Non lasciate il vostro cane affamato!

Non lasciate il vostro cane affamato!

Ultimo aggiornamento: 22 novembre, 2016

Chi ha un animale domestico e si è assunto la responsabilità di curarlo con amore, si preoccupa di tante cose. L’alimentazione è una di queste. A volte, soprattutto se l’animale in questione è un cane, ci sorge il dubbio che, pur avendo mangiato, sia rimasto affamato.

Perché il mio cane sembra avere sempre fame?

È vero, qualche volta i nostri amici a quattro zampe sembrano essere senza fondo. Mangerebbero sempre di più di quello che hanno nella ciotola e magari vorrebbero che spartissimo il cibo che mettiamo in tavola noi.


Ma come è possibile che un cane abbia tanta fame? Scartando eventuali problemi di salute, una volta ricevuta la giusta razione che tenga conto delle sue caratteristiche, l’animale dovrebbe sentirsi soddisfatto.

cane-accanto-alla-ciotola

E allora, perché non smette di elemosinare cibo? La risposta va ricercata nelle sue origini.

Calcolando bene la razione giornaliera e coprendo le sue necessità nutrizionali in ogni tappa della vita, potete stare tranquilli: il vostro cane non soffrirà la fame.

Una questione di sopravvivenza

Come ben sapete, l’antenato del cane è il lupo, un animale che si procura il cibo cacciando. La caccia, però, non garantisce che si possa mangiare tutti giorni in abbondanza.
Il suo istinto di sopravvivenza, quindi, lo porta a ingerire tutto quello che può: è possibile che la caccia seguente non abbia successo e che l’animale sia costretto a digiunare per diversi giorni.

Questo comportamento ha attraversato i secoli ed è stato ereditato dal cane domestico, il quale non ha mai dovuto faticare per ottenere il cibo; tuttavia, qualcosa lo spinge a riempirsi lo stomaco perché potrebbe, in teoria, passare molto tempo fino al pasto successivo.
Quindi, quando il vostro cane vi guarda come per dire “non c’è niente da mangiare?”, cercate di non cedere ai suoi occhi teneri e imploranti. Se gli state somministrando la giusta razione di cibo, non superatela: otterrete solo che il cane diventi obeso e che si rovini la salute.

Una dieta per ogni cane

Per capire se la dieta del vostro cane sia sufficiente e copra le sue esigenze nutrizionali, consultate il veterinario.
Il medico saprà indicarvi la dieta migliore per ogni fase della vita del cane, tenendo conto di:

  • Razza e taglia
  • Peso
  • Condizioni di salute
  • Quantità di attività fisica che svolge l’animale

Calcolate bene la razione giornaliera di cibo per il vostro cane

È importante, quindi, calcolare bene la giusta razione di cibo e suddividerla per il numero di pasti giornalieri. In questo modo sarete sicuri che l’animale mangi quanto è necessario per mantenersi sano, forte e con il peso ideale.
Avete molti impegni, siete  fuori casa per la maggior parte della giornata, oppure non rientrate a orari fissi? Quando non riusciamo ad essere in casa alla solita ora in cui mangia il cane, ci sentiamo preoccupati.

In effetti, è risaputo che i cani sono animali abitudinari. Quando tardiamo a rientrare, è probabile che il cane cominci a guardare la ciotola con agitazione.

Se questo è il vostro caso, per non alterare la routine dell’animale ed evitare che senta i morsi della fame, potete optare per un distributore di cibo. Si tratta di un dispositivo automatico che dispensa la giusta dose di cibo ad orari programmati.

cucciolo-morde-la-ciotola

Se lo alimentate con criterio, il cane non avrà certamente fame

Per cui, potete stare tranquilli: somministrando al cane un cibo di qualità, pensato in base alle sue caratteristiche e nelle giuste dosi, di sicuro non resterà affamato. È chiaro che non perderà mai l’occasione di reclamare altro cibo.

Le stesse considerazioni valgono per il cibo casereccio. In questo caso, a maggior ragione, si rende necessario il parere di un veterinario, per essere sicuri di soddisfare tutte le necessità dell’animale.