Lucifero, un gatto paralizzato che aiuta gli altri

27 settembre, 2017

Quando sentiamo il nome Lucifero, lo associamo all’oscuro, al soprannaturale e a qualcosa di malvagio. Tuttavia, queste caratteristiche non hanno niente a che vedere con il protagonista della storia di cui vi parleremo oggi. Si chiama Lucifero ma è generosissimo, dedica la sua vita ad aiutare gli altri.

Se siete curiosi leggete la storia di questo gatto. Lui è stato sfortunato nella vita, ma ha saputo reagire. Nonostante sia un felino, ha saputo tirar fuori qualcosa di positivo da una situazione difficile.

Lucifero e il suo incidente

gatto-lucifero-2

                                                      Fonte: rolloid.net

Lucifero vive nella clinica veterinaria in cui è stato salvato dai medici che lo hanno trovato. E’ stato schiacciato da una porta e questo gli ha provocato una grave lesione alla colonna vertebrale.

Anche se è stato curato ed è sopravvissuto, la lesione è molto grave e non gli permette di muovere le zampe posteriori. 

Tuttavia, la sua voglia di vivere lo ha reso amabile con tutti. Che si tratti di persone o di animali, ciò lo ha aiutato ad ottenere un lavoro all’interno della clinica.

Lucifero e il suo lavoro nella clinica

Lucifero ha saputo reagire, anche se è rimasto paralizzato. Dopo che il centro in cui si trova gli ha fornito una sedia a rotelle per gatti, ha cominciato a passeggiare per i corridoi della clinica, andando a trovare gli altri pazienti.

Le persone che lavoravano lì, si sono rese subito conto che Lucifero incoraggiava gli altri animali malati. E tutto ciò influiva anche sul suo stato d’animo, aiutandolo a guarire più in fretta.

Per questo ora lavora nella clinica. E’ un collaboratore che aiuta i più sfortunati a lottare per la vita senza tenere conto delle loro invalidità o malattie. 

Per farlo, si avvicina alle gabbie per vedere la reazione degli animali (a volte cani o gatti non vogliono che si avvicini, e Lucifero lo capisce), e quando si crea una sintonia particolare, la gabbia viene aperta e viene permesso al felino di entrare e di restare per un po’ di tempo insieme a loro.

Gli si sdraia accanto, li accarezza con le sue zampe e prova a giocarci, e loro lo fanno se le forze glielo permettono. Lui solleva il morale degli altri animali e i tempi di guarigione accelerano.

Quelli che non possono essere salvati invece, vengono aiutati da Lucifero a passare gli ultimi istanti della loro vita felici.

Lucifero ha due lavori

gatto-lucifero-3

Fonte: rolloid.net

Chi dice che avere una disabilità impedisce di ottenere un lavoro? Lucifero ne ha ben due! Sì, oltre a prendersi cura degli altri e a infondergli la voglia di vivere, fa anche pubblicità alla clinica.

Ha posato come modello per varie campagne pubblicitarie, e sono state tutte un successo. Ci sono delle immagini molto divertenti nelle quali non si nota la sua solita modestia. 

Vi spieghiamo. Su internet hanno inventato una specie di intervista nella quale gli chiedono se si sente speciale e lui risponde così:

“No, non sono speciale. Sono solo un gatto, anche se a volte mi sento una persona. Voglio solo ringraziare la clinica per avermi salvato e per avermi dato la possibilità di aiutare gli animali che ne hanno bisogno”.

Questa risposta è accompagnata da una foto nella quale Lucifero sta seduto. Dopo ne appare un’altra, in cui ha una corona finta in testa e un altro commento in cui afferma:

“D’accordo, lo ammetto, a volte indosso la corona e mi piace..”

Il suo senso dell’umorismo è unico. E oltre ad infondere la voglia di vivere agli altri animali, di sicuro questo bel gatto nero ha molto da insegnare anche alle persone. Senza dubbio il suo modo di agire ci ricorda questa citazione: “Se piangi per aver perduto il sole, le lacrime non ti permetteranno di veder le stelle”.

Grazie Lucifero per le tue importanti e preziose lezioni di vita.

Fonte delle immagini: rolloid.net