Metilprednisolone per cani: dosaggio e controindicazioni

Il metilprednisolone è uno steroide sintetico che si caratterizza per avere un'azione immunosoppressiva e antinfiammatoria.
Metilprednisolone per cani: dosaggio e controindicazioni

Ultimo aggiornamento: 28 luglio, 2021

Il campo della farmacologia è suddiviso in diverse categorie a seconda dell’azione dei principi attivi che i farmaci hanno. Alcuni di essi hanno la capacità di eseguire più di un effetto alla volta. L’uso del metilprednisolone effettua una serie di reazioni positive nel corpo, ma fate attenzione: è un farmaco che va somministrato con cautela!

In questo articolo parleremo del dosaggio principale del metilprednisolone nei cani, insieme alle controindicazioni del suo utilizzo. La somministrazione, come tutti gli altri farmaci per uso veterinario, dovrebbe essere indicata da un professionista. L’automedicazione del cane potrebbe essere controproducente per migliorare la sua salute e il suo benessere generale.

Cos’è il metilprednisolone?

Questo farmaco è uno steroide sintetico derivato dal prednisolone che si caratterizza per avere un’azione immunosoppressiva e antinfiammatoria. Inoltre, si ritiene che la sua somministrazione abbia una ridotta tendenza a trattenere sodio e acqua, a causa della sua bassa attività mineralcorticoide.

Quando il metilprednisolone viene somministrato nei cani, si sviluppano numerosi processi fisiologici molto dettagliati. Ve li raccontiamo nelle righe seguenti.

Meccanismo di azione

Questo farmaco inizia inibendo i meccanismi tissutali legati all’infiammazione. Pertanto, saranno interessate sia le cellule infiammatorie che i mediatori dell’infiammazione. A sua volta, la permeabilità vascolare diminuisce e l’essudazione è minore.

Il metilprednisolone è un farmaco che ha la capacità di essere assorbito per tutte le vie. Si attacca alle globuline plasmatiche per viaggiare attraverso il flusso sanguigno. Gli effetti del metilprednisolone nei cani dipenderanno dalla via di somministrazione del farmaco, sebbene la somministrazione parenterale sia quella che riporta gli effetti più lunghi.

Va notato che questo farmaco ha un metabolismo epatico che termina con l’eliminazione nelle urine. Tuttavia, il dosaggio somministrato di metilprednisolone nei cani può variare secondo il piano terapeutico stabilito.

È stato osservato un buon risultato all’applicazione di questo farmaco in canidi con processi dermatologici, come dermatiti e pemfigo. Con questo farmaco possono essere trattati anche cani con malattie endocrine e reumatiche, nonché problemi intestinali, neurologici, immuno-mediati e muscoloscheletrici.

Il metilprednisolone per cani può essere molto utile in determinate condizioni.

Dosaggio

Come abbiamo detto, il dosaggio dipenderà dall’effetto ricercato quando si inizia un trattamento per cani a base di metilprednisolone. Successivamente, vi presentiamo le diverse dosi che il veterinario potrebbe indicare nella ricerca della risoluzione delle varie situazioni.

Dose immunosoppressiva di metilprednisolone

Si inizia con la somministrazione orale da 2 a 4 milligrammi per ogni chilogrammo di peso vivo dell’animale, con un intervallo consigliato di 24 ore. Una volta che il cane è stabile, la somministrazione di metilprednisolone deve essere ridotta fino al raggiungimento della dose minima efficace, che è di circa 1-2 milligrammi per chilogrammo.

Tutte le indicazioni verranno date dal veterinario, che deciderà l’intervallo di dosaggio ideale in base alla situazione specifica del canide.

Dosaggio antinfiammatorio e analgesico

Nella somministrazione orale e considerando di rispettare un intervallo di circa 6-10 ore, il medicinale verrà somministrato come segue:

  • 2 milligrammi per ogni 2,3-6,8 chili di peso.
  • 2-4 milligrammi per ogni 6,8-18,1 chili di peso.
  • 4-8 milligrammi per ogni 18,2-36,6 chili di peso.

Il trattamento può durare da 2 a 7 giorni, a seconda del miglioramento del paziente. Si raccomanda di ridurre gradualmente la dose giornaliera fino al raggiungimento del dosaggio di mantenimento.

Controindicazioni del metilprednisolone nei cani

Tra i vantaggi dell’uso di questo farmaco, c’è anche un ampio elenco di controindicazioni. È importante prendere in considerazione ciascuna delle restrizioni sull’uso del metilprednisolone per cani, al fine di evitare che la salute del vostro animale domestico peggiori.

Nel caso in cui il vostro amico a quattro zampe riscontri una delle seguenti patologie, è meglio cercare un altro trattamento:

  • Infezione fungina sistemica.
  • Infezione virale.
  • Infezioni batteriche resistenti.
  • Ulcere corneali.
  • Malattia renale cronica.
  • Malattia gastroduodenale.

Prima di iniziare un trattamento per cani a base di metilprednisolone, devono essere considerate le possibili interazioni che potrebbe avere e combinato con altri farmaci. Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), barbiturici, diuretici, indometacina, salicilati e antidiabetici sono solo alcuni esempi di farmaci con i quali non è consigliabile mescolare questo medicinale.

Se il vostro animale domestico è incinta o sta allattando, il metilprednisolone non è l’opzione migliore. Una somministrazione precoce può causare malformazioni fetali, oltre a parti prematuri e aborti nell’ultimo terzo di gestazione.

Effetti collaterali del metilprednisolone nei cani

La presentazione di alcuni effetti collaterali dipenderà dall’assimilazione del farmaco nel cane, nonché dalla durata e dalla concentrazione somministrata. Nei pazienti a cui sono state applicate dosi molto elevate, c’è una maggiore possibilità di manifestare questo tipo di reazione.

I principali effetti collaterali dell’uso del metilprednisolone nei cani sono: ritardo della crescita negli animali giovani, osteoporosi e segni di iperadrenocorticismo. Meno comuni sono i quadri di polidipsia e poliuria, e in casi ancora più sporadici potrebbe comparire una segnaletica indicativa della sindrome di Cushing.

Nei pazienti prediabetici, il metilprednisolone può aiutare a stabilire la malattia in quanto tale. I glucocorticoidi hanno un effetto antagonista dell’insulina, quindi è necessario monitorare questi canidi per mantenerli stabili ed evitare che diventino cani diabetici durante il trattamento.

Un cane guarda una pillola.

A causa della sua azione immunosoppressiva, i segni causati dall’infezione di un agente opportunista potrebbero passare inosservati. Il supporto medico professionale nei trattamenti per cani a base di metilprednisolone, così come qualsiasi altro farmaco indicato per il vostro animale domestico, è essenziale.

Potrebbe interessarti ...
Nolotil per cani: usi e dosaggio
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Nolotil per cani: usi e dosaggio

Nolotil per cani è un analgesico nato per uso umano che può essere usato anche per alleviare alcuni disturbi negli animali domestici.