Nolotil per gatti: usi e dosaggio

Il Nolotil è un analgesico sviluppato per gli esseri umani, ma che può essere prescritto dal veterinario per curare alcuni problemi dei gatti.
Nolotil per gatti: usi e dosaggio

Ultimo aggiornamento: 23 luglio, 2021

Molte persone conoscono il Nolotil come medicinale per l’uomo e dei suoi possibili usi contro il dolore. Ecco perché quando il vostro animale domestico sembra avere sintomi di disagio, è normale che valutiate se la sua somministrazione può essere utile. Pertanto, sapere cos’è questo farmaco, come può essere usato e i suoi possibili effetti collaterali può servirvi.

La cosa più importante sarà sempre avere l’approvazione veterinaria, poiché gli animali domestici non dovrebbero essere mai medicati senza una preventiva valutazione professionale, tanto meno con farmaci destinati alla somministrazione umana, se non è stato indicato.

Cos’è il Nolotil

Nolotil è un farmaco che produce effetti analgesici, antipiretici, antispasmodici e, in misura minore, ha un effetto antinfiammatorio. Fa parte del gruppo dei pirazoloni e il suo principio attivo è composto da metamizolo, magnesio o sodio. È indicato come antidolorifico non oppioide ed è metabolizzato nel fegato.

Va notato che il Nolotil è un farmaco formulato per l’uomo. Ciò non significa che il suo uso sia vietato negli animali, ma che esistono altre opzioni più appropriate per loro; in questo caso, sviluppate specificamente per i felini malati.

Offrire farmaci appositamente per felini garantisce maggiore sicurezza ed efficacia. Pertanto, di fronte alla possibile rilevazione di dolore nei gatti, è sempre indicato rivolgersi a un professionista in modo che possa decidere quale sia il medicinale più appropriato.

Gli antistaminici per gatti possono aiutare in molte condizioni.

Il Nolotil fa bene ai gatti?

Nolotil può funzionare come rimedio in alcuni processi dolorosi nei gatti e in altre patologie che verranno specificate di seguito. Tuttavia, come già detto più volte, solo un veterinario può determinare se la sua somministrazione è appropriata o meno. Pertanto, non è sempre il miglior trattamento.

Tra le funzioni che il Nolotil svolge per i gatti c’è quella di alleviare alcuni dolori acuti (non è utile per il dolore cronico), di intensità da media a moderata. Sfortunatamente, rilevare i sintomi del dolore nei gatti non è sempre semplice. Comunque, se il professionista lo determina, può decidere di prescriverlo per le seguenti problematiche:

  • Dolore traumatico.
  • Dolore causato da neurite o nevralgia.
  • Disagio medio o moderato causato dall’artrite.
  • Processi febbrili.
  • Dolore di origine oncologica.
  • Dolore viscerale.
  • Distocia.

Come sottolineano gli esperti, il Nolotil è utile anche nei piccoli animali con dolore causato da coliche gastrointestinali e disturbi urinari o biliari per le sue proprietà antispasmodiche. Infine, può servire come analgesico preventivo nei protocolli pre-anestetici.

Questo medicinale consente l’uso di meno anestesia durante l’intervento chirurgico, così come meno farmaci antidolorifici dopo l’intervento.

Dosaggio corretto

Una volta appreso cos’è il Nolotil e quali sono i suoi possibili usi, è importante conoscere i dettagli principali sulle dosi da somministrare ai gatti. Ancora una volta, è essenziale sottolineare che solo un veterinario è la persona con il potere di determinarle. Per fare ciò, dovrà considerare i seguenti punti:

  • Le caratteristiche del felino: peso, razza, età e sesso.
  • L’anamnesi dell’animale.
  • Il quadro clinico del gatto.
  • La via di somministrazione: sottocutanea, endovenosa, intramuscolare o orale.

Una volta determinato tutto ciò, è possibile impostare le dosi corrette. Ad esempio, se si decide di somministrarlo per via endovenosa o intramuscolare, si consiglia solitamente circa 0,2 millilitri ogni 5 chilogrammi di peso dell’animale, ripetendo la dose 2 o 3 volte al giorno. Si può anche optare per una sola dose ogni 24 ore.

Quando si considera l’assunzione di Nolotil per via orale, il veterinario può decidere di somministrare il farmaco in gocce ogni 4-6 ore. In ogni caso, il professionista dovrebbe monitorare il trattamento, anche se i tutor somministrano il farmaco da casa – questo di solito accade solo se è orale.

Controindicazioni

Come ogni farmaco, anche il Nolotil ha alcune controindicazioni. Alcune delle circostanze in cui questo medicinale non è raccomandato sono le seguenti:

  • Non può essere somministrato nei felini allergici al metamizolo.
  • Né se il gatto ha malattie croniche al fegato, ai reni o all’apparato gastrointestinale.
  • Non può essere somministrato se il felino è in trattamento con farmaci come fenilbutazone, clorpromazina o barbiturici.
  • Bisogna stare molto attenti con i gatti che soffrono di problemi cardiovascolari.
  • Essere molto cauti nei felini anziani.
  • Non è indicato se l’animale soffre di qualche tipo di alterazione quantitativa o qualitativa dei suoi componenti del sangue (discrasia ematica).
  • Anche nelle gatte in gravidanza o in allattamento non può essere somministrato.

Effetti collaterali

Altrettanto importante è tenere a mente i suoi possibili effetti collaterali nei felini dopo la somministrazione. Se vi accorgente di uno di questi segnali, potete agire rapidamente recandovi al centro veterinario.

Tra gli effetti che l’applicazione del farmaco per via sottocutanea può avere c’è l’irritazione della zona dove è avvenuta l’iniezione. D’altra parte, in caso di una dose eccessiva del farmaco, potrebbe causare convulsioni nell’animale.

Va anche notato che il metamizolo sodico aumenta le possibilità di sanguinamento. Ciò è dovuto al fatto che la sua azione sopprime la formazione di protrombina, una proteina nel plasma sanguigno che fa parte del processo di coagulazione. Altri effetti collaterali che possono verificarsi, secondo studi professionali, sono i seguenti:

  • Malattia.
  • Vomito.
  • Vertigini.
  • Sonnolenza.
  • Ritenzione urinaria.
  • Prurito.
  • Ipotensione.
  • Depressione del sistema nervoso centrale, in particolare depressione respiratoria.
  • Confusione.
L'acromegalia nei gatti è un problema cronico.

Va ricordato che, durante qualsiasi trattamento medico per animali domestici, il professionista veterinario deve monitorare e valutare il processo e i tutori devono prestare attenzione a eventuali sintomi avversi. Una corretta somministrazione del farmaco può salvare la vita dell’animale.

Potrebbe interessarti ...
Buprex per gatti: dosaggio ed effetti collaterali
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Buprex per gatti: dosaggio ed effetti collaterali

Buprex può essere somministrato come antidolorifico per trattare varie condizioni, facendo attenzione ai dosaggi e alle controindicazioni.