Perché la pelliccia della volpe artica cambia colore?

La pelliccia della volpe artica cambia così radicalmente da darle ogni volta le sembianze di un animale diverso. Scoprite qui le ragioni di questo adattamento.
Perché la pelliccia della volpe artica cambia colore?

Ultimo aggiornamento: 09 settembre, 2021

Sono necessari adattamenti estremi in ambienti estremi. Le tundre ghiacciate dell’Artico, prive di riparo e con poco cibo per predatori e prede, sono ancora più inospitali per quelle specie che escono di notte per cacciare. Di tutte le strategie imposte da queste condizioni, i cambi di colore della pelliccia della volpe artica sono tra i più conosciuti.

A cosa risponde questo cambiamento e perché è così sorprendente? Si tratta di una strategia che molte specie condividono con la volpe artica e spiega varie questioni a livello ambientale ed ecosistemico, quindi vale la pena approfondirla. Vediamola insieme!

Caratteristiche della volpe artica

La volpe artica o volpe polare (Vulpes lagopus) è un mammifero che abita le tundre dell’Eurasia settentrionale e del Nord America. In età adulta, questi mammiferi misurano tipicamente tra 35 e 55 centimetri dalla testa alla coda, con un peso corporeo medio da 1,5 a 9,4 chilogrammi. I maschi sono più grandi delle femmine.

Le volpi artiche sono animali energici, molto attivi durante tutto l’anno (cioè non vanno in letargo). Sono notturni, poiché escono di notte per cacciare piccoli roditori e uccelli grazie alla loro incredibile visione notturna e al loro sofisticato olfatto.

Tuttavia, è più probabile che la volpe artica si nutra in modo opportunistico piuttosto che fare affidamento sulla caccia.

Questi mammiferi sono solitari, sebbene si incontrino nella stagione riproduttiva sempre con lo stesso partner. La gestazione dura 50-55 giorni e la femmina darà alla luce cucciolate da 6 a 12 piccoli. La volpe artica raggiunge la maturità sessuale a 10 mesi di età, anche se i piccoli vengono separati dalla madre a 8 mesi.

Uno degli animali in via di estinzione al Polo Nord.

Perché il mantello della volpe artica cambia?

La straordinaria pelliccia della volpe artica è uno dei suoi adattamenti al clima estremo in cui vive. In inverno è fitta e bianca come la neve su cui cammina, mentre nella stagione calda diventa più corto e di colore bruno-grigiastro.

Lo spessore del pelo di questa volpe ha anche una funzione specifica: essendo così denso, permette l’accumulo di aria tra i suoi peli, in modo da aiutare a non dissipare il calore corporeo. La stessa cosa accade con altre specie, come la pernice bianca, che gonfiando le sue piume trattiene l’aria tra di esse.

Mimetizzazione e sopravvivenza

Il cambiamento di colore del pelo della volpe artica non è casuale, ma risponde alle esigenze di sopravvivenza di questo canide. Le due principali funzioni che svolge sono queste:

  1. Mimetizzazione: durante l’inverno, l’habitat della volpe artica è uno strato infinito di ghiaccio. In questo momento è quando sviluppa la sua pelliccia bianca, ma quando arriva il disgelo, sarebbe troppo sorprendente. È allora che i peli cambiano in una tonalità marrone, permettendogli di nascondersi tra le piante e le rocce.
  2. Sopravvivenza: questo camuffamento è la chiave per poter cacciare e passare inosservati ai predatori più grandi. Inoltre in estate necessita di un manto più adatto all’aumento delle temperature.

In inverno, ad esempio, queste volpi tendono a seguire gli orsi polari per nutrirsi e lungo il percorso devono evitare i lupi e le civette delle nevi, le loro principali minacce naturali. Il colore della loro pelliccia permette loro di rimanere nascosti nella vastità della neve.

Minacce dell’uomo

Attualmente la volpe artica è classificata nella categoria Least Concern (LC) secondo la Red List of Threatened Species della IUCN (International Union for Conservation of Nature). Sebbene questi animali si adattino facilmente agli ambienti abitati dall’uomo e la loro popolazione rimanga stabile, non sono esenti da minacce come le seguenti:

  • Caccia: la pelliccia della volpe artica un tempo era un bene di lusso che veniva trafficato. Fortunatamente, le popolazioni di questo canide non ne sono più colpite, sebbene la pratica continui.
  • Distruzione del suo habitat: l’invasione dei terreni di caccia da parte dell’uomo spesso fa scarseggiare i piccoli roditori di cui questo mammifero si nutre, costringendolo a cercare nuovi luoghi di foraggiamento.
  • Mascotismo: l’allevamento di volpi artiche per usarle come animali domestici, nonché per rimuoverle dal loro ambiente, è una minaccia per la loro specie, dal momento che non hanno subito un processo di addomesticamento. Gli esemplari in cattività tendono a soffrire di alti livelli di stress e possono trasmettere malattie alle popolazioni selvatiche e all’uomo.
  • Cambiamento climatico: nell’Artico le temperature aumentano 2 volte più velocemente che nel resto del pianeta. Ciò sta causando il restringimento della superficie del ghiaccio marino, l’innalzamento del livello del mare e lo scioglimento del permafrost, il che si traduce in meno territorio per le specie che lo abitano.
Uno di un genere di volpi.

Quando una specie rimane stabile nonostante l’azione umana, la sua protezione e conservazione tende ad essere sottovalutata (anche se ci sono sempre gruppi che la combattono). Sebbene in questo momento ci siano altri animali la cui conservazione è più urgente di quella della volpe artica, non possiamo perdere di vista il suo benessere se vogliamo continuare a vedere queste meraviglie del mondo animale.

Potrebbe interessarti ...
Perché una volpe artica ha percorso 3.500 chilometri?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Perché una volpe artica ha percorso 3.500 chilometri?

Perché una volpe artica ha percorso più di 3.500 chilometri? La ragione, purtroppo, sta ancora una volta nel cambiamento climatico.