Pesce arcobaleno di Boeseman: caratteristiche e cure

I colori del pesce arcobaleno possono riflettere la salute dell'animale. Se è in cattive condizioni, i suoi toni diventano più opachi. Quando i parametri dell'acqua sono stabili, iniziano il loro periodo riproduttivo. Questo e molto altro in questo articolo.
Pesce arcobaleno di Boeseman: caratteristiche e cure

Ultimo aggiornamento: 22 agosto, 2021

Il pesce arcobaleno o pesce boesemani è una delle specie d’acquario dolce più attraenti e amate dagli acquariofili. Inoltre, sono esemplari attivi e pacifici, quindi si combinano bene con altri organismi ornamentali. Sebbene la loro cura non sia difficile, deve essere monitorata la qualità dell’acqua, che costituisce la maggiore complessità delle loro esigenze.

Esistono diversi tipi di pesci arcobaleno, ma appartengono tutti alla famiglia dei Melanotaeniidae. Per questo, in questo spazio parleremo nello specifico della Melanotaenia boesemani, l’esemplare più colorato all’interno di questo gruppo. Continuate a leggere per saperne di più su questo organismo che riempirà il vostro acquario di vita e colore.

Caratteristiche del pesce arcobaleno di Boeseman

La forma del corpo di questo pesce è ovale e appiattita, con pinne molto poco sviluppate e dimensioni complessive ridotte, lunghe appena 10 centimetri. Inoltre, solo le pinne dorsale e anale sono quelle che risaltano, poiché sembrano veli o margini con colori sui bordi, che adornano finemente il vertebrato.

I colori di questa specie sono una delle sue notevoli qualità, poiché onorano pienamente il suo nome. In questo modo, il corpo mostra lampi blu, turchesi o viola nella prima metà, e poi compaiono il giallo, l’arancione e un po’ di rosso.

I pesci arcobaleno sono considerati i più colorati dell’intera famiglia Melanotaeniidae.

Dimorfismo sessuale

Sebbene tutti gli esemplari presentino solitamente gli stessi colori, le femmine hanno toni più spenti rispetto ai maschi. Questa differenza funge da dimorfismo sessuale, poiché il maschio usa il suo aspetto per attirare la femmina durante la stagione degli amori. Vi sono infatti lievi differenze anche nell’aspetto del corpo, poiché le femmine risultano avere una forma più fine e stilizzata.

Habitat naturale

Questo pesce arcobaleno è originario del lago Ajamaru e di Aitinjo (nella Papua occidentale), sebbene ci siano altre specie della famiglia che abitano l’Australia settentrionale e parte della Nuova Guinea. A causa della loro grande adattabilità, si teme che questi organismi possano invadere altri ecosistemi in qualsiasi parte del mondo.

L’habitat naturale di questi pesci è costituito da acque dolci e cristalline, con molta vegetazione e un pH approssimativo di 8,0. Inoltre, occupano zone poco profonde di massimo 10 metri, con temperature tra i 25 ei 28 gradi Celsius, cosa normale nelle acque tropicali.

Un pesce arcobaleno in un acquario

Cura del pesce arcobaleno

Per essere in buona salute in cattività, il pesce arcobaleno deve avere una vasca di almeno 200 litri. Allo stesso modo, deve anche essere dotato di una buona quantità di vegetazione, poiché solitamente lo utilizza come nascondiglio e gli permette di rilassarsi.

Ricordate che uno dei processi più complicati per il vostro pesce sarà adattarsi alla sua nuova casa. Fornirgli rocce o nascondigli lo aiuterà a rimanere calmo.

Trattandosi di un organismo gregario, si consiglia di allevarlo con da 6 a 8 individui in più. Inoltre, di solito è un buon compagno per le specie pacifiche, motivo per cui può essere aggiunto agli acquari di comunità. Prima di decidere, tenete presente che i pesci arcobaleno vivono in acque leggermente alcaline, quindi dovete assicurarvi che anche gli altri supportino questi requisiti.

Parametri dell’acqua

Sebbene la loro cura sia semplice, questi pesci hanno bisogno di condizioni molto speciali nell’acqua, che è considerata la parte più difficile della loro cura. Per questo motivo i seguenti parametri devono essere presi con estrema cautela e cercare di essere pienamente rispettati:

  • Temperatura: da 26 a 28°C.
  • pH: 6-8 (intervallo ottimale 7-8).
  • Durezza: 10-20°H.
  • Sostituzioni idriche: minimo 25% settimanale. Questa specie richiede un filtro in vasca.

Cura prima dell’arrivo del pesce

Se è la prima volta che si dispone di un acquario funzionante, è necessario che si effettui la maturazione della vasca. Installate tutta la vostra attrezzatura e mettetela in funzione in modo che l’ambiente si stabilizzi e crei un mini-ecosistema funzionale. Per far avanzare il processo, di solito viene messo un po’ di cibo nel serbatoio e lasciato per alcune settimane.

La stabilizzazione dei parametri dell’acquario richiede solitamente un mese.

Prima di introdurre il vostro animale domestico nell’acquario, è necessario acclimatarlo in modo che non si stressi eccessivamente. Per fare ciò, il sacchetto o il contenitore in cui è stato consegnato viene inserito nel serbatoio, in modo che la temperatura inizi a livellarsi. Successivamente, l’acqua nel contenitore inizia a mescolarsi con quella dell’acquario, lentamente e continuamente, per ottenere l’omogeneizzazione di entrambi i mezzi.

Questi processi sono noiosi e richiedono pazienza, ma aiuteranno il vostro nuovo animale domestico ad adattarsi meglio alla sua nuova casa e a godersi una buona vita. Ricordate che uno dei fattori che influisce sulla salute dei pesci è lo stress: più vi prendete cura di questi punti, meglio risponderà il loro sistema immunitario.

Dieta del pesce arcobaleno

Nel suo stato naturale, questo pesce è un organismo onnivoro, motivo per cui mangia un’ampia varietà di tipi di cibo. Per questo motivo in cattività non rappresenta alcuna difficoltà, poiché può nutrirsi con qualsiasi tipo di scaglie lavorate (pellet) o cibo vivo. Infatti la forma della sua bocca presenta una leggera curvatura verso l’alto, permettendogli di nutrirsi facilmente in superficie.

Data la varietà degli alimenti in commercio, poiché non ce n’è uno che contenga tutto il necessario per la sua alimentazione, è meglio offrire entrambi i tipi di alimenti, vivi e lavorati. Allo stesso modo, si tratta di un animale esigente, poiché dovrete dargli da mangiare da 2 a 3 volte al giorno.

Riproduzione del pesce arcobaleno

La riproduzione di questa specie è semplice, poiché non richiede cure specifiche aggiuntive. Inoltre, la maggior parte degli esemplari venduti proviene da allevamenti specializzati. Grazie al loro successo e ai costi di manutenzione relativamente bassi, sono diventati pesci popolari tra gli acquariofili.

Rituale di accoppiamento

Il maschio compie il suo corteggiamento mediante una “danza“, cercando di attirare la femmina. In questo momento inizia una nuotata che alterna movimenti da sinistra a destra, abbastanza lenti e molto simili ad un valzer. Infine, il maschio attacca la femmina da 4 a 9 volte e, se accetta, inizia la deposizione delle uova e la fecondazione.

Deposizione e schiusa delle uova

Per cominciare, questi pesci sono ovipari, quindi attaccano le loro uova direttamente sulle foglie della vegetazione, dove aspettano che vengano fecondate. Essendo esemplari con fecondazione esterna, è il maschio che termina il processo, gettando su di essi il suo sperma.

Questi organismi depongono tra le 19 e le 56 uova alla volta e, sebbene possano deporre le uova in qualsiasi momento, preferiscono le prime ore del giorno. Infatti, non esiste un periodo di accoppiamento specifico per questa specie, quindi può accadere in qualsiasi momento dell’anno, purché dispongano di cibo e condizioni giuste.

Le uova si schiuderanno tra 5 e 14 giorni dopo la deposizione, a seconda della temperatura dell’acqua. A temperature più calde, i piccoli si schiuderanno prima, mentre a temperature più fredde la loro schiusa viene ritardata. Come un adulto, l’alimentazione della prole deve essere equilibrata, tra cibo trasformato e cibo vivo.

Raccomandazioni finali

Se volete vivere l’esperienza di riprodurre i vostri esemplari, vi consigliamo di farlo con la consulenza di un esperto. Sebbene possa sembrare semplice, i giovani richiedono cure semplici e continue che potrebbero costare loro la vita se trascurati. Una delle migliori strategie è tenerli in un vasca diversa, in modo che siano curati in modo specifico, senza intaccare gli adulti.

Il pesce arcobaleno è considerato una specie minacciata, perché la sua popolazione naturale è diminuita in modo allarmante. Tuttavia, questi pesci hanno dimostrato di essere facili da riprodurre in cattività, quindi la loro sopravvivenza in ambienti artificiali è assicurata.

Questo non è il modo migliore per salvare una specie, ma è sempre meglio che affrontarne l’estinzione.

Un pesce arcobaleno in un acquario

Inoltre, dovete essere consapevoli della responsabilità che porta questo animale domestico, poiché dipenderà da voi per tutta la vita. Tuttavia, se seguite tutte le raccomandazioni e ricevete consigli da esperti, non avrete problemi con la loro cura e godrete di uno degli esemplari più belli dell’acquario che esistono.

Potrebbe interessarti ...

12 pesci per principianti per un acquario di acqua dolce
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
12 pesci per principianti per un acquario di acqua dolce

Se volete un acquario di acqua dolce, ma non sapete da dove iniziare, vi sarà sicuramente utile questa lista di 12 pesci per principianti.



  • Radael, M. C., Rezende, F. P., Fosse, P. J., Vidal, J., & de Andrade, D. R. (2016). Reproductive behavior of Boeseman’s rainbowfish and fecundity in three size ranges. Revista Brasileira de Reprodução Animal40(3), 111-115.
  • Nugraha, M. F. I., Pouyaud, L., Carman, O., Widyastuti, U., Junior, M. Z., Kadarusman, & Avarre, J. C. (2015). Genetic diversity of Boeseman’s Rainbowfish (Melanotaenia boesemani) reared in Indonesian farms compared to endangered natural populations. Tropical Conservation Science8(3), 796-812.
  • Hismayasari, I. B., Marhendra, A. P. W., Rahayu, S., Saidin, S. D., & Supriyadi, D. S. (2015). Gonadosomatic index (GSI), hepatosomatic index (HSI) and proportion of oocytes stadia as an indicator of rainbowfish Melanotaenia boesemani spawning season. International Journal of Fisheries and Aquatic Studies2(5), 359-362.
  • Radael, M. C., Fosse, P. J., Silva, R. M. D., Fosse Filho, J. C., Andrade, D. R. D., & Vidal Junior, M. V. (2016). Morphological description of Melanotaenia boesemani ovaries in reproductive activity. Pesquisa Veterinária Brasileira36(9), 893-900.
  • Akhsan, W. M., Nur, B., & Dewi, N. N. (2020, February). Growth performance and survival rate of Boeseman’s rainbowfish (Melanotaenia boesemani) in natural spawning technique at Depok, West Java, Indonesia. In IOP Conference Series: Earth and Environmental Science (Vol. 441, No. 1, p. 012037). IOP Publishing.
  • Radael, M. C., Cardoso, L. D., de Andrade, D. R., Ferreira, A. V., da Cruz Mattos, D., & Vidal, M. V. (2016). Effect of temperature on embryonic development of Melanotaenia boesemani (Allen and Cross, 1982). Zygote24(2), 301-309.
  • Allen, G. R., & Cross, N. J. (1980). Descriptions of five new rainbowfishes (Melanotaeniidae) from New Guinea. Records of the Western Australian Museum8(3), 377-396.
  • Martínez-Castro, A., & Ramírez-Herrera, M. (2016). Catálogo de peces ornamentales producidos en Morelos con capacidad de ser especies exóticas invasoras (EEI) elaborado dentro del proyecto GEF 00089333 “Aumentar las capacidades de México para manejar especies exóticas invasoras través de la implementación de la Estrategia Nacional de especies Invasoras”. Morelos, México.