Perché il gatto attacca il cane?

Molti padroni si chiedono "perché il gatto attacca il cane?" quando queste due specie convivono. Scoprite qui i motivi e come risolverlo.
Perché il gatto attacca il cane?

Ultimo aggiornamento: 22 settembre, 2021

Nonostante sia stato dimostrato che cani e gatti possono coesistere in armonia, l’istinto è qualcosa di difficile da cancellare e talvolta i conflitti tra di essi si intensificano. Se vi sei mai chiesti “perché il mio gatto attacca il mio cane?” probabilmente state affrontando un problema di fondo che è difficile da identificare.

Pertanto, in questo articolo imparerete a conoscere le cause più comuni di questi attacchi e come risolverli. Non lasciate passare il tempo, perché se gli attacchi del felino continuano o peggiorano, la situazione potrebbe diventare insostenibile.

Perché il gatto attacca il cane?

L’arrivo di un cane a casa non costituisce un problema per nessun membro della famiglia, compreso il gatto, se le introduzioni e l’adattamento vengono gestiti correttamente. Tuttavia, il fatto che siano di natura avversari (aggiunto alla difficoltà di alcuni gatti domestici di adattarsi ai cambiamenti) può portare a conflitti.

Quest’ultima costituisce solitamente la base dell’inizio dell’aggressività del gatto nei confronti del canide, ma ci sono altre ragioni. Le elenchiamo di seguito:

  • Vivono in situazioni stressanti: soprattutto se prima non erano aggressivi con il cane, è bene considerare che il gatto potrebbe essere stressato per qualcosa. Chiedetevi se avete apportato modifiche negli ultimi giorni o in quali situazioni e luoghi il felino è più suscettibile. Potrebbe anche soffrire o avere una malattia.
  • Il cane non rispetta gli spazi del gatto: a volte può essere il cane che non capisce che sta dando fastidio al suo compagno felino, vuoi perché non riconosce le sue  manifestazioni di rabbia o perché è un cucciolo e vuole giocare.
  • Esperienza negativa con i cani: se il gatto ha vissuto una situazione stressante o traumatica con un cane, è molto probabile che non tolleri l’intera specie. Gli incontri con un cane in questo caso sono molto stressanti per lui, quindi devono essere gestiti con cura.
  • Mancanza di socializzazione con i canidi: anche se non ha mai incontrato un canide, è possibile che il gatto semplicemente non abbia mai avuto contatti con la sua specie e trovi difficile capirla. In questo caso sono evidenti i suoi comportamenti territoriali e possessivi di fronte al cane.
Un paio di un gatto e un cane su uno sfondo bianco.

Cosa fare se il gatto attacca il cane?

Se le aggressioni del gatto sono ancora lievi e non frequenti, potete provare a controllare la situazione. Sarà un processo graduale e delicato, ma si può fare. Nelle sezioni seguenti elencheremo i 3 passaggi di base per un approccio sicuro.

Teneteli separati e usate i feromoni

La prima cosa da fare dovrebbe essere quella di separare gli animali per evitare ulteriori aggressioni. Inoltre, se il cane è fonte di stress per il gatto, tenetelo lontano per un periodo dal gatto in modo che smetta di essere nervoso. Se riuscite a installare delle barriere che permettano loro di vedersi, come sbarre o reti, tanto meglio.

Se in casa è venuto prima il gatto e poi il cane, cercate di non alterare troppo la loro routine con la divisione dei territori, perché questo può generare stress da un altro fronte. Al contrario, se il felino è arrivato dopo il cane sarà più facile, poiché sarà in grado di adattarsi allo spazio che gli date in primo luogo e potrete aumentare gradualmente la sua area.

Durante questo processo, può risultare utile fare uso di feromoni o scambiare oggetti che emanano odori da un lato all’altro del confine. In questo modo sia il gatto che il cane possono abituarsi all’odore dell’altro senza doversi confrontare.

Avvicinateli poco a poco

Una volta che il gatto è a suo agio vicino al cane attraverso le barriere (un processo che può richiedere settimane ma non dovrebbe essere forzato), potrete iniziare a radunare i due in un luogo neutro per brevi periodi di tempo. Se il gatto non si arrabbia o non attacca il cane, premiatelo in modo che associ la situazione a qualcosa di positivo.

È bene farsi aiutare da un’altra persona per distrarre il cane, poiché se diventa molto insistente nell’interazione con il gatto potrebbe provocare in lui un attacco.

Se tutto va bene, il felino si sentirà gradualmente desensibilizzato e potrete allungare i periodi di tempo che trascorrono insieme. Durante queste sessioni, inoltre, potrete scoprire se il gatto è disturbato da elementi specifici: quando il cane si avvicina a un determinato luogo o oggetto, quando interagisce con voi o quando abbaia. È il modo migliore per comprendere meglio i dettagli da curare per migliorare le interazioni tra loro.

Fateli convivere facendo attenzione

A poco a poco arriverà il momento in cui entrambi gli animali condivideranno lo spazio senza che il gatto attacchi il cane. Tuttavia, è meglio controllarli ogni volta che sono insieme, poiché se i fattori di stress riappaiono, il gatto sarà incline ad attaccare di nuovo.

È bene intervenire anche nel comportamento del cane, perché se è molto insistente nell’interagire con il suo compagno felino, avrà bisogno di sapere quali sono i limiti. Se è un cucciolo farà parte del suo apprendimento sociale e probabilmente lo interiorizzerà rapidamente.

Il gatto dovrebbe sempre avere luoghi in cui rifugiarsi nel caso in cui si senta aggredito o stressato. Senza una via di fuga, potrebbe scegliere di aggredire il cane per difendersi.

Un gatto molto arrabbiato fuori casa.

Cosa fare se il gatto continua ad essere violento?

Potreste trovarvi nella situazione in cui questa problematica non solo non migliora, ma peggiora. In questi casi dovreste andare immediatamente dal veterinario o da un etologo felino prima che gli attacchi diventino pericolosi. Inoltre, in questo modo potrete risolvere problemi relativi a possibili malattie o disturbi che stanno alterando il comportamento del vostro gatto.

La prevenzione e il supporto professionale saranno sempre le vostre armi migliori. Per cani e gatti vivere insieme è più che possibile, ma a volte richiede pazienza e sangue freddo, quindi non gettate la spugna.

Potrebbe interessarti ...
I benefici del colostro per cani e gatti
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
I benefici del colostro per cani e gatti

È fondamentale che i cani e i gatti ricevano il colostro immediatamente dopo la nascita, in modo che questo possa fornire al neonato le difese immu...