La scimmia che attaccò il re

31 Marzo 2019
La scimmia che attaccò il re Alessandro I di Grecia morse il monarca, lo infettò e lo uccise in pochi giorni, ma la sua morte ebbe gravi conseguenze politiche

Nel 1920 un macaco cambiò il destino della Grecia: la scimmia che attaccò il re Alessandro I nella sua residenza a Tatoi avrebbe cambiato per sempre il destino del paese.

Oggi parleremo proprio di questo: la scimmia che attaccò il re.

La scimmia che attaccò il re

Alessandro I, terzo re degli Elleni, ebbe un regno breve ma ricco di eventi insoliti nell’Europa alla vigilia della prima guerra mondiale. Ma niente fu più insulto della ragione della sua morte: il re greco fu attaccato da una scimmia che mise fine alla sua vita.

Il macaco di Gibilterra era una specie che a quel tempo veniva allevata come animale domestico in tutta Europa. Sono stati ritrovati resti di questa specie in luoghi diversi come la Pompei romana o l’Irlanda preistorica, quindi non sorprende il fatto che la scimmia che attaccò il re ellenico fosse di questa specie.

In questo caso, la scimmia che attaccò il re Alessandro I era di proprietà di uno dei suoi servi. In particolare, l’amministratore della fattoria possedeva diversi esemplari di questa specie di scimmia come animale domestico.

Macaco

L’attacco al monarca

Durante una delle sue passeggiate attraverso i vigneti del palazzo ci fu un incidente tra uno di questi macachi e il cane di Alessandro I, un pastore tedesco. Quando il re cercò di separare entrambi gli animali, un altro macaco intervenne e morse il monarca nella pancia e nella gamba.

Anche se le scimmie hanno la reputazione di essere divertenti, in realtà il macaco di Gibilterra è un animale molto pericoloso con enormi zanne, che possono causare gravi lesioni a una persona e persino porre fine alla sua vita.

La scimmia che attaccò il re venne abbattuta insieme al suo compagno e i servi di Alessandro I ripulirono e curarono le ferite del monarca, ma era già troppo tardi: le ferite da morso si infettano facilmente, e ancora di più se si tratta di animali come il macaco di Gibilterra. Il re riuscì a malapena a sopravvivere alcuni giorni e, dopo due settimane di febbre e dolore, morì.

Quali furono le conseguenze di questo attacco?

Per comprendere che cosa significò questo per la Grecia, bisogna ricordare che il padre di Alessandro, Costantino I, rimase neutrale durante la prima guerra mondiale. Nonostante ciò, il re ellenico si schierò a favore della Germania, mentre il primo ministro prese le parti della Francia e della Russia.

Palazzo reale

Ciò portò alla formazione di un governo parallelo e, infine, all’esilio del monarca e della sua famiglia. Tuttavia, la triplice intesa, che era riuscita a dominare in Grecia attraverso la figura del primo ministro, non voleva stabilire una repubblica in Grecia. Pertanto, Alessandro I fu incoronato, ma in modo illegittimo, e fu l’unico membro della famiglia reale a rimanere in Grecia.

Alessandro era, quindi, un re fantoccio che non governava come tale e che rimaneva isolato dai suoi amici. In base a questo accordo, alla fine della prima guerra mondiale, il regno greco avrebbe aumentato di un terzo le sue dimensioni grazie ai successivi negoziati di pace e avrebbe intrapreso una guerra con la Turchia.

“Il macaco uccise un re e 250.ooo greci”

Durante questi anni Alessandro I morì, per cui i monarchi esiliati sarebbero tornati per vincere, tra cui Costantino I, suo padre. Tuttavia, il malcontento per questa situazione e la sconfitta nella guerra con la Turchia, lo costrinsero ad abdicare dopo soli due anni. In questa occasione Churchill dichiarò che il macaco aveva ucciso un re e 250.000 greci, in riferimento alla sconfitta greca dopo il ritorno di Costantino I.

È interessante sottolineare che l’attacco al re di Grecia suscitò enorme scalpore in questo paese europeo. Infatti, le conseguenze dirette della morte di Alessandro I furono il declino della monarchia e la perdita dei territori circostanti. Chi avrebbe mai potuto pensare che un macaco potesse mettere fine ad un impero?