Vi presentiamo Nirvana, la cagnolina marinaia

Vi presentiamo Nirvana, la cagnolina marinaia

Ultimo aggiornamento: 30 gennaio, 2017

Questa è la storia di un coraggioso spagnolo che decise di lasciare tutto per percorrere il mondo in canoa. Nel corso del suo viaggio incontrò Nirvana, una dolce cagnolina abbandonata, che divenne così la sua prima marinaia, accompagnandolo nell’avventura. Vi raccontiamo la sua storia.

La storia della cagnolina marinaia

Annoiato dalla monotonia della sua vita lavorativa, nel 2013 Sergi Basoli decise di chiudere con il passato. Lasciò il suo lavoro di ingegnere a Barcellona per realizzare il suo sogno nel cassetto. Il suo progetto era in realtà un’avventura: percorrere le coste del Mediterraneo in kayak.

Come sempre, però, la vita mette alla prova gli uomini con imprevisti e sorprese. Però mai pensò che, tra queste, potesse arrivare a conoscere una simpatica compagnia di viaggio. Lungo le strade di Alghero, in Sardegna, questo moderno avventuriero trovò quella che sarebbe divenuta la sua assistente di navigazione più coraggiosa e fedele.

Questa piccola cagnolina spelacchiata, Nirvana, all’inizio soffrì un poco per il mare. Ma presto si abituò ad onde e maree, diventando un’ottima marinaia sul kayak del proprio padrone.

La pagina web del viaggio

Grazie alle nuove tecnologie e ad Internet, Sergi decise di creare una pagina web per raccontare l’avventura, mano mano che avanzava nel viaggio e conosceva gente nuova.

Uno dei principi stabiliti dall’uomo era di dormire senza pagare. Non una scelta di tipo economico, per risparmiare, quanto una sfida per riuscire a vivere esperienze nuove e più genuine.

Fortunatamente, nel corso dell’avventura, riuscì a trovare persone disponibili e accoglienti. Sergi affrontò il viaggio con calma per poter gustarsi luoghi e persone con cui si imbatteva, fermandosi spesso in luoghi di estrema bellezza.

E, per poter guadagnare qualche spicciolo, i due vendevano oggetti artigianali creati con elementi naturali della spiaggia, di notte, prima di dormire e riprendere, l’indomani mattina, il viaggio.

L’avventura giornaliera della cagnolina marinaia

ecco-nirvana-la-cagnolina-marinaia

La forma di viaggiare è semplice, tranquilla, lo scopo è rilassarsi procedendo ad una giusta velocità. I due percorrevano dai 10 ai 30 km al giorno, remando per circa quattro ore. Durante l’inverno i viaggi furono più corti, a causa delle condizioni climatiche.

In questo modo, dopo tre anni e oltre 5000 km percorsi lungo la costa del Mar Mediterraneo, Sergi continuerà a viaggiare, soprattutto ora che può contare sulla ‘zampa’ di Nirvana.

Da piccolo il suo sogno era diventare come Indiana Jones o un pirata dei Caraibi. Ora sta attraversando, probabilmente, il più bel periodo della propria vita. Immerso nella natura e circondato da tante persone che gli dimostrano affetto, simpatia e altruismo.

Il problema principale di navigare con un cane, come in questo caso, è salvaguardare sempre ogni aspetto della salute e sicurezza dell’animale.

Se il vostro amico diventa nervoso, quando viaggia, e si sente male, vale la pena rivolgersi al veterinario per farvi prescrivere una medicina capace di combattere e annullare vomito e svenimento, sintomi tipici del mal di mare.

Il consiglio è comunque quello di far viaggiare il vostro cane o gatto sempre all’interno del trasportino, con tutti i suoi giocattoli preferiti, oggetti, palline e pupazzi che può mordicchiare e con cui potrà distrarsi.

Ricordate sempre che è meglio mantenere l’animale a digiuno prima di intraprendere un viaggio. Ciò non riguarda i liquidi: il cane dovrà sempre venire idratato adeguatamente. Fatelo bene prima e durante il viaggio, soprattutto se è estate.

Documenti di viaggio

Sembra una cosa di poca importanza, ma l’identificazione dell’animale è vostra responsabilità. Dovrete assicurarvi che l’animale sia in regola con tutte le norme sanitarie e amministrative. In caso di smarrimento, le possibilità di ritrovare il vostro cane o gatto sono notevolmente maggiori.

Inoltre, i dati di contatto e del proprietario dovranno essere aggiornati rispetto al microchip dell’animale. Questo significa anche il vostro numero di telefono cellulare.

Cosa portare in viaggio

In un’ipotetica borsa da viaggio per il vostro cane, ecco ciò che non può mai mancare:

  • Asciugamano, shampoo, spazzolino e spray antiparassitario.
  • Collare e guinzaglio per portarlo a passeggio, assieme alla museruola. Soprattutto se appartiene ad una delle razze indicate come pericolose.
  • Rispetto al cibo, è preferibile usare croccantini e non prodotti in scatola. Infatti, non avendo a disposizione un frigorifero, saremo costretti a gettare ciò che avanza.
  • Portate sempre una scorta di acqua adeguata. Non dategli mai acqua troppo fredda o ghiacciata perché può essere dannosa per il suo stomaco.

Le immagini sono tratte dal profilo Instagram di sergibasoli