L'attaccamento negli animali selvatici salvati

04 giugno, 2020
Le persone che salvano animali selvatici dovrebbero ridurre il contatto con loro il più possibile ed evitare così l'attaccamento. In questo modo, ci saranno più probabilità di reintegrarli in natura.
 

L’attaccamento negli animali selvatici salvati, scientificamente noto come imprinting, è una delle conseguenze che si verificano quando vengono salvati degli esemplari selvatici molto giovani in natura.

In questo articolo parliamo dell’attaccamento negli animali selvatici salvati.

Animali selvatici salvati: perché è importante salvarli

Quando vengono salvati degli uccelli o dei mammiferi neonati, cioè che hanno bisogno dell’imprinting, se non vengono prese le giuste misure, nel momento in cui questi animali iniziano a crescere e hanno più autonomia, penseranno che il loro salvatore sia la loro “madre”.

Allo stesso tempo, il salvataggio della fauna, sia selvaggia che urbana, è essenziale per la conservazione delle specie. Infatti, salvando il singolo esemplare si ottengono dei dati molto importanti sulle specie in quanto tali. Per esempio:

  • Dati anatomici.
  • Distribuzione geografica.
  • Rotte migratorie.
  • Principali malattie.
  • Potenziali pericoli e minacce alla sua conservazione, ecc.

L’attaccamento non è un problema nel caso degli animali selvatici salvati che non possono tornare alla loro condizione naturale e devono rimanere in un centro per la conservazione della fauna selvatica. Infatti, lo sviluppo di un legame tra il salvatore e l’animale salvato facilita la gestione e la permanenza dell’esemplare presso il centro.

Scimmia aggrappata al dito
 

Se ci sono delle possibilità che l’animale possa tornare allo stato brado, il salvatore deve fornire una serie di cure, volte a soddisfare le sue esigenze, senza lasciare un segno in quanto tale. In questo modo si evita che le possibilità di sopravvivenza dell’animale vengano drasticamente ridotte.

In che modo gli animali arrivano nei centri di salvataggio?

Migliaia di specie arrivano ogni anno nei centri di salvataggio degli animali selvatici o nei centri di cura, valutazione e riabilitazione. Questi possono appartenere a qualsiasi gruppo animale, dagli artropodi, come i ragni, ai mammiferi, come gli orsi.

Le ragioni per cui un animale può finire in un centro di questo tipo sono varie:

  • Animali feriti da combattimenti, o che si sono trovati a contatto con i cavi elettrici o affetti da malattie che ne riducono la mobilità.
  • Specie sequestrate negli aeroporti o salvati dal traffico illegale delle specie esotiche.
  • Fauna urbana (passeri, rondoni…) salvati dai cittadini.
  • Abbandono di specie esotiche da parte di proprietari irresponsabili.
  • Specie esotiche in natura catturate dalle guardie forestali o da personale addestrato.

Come possiamo vedere, un animale può finire in un centro di recupero per molte ragioni. Nella maggior parte dei casi, gli animali sono stati maltrattati e sono vittime del traffico illegale delle specie.

Questi di solito provengono da altri paesi, rendendo praticamente impossibile restituirli al loro luogo di origine. Inoltre, raramente sopravvivono dopo il viaggio.

 
Animali selvatici salvati

La gestione della fauna selvatica

Di solito gli animali appartenenti a specie esotiche invasive e che non sono arrivati ​​al centro in seguito ad una confisca, vengono sistematicamente uccisi mediante l’eutanasia. Si agisce in questo modo perché è ciò che la legislazione richiede. D’altro canto, questi animali rappresentano un grave pericolo per la fauna e la flora autoctone.

Gli animali che arrivano al centro in seguito ad un sequestro, cioè intercettati dalle forze dell’ordine in dogana, di solito rimangono per anni, fino alla fine del procedimento giudiziario. Anche in questi casi, in genere viene praticata l’eutanasia.

Invece, quando arrivano delle specie appartenenti alla fauna autoctona, viene seguito un altro protocollo:

  • Se l’animale è sano e non presenta alcun tipo di patologia o disagio, viene reintegrato in natura.
  • Al contrario, se soffre di patologie, traumi o se è ancora molto giovane, rimarrà al centro fino alla sua completa guarigione. Successivamente verrà liberato nell’ambiente naturale.
 
  • Se l’animale soffre di un qualche tipo di malattia che lo classifica come “irrecuperabile”, rimarrà al centro per il resto della sua vita. Solitamente viene incluso nei programmi di ricerca che prevedono l’allevamento in cattività.

Problemi di attaccamento negli animali selvatici salvati

In molte occasioni, gli animali che arrivano nei centri di salvataggio sono cuccioli o esemplari molto giovani. Questi, se sono mammiferi devono essere alimentati con il bibero, mentre se sono uccelli devono mangiare delle pappe speciali a seconda della specie.

In queste situazioni, è meglio raggruppare gli esemplari per specie ed età, quando sia consentito. D’altra parte, dovrebbero essere indotti a mangiare i cibi solidi il più presto possibile.

Allo stesso modo, l’alloggio deve essere delle dimensioni e condizioni adeguate. Poi, quando sono abbastanza grandi, devono essere spostati in gabbie adatte nel caso degli uccelli o in recinti più grandi nel caso dei mammiferi.

Inoltre, gli animali devono imparare a trovare cibo, in particolare le specie carnivore, che dovranno affinare la loro strategia di caccia all’interno del centro.

In genere, gli animali selvatici salvati non possono essere rilasciati in natura per i seguenti motivi:

  • Probabilmente, non avranno paura dell’essere umano, che invece può metterli in pericolo, poiché se un trafficante si avvicina a loro per catturarlo e venderlo, non fuggirà.
  • Non sapranno come relazionarsi con la propria specie.
  • Non possono essere riabilitati al 100%.
 
  • Tutto il tempo, gli sforzi e le risorse finanziarie dedicate al loro recupero non saranno valse la pena.
  • ARTURO, L. B. NEONATOLOGÍA Y CRIANZA ASISTIDA DE FAUNA SILVESTRE.
  • DE LA COMUNA, D. H. A., & FORESTALES, I. MANEJO DE FAUNA SILVESTRE.
  • de Recursos Naturales, S. D. A., & Protegidas, A. (2012). Manejo de fauna silvestre postdecomiso.