La curiosa rana a gestazione gastrica

La rana a gestazione gastrica (Rheobatrachus silus) è una rana acquatica estinta che un tempo era confinata nei torrenti poco profondi di Conondale e Blackall, in Australia.
La curiosa rana a gestazione gastrica

Ultimo aggiornamento: 04 agosto, 2022

Esistono evidenze dell’esistenza di una rana a gestazione gastrica, rappresentata da una specie australiana che, purtroppo, è stata dichiarata estinta. Pertanto, la rana a gestazione gastrica o Rheobatrachus silus è stata l’esempio di cura parentale più complessa finora conosciuta.

A differenza di quanto fa il rospo ostetrico comune, questa rana inghiottiva le uova e le teneva nello stomaco fino al raggiungimento dello sviluppo completo. Indubbiamente, un modo curioso per salvaguardare la propria prole.

La modalità riproduttiva della rana a gestazione gastrica

Secondo i dati, la rana femmina ingoiava le uova fecondate o le larve allo stadio iniziale e le teneva nel suo stomaco mentre si sviluppavano. Una volta ben formate, le giovani rane uscivano dalla sua bocca.

La prima segnalazione di questo intricato fenomeno risale al 1974. Fu il primo esempio di gestazione gastrica nel regno animale.

Dopo la fecondazione esterna delle uova, la femmina prendeva le uova o gli embrioni in bocca e li ingoiava. Non è chiaro se le uova venissero deposte a terra o in acqua, poiché l’evento non è mai stato osservato prima della loro estinzione.

Altri processi riproduttivi insoliti

Negli ultimi 20 anni, sono stati documentati diversi casi di modalità riproduttive bizzarre in molte specie di anuri. A questo proposito, diverse specie mostrano cure parentali complesse, che coinvolgono più comunemente il trasporto delle uova o dei girini da parte di un genitore.

In generale, il trasporto dei piccoli di rana varia in termini di durata, complessità comportamentale e adattamenti morfologici. Nella sua forma più semplice, il maschio Alytes obstetricans porta le catene di uova fecondate intrecciate attorno alle zampe. Altri devoti genitori dei generi Colostethus, Dendrobates e Phyllobates portano i girini attaccati alla schiena.

Più elaborata è la strategia delle specie neotropicali Gastrotheca che trasportano uova e girini in una borsa dorsale. Un altro esempio è il caso della rana cilena Rhinoderma darwinii, che porta i suoi piccoli nelle sacche vocali dei maschi. Infine, nella specie Assa darlingtoni dall’Australia, i girini trascorrono la loro intera ontogenesi in tasche inguinali sottocutanee.

La rana di Darwin.
Illustrazione della rana di Darwin. Fonte: animaldiversity.org

In cosa consiste la gestazione gastrica di questa rana?

Nei pochi studi esistenti si è scoperto che lo stomaco della femmina, al momento della deglutizione delle uova fecondate, non era diverso da quello di qualsiasi altra specie di rana.

Cosa succede alla funzione intestinale?

L’analisi delle uova ha rivelato che nella gelatina attorno ad ogni uovo era presente una sostanza chiamata prostaglandina E2 (PGE2). Questa sostanza ha la proprietà di fermare la produzione di acido cloridrico nello stomaco.

Successivamente, quando le uova si schiudevano, i girini secernevano più PGE2. Il muco escreto dalle branchie dei girini conteneva la PGE2 necessaria per mantenere lo stomaco in uno stato non funzionale. Queste escrezioni di muco sono quasi esclusivamente uniche di questa specie di girino.

Come si nutre la madre?

Durante il periodo in cui la prole si trovava nello stomaco della madre, la rana non mangiava. I girini all’interno della madre vivevano di questo apporto di muco fino a quando non raggiungevano lo stadio di rana giovane.

Sviluppo intragastrico dei girini

Esistono diversi rapporti sullo sviluppo dei girini della rana a gestazione gastrica. Descrivono il modo in cui le rane giovani venivano rigurgitate dalla madre e cresciute con successo in acque poco profonde.

Durante le prime fasi dello sviluppo, i girini mancavano di pigmentazione, ma con l’invecchiamento sviluppavano progressivamente la colorazione da adulto.

Lo sviluppo dei girini è durato almeno sei settimane, durante le quali la dimensione dello stomaco della madre ha continuato ad aumentare fino a riempire in gran parte questa cavità.

Nel frattempo, i polmoni della madre si sono sgonfiati e la sua respirazione ha iniziato a dipendere maggiormente dallo scambio di gas attraverso la pelle. Nonostante le dimensioni crescenti della madre, risultava essere ancora attiva.

Lo straordinario parto attraverso la bocca della rana a gestazione gastrica

Rana a gestazione gastrica che espelle i suoi piccoli.
Fonte: newatlas.com

Il processo di nascita delle rane giovani è durato a lungo e si suppone per un periodo fino a una settimana, essendo la madre passiva durante il fenomeno. Tuttavia, se disturbata, la femmina può rigurgitare tutte le giovani rane nello stesso momento attraverso un vomito indotto.

Una volta espulsa, la prole era completamente sviluppata e i piccoli erano simili tra loro nel colore e nelle dimensioni.

Potrebbe interessarti ...
Xenopus: le rane carnivore che ci aiutano nella ricerca
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Xenopus: le rane carnivore che ci aiutano nella ricerca

Le Xenopus sono un genere di rane carnivore di origine africana, anche se si possono trovare come specie invasive in altre parti del modo.