Un micio abbandonato passa un anno ad aspettare i suoi padroni

Un micio abbandonato passa un anno ad aspettare i suoi padroni

Ultimo aggiornamento: 21 aprile, 2017

La lealtà degli animali sembra non avere fine. Lo dimostrano storie come quella che vi vogliamo raccontare oggi. Parla di un micio abbandonato che per un anno è andato ogni giorno nel luogo in cui i padroni lo abbandonarono quando cambiarono casa.

È triste sentire storie come questa. Tuttavia, riteniamo che possano aiutare a sensibilizzare coloro a cui dovesse passare per la testa l’idea di abbandonare un animale.

La storia del micio abbandonato in Russia

Molti la paragonano a storie di animali che sono stati per anni sulle tombe dei loro padroni. La verità è che questa realtà è più crudele, poiché l’abbandono è stato volontario e non forzato.

Questo gatto è stato visto correre dietro l’auto dei suoi padroni, in Russia, quando questi decisero di cambiare casa e lasciare l’animale solo e abbandonato al suo destino nel quartiere in cui avevano vissuto per tutta la vita.

Nonostante la sua corsa, la famiglia ignorò le sue suppliche silenziose e abbandonò il povero micio. Nonostante tutto, le sue speranze non vennero meno e continuò a sperare che la sua famiglia, quelle persone per cui avrebbe dato la sua vita, tornasse a cercarlo… Ma ciò non è accaduto.

E così i vicini hanno visto come questo micio abbandonato sia andato giorno dopo giorno nello stesso luogo in attesa che i suoi padroni tornassero. Gli diedero da mangiare. Questa è una dimostrazione di bontà umana, in contrasto con la malvagità dei padroni dell’animale.

Il micio abbandonato ci racconta come si è sentito

È inverno, fa molto freddo dove viviamo, ma, non so per quale motivo, il mio padrone ha deciso che dobbiamo uscire. Si sono sempre comportati molto bene con me. Io devo esserne grato, obbedendo e soddisfacendo i loro desideri.

Quindi, esco. Sembra che mettano delle scatole in automobile, non è niente di strano per me, lo fanno da diversi giorni. Questo posto è brutto, ci sono tante auto. Mi piace di più quando mi portano dove ci sono alberi e bambini che giocano, ma cosa posso chiedere di più che avere qualcuno che mi vuole bene?

Vedo che tutti salgono in macchina, aspetta, dove vanno? Ma devo seguirli! Hey no, non andatevene senza di me. Forse non si sono resi conto che sono qui, magari stanno solo andando a portare delle cose da qualche parte e poi torneranno.

Sì, deve essere così. Mi siederò qui ad aspettarli. Sembra che non vengano… Sta diventando buio, sarà meglio che faccia un pisolino.

E la mia famiglia…?

Caspita, nasce il sole e non c’è traccia della mia famiglia. Ho fame, cosa potrei mangiare? Farò un giro. Sembra che qualcosa puzzi, da qualche parte. Non è un buon odore, ma immagino che sarà meglio che soffrire la fame. Fa freddo, ho fame e qui c’è molta sporcizia, oh come mi piacerebbe stare in casa!

Mi mancano il mio letto e la mia copertina, quella che mi scaldava nei giorni freddi come questo. Forse la mia famiglia arriverà presto. Nel frattempo mi metterò qui, in modo che possano trovarmi quando torneranno.

Sembra che oggi non torneranno, forse sono trattenuti da qualcosa, continuerò a rimanere qui per vedere se domani arriveranno…

Sono qui da molti giorni, tutti i vicini sono diventati miei amici. Mi danno da mangiare e questo è più che sufficiente per me, ma vorrei tanto che la mia famiglia si ricordasse che sono qui, ad aspettarli, perché io non ho mai smesso di voler loro bene e se qualche giorno decideranno di tornare, io continuerò a stare qui, perché desidero rivederli.

L’abbandono incide in modo molto negativo sugli animali, perché vengono lasciati al loro destino, senza poter alimentarsi, coprirsi, bere o tenersi puliti. Inoltre, possono essere esposti a pericoli, e sapete una cosa? Loro non lo farebbero mai, perché dovete farlo voi?

Fonte dell’immagine principale: www.elsalvador.com