L'uso della mascherina confonde i cani?

07 dicembre, 2020
La mascherina nasconde delle informazioni gestuali, un fatto che può confondere un po' i cani. Ma ci sono altri segnali visivi, olfattivi e uditivi con i quali possiamo guidarli.

Ormai la società ha accettato l’uso della mascherina come parte della “nuova normalità”. Infatti, da mesi ormai, oltre a mantenere il distanziamento sociale, dobbiamo utilizzare la mascherina per prevenire la diffusione del COVID-19. La mascherina copre una parte del nostro viso che, di conseguenza, perde espressività.

I cani sono in grado di leggere e interpretare i nostri gesti, ma se possono vedere solo una parte del nostro viso, sottraiamo loro delle informazioni importanti. Ciò significa che l’uso della mascherina li confonde? Scopriamolo in questo articolo.

I cani interpretano i nostri gesti

Il vostro cane vi capisce quando gli parlate. Anche se non riescono a capire il significato di ciò che dite, i cani sono in grado di interpretare i nostri gesti, parole ed emozioni.

Infatti, i cani possiedono dei meccanismi cerebrali molto simili ai nostri, poiché elaborano l’intonazione con l’emisfero destro e le parole con l’emisfero sinistro. In questo modo, non solo capiscono cosa diciamo, ma anche in che modo lo diciamo.

Come se non bastasse, sono in grado di identificare le parole più ricorrenti che usiamo quando comunichiamo con loro e di associare ad esse un significato. Termini come camminare, mangiare e giocare sono accompagnati da un’attività specifica e l’animale lo sa bene.

I cani non prestano attenzione solo ai suoni: la comunicazione non verbale è altrettanto o più importante per loro. I cani distinguono un volto umano felice da uno arrabbiato e comprendono cosa implicano entrambe le espressioni.

Cane con la mascherina.


La mascherina nasconde l’espressività del volto

Ci sono molti studi che hanno cercato di decifrare in che modo i cani interpretano le nostre espressioni. Ciò che imparano dai loro padroni vale anche per i volti di persone sconosciute? Interpretano un’espressione in base a determinati tratti del viso o nel suo insieme?

Un gruppo di ricercatori finlandesi ha tentato di rispondere a queste domande registrando lo sguardo di un gruppo di cani di razze diverse mentre osservavano le foto dei volti di esseri umani e cani con tre espressioni emotive di base: minaccia, simpatia e neutralità.

Analizzando lo sguardo del cane, gli esperti hanno creato delle mappe sulle fotografie. Da queste è emerso che i cani non hanno basato la loro percezione delle espressioni facciali sulla visualizzazione delle strutture separatamente, ma sull’insieme formato dagli occhi, la parte centrale del viso e della bocca.

Sebbene i cani fissassero lo sguardo più a lungo sugli occhi che sulla bocca, realizzavano una valutazione omogenea su tutto il viso. Ciò significa che non si basano su indizi per interpretare le emozioni, ad esempio mostrare i denti come indice di felicità, ma piuttosto valutano la nostra espressione nel complesso.

Oltre a interpretare le espressioni, i cani hanno risposto ad esse. Quando visualizzavano i volti arrabbiati delle persone, emettevano dei segnali calmi e cercavano di evitarli.

La mascherina confonde i cani?

La mascherina copre una parte centrale del viso, del naso e della bocca e quindi sottrae delle informazioni gestuali. Tuttavia, l’espressività degli occhi, il contesto e la comunicazione verbale ci danno sufficienti indizi per comprendere il messaggio.

I cani infatti non sono animali molto visivi. Anche se è vero che un oggetto estraneo sul nostro viso può provocare qualche reazione iniziale, soprattutto in quelli più reattivi, in generale i cani sono guidati ed interpretano il mondo attraverso l’olfatto.

La mascherina può confondere un po’ i cani, ma per fortuna usano altri segnali visivi, olfattivi e sonori per completare le informazioni e comprendere la situazione. Ad esempio, il tono della voce è fondamentale per i cani, poiché possono distinguere messaggi positivi o negativi proprio grazie a questa caratteristica.

Bambine con la mascherina e il loro cane.

Tutto ciò costituisce un problema?

L’uso della mascherina non è un problema per la vita quotidiana dei cani, soprattutto quando vivono con noi e sono abituati al nostro modo di agire, alle nostre routine e ai nostri orari. Pertanto, non vi è alcuna giustificazione per non indossarla nei luoghi pubblici o per smettere di portare a spasso i nostri animali domestici.

Sebbene all’inizio alcuni cani possano essere sorpresi, dopo un po’ la mascherina smetterà di attirare la loro attenzione. Se non è così e ritenete che possa causare problemi di comportamento al vostro animale domestico, parlatene con un veterinario o con un addestratore.

La pandemia causata dal virus COVID-19 non ha una soluzione a breve termine e dobbiamo collaborare tutti insieme per prevenire la sua espansione. Il cane, come ogni altro animale esposto per lungo tempo allo stesso stimolo, finirà per abituarsi all’uso della mascherina da parte del suo padrone.

  • Dogs Evaluate Threatening Facial Expressions by Their Biological Validity – Evidence from Gazing Patterns. Somppi S, Törnqvist H, Kujala MV, Hänninen L, Krause CM, et al. (2016) Dogs Evaluate Threatening Facial Expressions by Their Biological Validity – Evidence from Gazing Patterns. PLOS ONE 11(1): e0143047.
  • American Association for the Advancement of Science. (2016, August 29). Dogs understand both vocabulary and intonation of human speech. ScienceDaily.