi consigliamo di superare queste dimensioni. Ricordate che un coniglio ha bisogno di molto spazio per saltare e correre.

2. Sicurezza della conigliera

La conigliera deve essere un ambiente completamente sicuro. Dall’ingresso ai suoi angoli, deve essere costruita pensando alla sicurezza dei suoi ospiti.

La porta deve essere protetta con più di un semplice pezzo di legno. Ci sono molti predatori di dimensioni medie che sanno come aprire queste porte. Inoltre, in presenza di cuccioli dovete evitare che scappino in giro.

Per quanto riguarda la maglia della rete, è preferibile utilizzarne una con un motivo incrociato verticale/orizzontale. Sconsigliamo l’uso di quella per polli: è più facile che le zampe dei conigli si incastrino.

Conigliera in legno

Assicuratevi che la rete misuri meno di due centimetri. Se la maglia è più larga, i gatti o altri predatori possono introdurre le zampe e tormentare i conigli.

3. Distanza da terra e qualità del suolo

Le conigliere devono sempre essere separate da terra, in quanto soggette agli effetti dell’umidità. Se decidete di acquistarne una senza appoggi, potete facilmente costruirli.

Ricordate che la base di una conigliera dovrebbe essere solida e piatta. Non usate la rete. I conigli non saranno in grado di saltare e correre facilmente.

Per proteggere il terreno dai rifiuti, vi consigliamo di applicare del vinile. Il vinile è un’ottima idea per la conigliera. È facile da pulire e da gestire.

Come potete vedere, scegliere una conigliera è solo questione di cura e attenzione. Costruirne una potrebbe richiedere più tempo, ma i risultati saranno incredibili. Tenete sempre a mente che un coniglio ha bisogno di spazio per vivere una vita piena.

  • Crespo, R. (1925) Conejos y conejeras. taller Calpe, Madrid.
  • Zotyen Quan, C. (2002) La cunicultura: crianza de conejos.
  • V.A.A. (1996) El conejo: cría y patología. Organización de las Naciones Unidas para la Agricultura y la Alimentación. Roma.