L’albanella reale è in pericolo

· 17 Febbraio 2019
Questi rapaci nidificano nei campi dedicati alle colture, i cui metodi di lavoro con macchinari hanno causato un grande declino nel numero di esemplari

L’albanella reale è un uccello rapace che in questo momento si trova in serio pericolo, soprattutto in Spagna. Ce ne sono tre specie: l’albanella di palude, l’albanella bianca e l’albanella cenere.

In Europa c’è una quarta specie di albanella reale: il papialbo. Sebbene questa specie sia molto rara nella penisola iberica, il cambiamento climatico potrebbe costringerla a iniziare ad attraversare maggiormente la Spagna. Conosciamo insieme l’albanella reale e cerchiamo di capire perché si trova così in pericolo.

Cos’è l’albanella reale?

Questi rapaci sono chiamati “piccole aquile” perché hanno un portamento nobile che si distingue per la sua spettacolarità. A parte l’apparenza estetica, sono degli uccelli molto importanti e necessari per i nostri ecosistemi.

Non hanno le gambe e le ali piumate, sono più strette rispetto a quelle di un’aquila classica, progettate per rendere il volo più agile. Con le sue ali, l’albanella reale vola basso per catturare i piccoli mammiferi di cui si nutre.

Varie specie di albanella reale: come distinguerle

L’albanella reale può essere facilmente confusa. L’albanella di palude è più facile da distinguere, dal momento che è la più grande e quella con la coda più larga.

Mentre l’albanella reale maschio è marrone, simile alla poiana comune, la femmina è inconfondibile: ha la testa, le spalle e la gola di un colore marrone chiaro che ricorda l’ossido.

L’albanella reale e l’albanella minore, tuttavia, sono più simili. L’albanella di palude, invece, si distingue per i suoi toni tendenti al grigio.

L’albanella bianca è più robusta, di un grigio più bluastro e le femmine sono bruno-rossastre.

Albanella reale in pericolo

L’albanella cenere, invece, è più stilizzata e il suo colore grigio è più simile al piombo; ci sono persino esemplari quasi neri.

Tuttavia, questi rapaci sono i più difficili da differenziare, quindi per iniziare vi consigliamo di seguire i consigli per osservare la fauna selvatica e per prima cosa distinguere le specie più semplici.

Comportamento dell’albanella reale

Una delle principali caratteristiche della biologia dell’albanella reale è il fatto che nidifica nel terreno: a differenza di altri rapaci che nidificano su rocce o alberi, questi tre rapaci usano il terreno per fare i loro nidi.

Nel caso dell’albanella di palude, il nido deve essere particolarmente robusto, in quanto può essere influenzato dai cambiamenti nel livello dell’acqua. Per questo motivo, come suggerisce il nome, sono animali strettamente legati alle paludi e alle zone umide, minacciate dei cambiamenti climatici.

Al contrario, l’albanella di palude e l’albanella cenere sono uccelli fortemente legati ai campi di cereali: in estate questi uccelli arrivano per creare i loro nidi nei campi di grano e altri cereali.

Anticamente, questi uccelli avevano il tempo di andarsene prima che avvenisse il raccolto. Inoltre, i metodi manuali non avevano così tanto impatto su questi uccelli. Al contrario, i grandi macchinari moderni per la mietitura e i cambiamenti nei modelli di coltivazione li stanno uccidendo.

Pulcini albanella reale

L’albanella reale è in grave pericolo

È importante sottolineare che l’albanella reale è un animale che si occupa del controllo dei parassiti in modo naturale: le arvicole e altri roditori possono diventare un vero problema per le colture, quindi avere delle albanelle reali nei nostri campi è utile, specialmente per gli agricoltori.

In questo senso, alcune organizzazioni collaborano con gli agricoltori per aiutare a proteggerle. Nel caso in cui le albanelle reali migrassero prima della raccolta, non ci sono problemi, ma in caso contrario il nido deve essere protetto.