L’educazione del cane in sei passi

11 Ottobre 2015

Si sente spesso dire che una delle cose più importanti riguardo all’educazione di un cane sia che quest’ultimo sia in grado di rispettare certe regole, ma non viene quasi mai spiegato come fare per raggiungere questo scopo. A questo proposito vogliamo condividere con voi sei passi fondamentali per educare il vostro cane.Educare il vostro cane significherà garantire un buona convivenza tra voi e il vostro amico peloso, oltre al fatto che, durante questo processo di apprendimento, imparerete a controllare in parte i suoi impulsi ed evitare che si possa fare del male.

La qualità di vita del vostro cane dipenderà in gran parte da quanto vi impegnerete in questo compito e per ottenere dei buoni risultati è sempre meglio iniziare dalle cose più basiche.

L’educazione del vostro cane inizia fin dal suo arrivo a casa

L’educazione di un cane è di gran lunga più semplice se si tratta di un cucciolo, ma questo non vuol dire che anche i cani adulti non possano essere educati. Quel che è certo è che il processo di educazione deve iniziare fin dal suo arrivo a casa: è importante, al fine di ottenere un livello di convivenza soddisfacente, mettere le cose in chiaro e stabilire delle norme fin da subito.

Nonostante sia pienamente comprensibile che ogni animale abbia i suoi tempi di adattamento, sarà di grande aiuto per il vostro cane sapere quali sono le regole che vigono in casa vostra, quali sono gli spazi a cui ha accesso e quali no, gli orari della pappa e della passeggiata, ecc…

Evitate di umanizzare il vostro cane

Molto spesso chi ha un cane, soprattutto se è il primo animale domestico con cui ha a che fare, cade nell’errore di umanizzare l’animale. Evidentemente ciò non significa che non possiate parlare al vostro amico peloso, fargli le coccole o dargli tutto l’affetto e le attenzioni di cui siete capaci: non umanizzare il cane significa che non potete usare con lui delle strategie educative che si basano sulla psicologia umana.

Impiegare delle tecniche del genere sarebbe controproducente perché creerebbe un divario molto grande tra le vostre aspettative e ciò che realmente è in grado di comprendere il vostro amico a quattro zampe, generando nel cane solo frustrazione e instabilità emotiva e rallentando il processo di apprendimento.

Identificatevi con il maschio alfa

cane che gioca

Proprio perché non potrete basarvi sulla psicologia umana, il vostro riferimento sarà la struttura sociale canina, regolata da una forte gerarchizzazione dei ruoli: nei confronti del vostro cane sarà dunque fondamentale che assumiate il ruolo di leader e non di suo pari. Solo in questo modo eviterete che il vostro amico scateni una lotta per assumere il potere e il controllo sia del territorio che del branco.

Per fare in modo che la vostra sia una convivenza sana, l’ideale sarà che il cane adotti un atteggiamento sottomesso, altrimenti potrebbe iniziare a sentirsi responsabile del gruppo e sviluppare in seguito problemi di comportamento che potrebbero sfociare in episodi di territorialità, aggressività o stress.

Non dimenticate che il cane è un animale molto forte e possederne uno ingestibile non solo può convertirsi in una brutta esperienza, ma potrebbe rappresentare anche un vero e proprio pericolo.

Lavorate sulla autostima e sulla fiducia

Una buona tecnica per avere un cane equilibrato e per evitare futuri problemi di ansia o nervosismo è fare in modo che sviluppi una buona autostima: per riuscirci, vi consigliamo di proporgli dei giochi che stimolino il suo intelletto.

Potreste ad esempio utilizzare dei giocattoli fatti da voi, attraverso i quali il cane venga stimolato a portare a termine determinate missioni, premiandolo quando svolge bene i compiti che gli avete dato e quando ubbidisce. Ricordate che la violenza, sia fisica che verbale, non è mai una strategia educativa.

Affetto e amore invece sono due elementi fondamentali: attraverso le coccole, i momenti di gioco e le carezze riuscirete a stabilire con il vostro cane un legame solido e duraturo.

Socializzate il vostro cane nel modo giusto

cani che corrono

L’equilibrio emotivo del vostro cane dipende anche dai rapporti che mantiene con i suoi simili: questi animali, infatti, imparano dagli altri i comportamenti tipici della propria specie.

Se i primi rudimenti vengono appresi dalla loro mamma e dai loro fratelli, con i suoi simili il vostro amico peloso potrà imparare molto altro, come ad esempio controllare la propria forza.

Ricordate che è meglio non iniziare questa fase di socializzazione prima di aver fatto tutte le vaccinazioni necessarie: senza vaccino, il vostro cane è vulnerabile e potrebbe contrarre qualche malattia a cui gli altri cani sono immuni, pur essendone portatori.

La socializzazione include il contatto anche con altre persone e con animali di altre specie: attraverso questi rapporti il vostro cane imparerà ad accettare gli estranei nel proprio territorio e a camminare per strada o al parco tranquillamente senza tirare continuamente il guinzaglio ogni volta che vede un cane più piccolo, nel tentativo di seguirlo.

Il suo spazio e le sue cose

Dovrete insegnare al vostro amico peloso che c’è un momento e un luogo per ogni cosa. In questo modo saprà come si deve comportare in casa, evitando ad esempio di saltare addosso alle persone o su mobili e letti, se sono cose che gli avete proibito.

Questo implica il fatto che deve imparare a giocare con le sue cose e non con le vostre: un punto cruciale se volete evitare che morda e distrugga tutto ciò che trova in casa.