Pesce elefante: habitat, caratteristiche e cure

Il pesce elefante è un abitante dei fiumi dell'Africa. Ha abitudini notturne e tranquille, è un carnivoro e può usare l'elettrocuzione.
Pesce elefante: habitat, caratteristiche e cure

Ultimo aggiornamento: 12 luglio, 2021

Lo Gnathonemus petersii, popolarmente conosciuto come pesce elefante, prende il nome dall’appendice carnosa che presenta nella zona della mandibola, allungata e simile ad una proboscide. È uno dei rappresentanti più noti della famiglia Mormyridae.

Questo “corno” è anche in grado di emettere piccole scariche elettriche, che consentono all’animale di orientarsi al buio e comunicare con altri congeneri, oltre a localizzare la preda in acque torbide. Se volete conoscere altre curiosità su questa curiosa specie, siete nel posto giusto.

Habitat del pesce elefante

I pesci elefante nuotano nei fiumi della parte centrale e occidentale del continente africano – nei fiumi Niger, Ogun e Chari. Sono abituati a vivere nello strato inferiore di acque fangose e a lento corso, tra fitti cespugli di piante acquatiche. 

Caratteristiche fisiche

Si tratta di un pesce di grandi dimensioni, in quanto può raggiungere i 35 centimetri di lunghezza. Ha una forma appiattita e compressa lateralmente, con una pinna caudale biforcuta.

La sua colorazione è bruno grigiastra, ma di una tonalità scura, quasi nera. Le pinne hanno un bordo biancastro e nella sua tonalità generale presenta bande bianche a forma di parentesi all’altezza delle pinne caudale e anale.

I pesci elefante non hanno squame, il che li rende particolarmente sensibili alla qualità dell’acqua e alle sostanze chimiche che possono essere versate al suo interno.

La sporgenza che questi animali hanno sotto la bocca, come detto sopra, è chiamata organo Schnauzer. Grazie ad esso, il pesce elefante è in grado di utilizzare l’elettrolocalizzazione, che consiste nel generare piccole scariche elettriche per comunicare. In tutto il suo corpo sono infatti presenti cellule recettoriali che raccolgono segnali da altri pesci.

Il pesce elefante è un animale solitario e notturno. Il suo temperamento è calmo, e di solito non interagisce troppo con altri pesci, ma può diventare territoriale e aggressivo se altri esseri viventi cercano di invadere il suo spazio.

Un pesce elefante nell'acquario.

Alimentazione del pesce elefante

È un pesce prettamente carnivoro, in quanto si nutre principalmente di invertebrati acquatici e piccoli crostacei. Si procura il cibo cacciando, per cui sfrutta anche la sua capacità di generare impulsi elettrici. Grazie a questi, può individuare le prede o addirittura stordirle se sono molto piccole.

Riproduzione del pesce elefante

Ad oggi, l’allevamento in cattività non è possibile, per diverse ragioni, tra le quali:

  • Se non per dissezione, è impossibile determinare il sesso di ogni individuo.
  • Si ipotizza che il pesce elefante utilizzi l’elettrolocalizzazione per trovare compagni nel suo ambiente. In cattività, questi impulsi sono distorti o non prodotti a causa dello stress del confinamento.
  • Poiché vive in acque fangose, osservarne la riproduzione in natura è quasi impossibile. 

Cura dell’acquario

La prima cosa che dovete tenere a mente è il punto precedente: non ci sono dati sull’allevamento in cattività. Ciò significa che è possibile acquisire un animale preso dal suo ambiente naturale. Questo è illegale in molte regioni e può causarvi dei problemi.

Detto questo, ed essendo una specie esotica, dovresti cercare di ricreare il suo ambiente il più fedelmente possibile. È un grande pesce d’acqua dolce, perciò il suo acquario non può scendere sotto i 2000 litri. Il pH dell’acqua dovrebbe essere 6-7,2 e la temperatura dovrebbe essere mantenuta a 27 gradi Celsius.

Essendo un pesce notturno, l’acquario non dovrebbe avere un’illuminazione molto intensa. Questa installazione dovrebbe avere spazio sufficiente per il movimento del pesce, poiché è un animale attivo, ma anche luoghi in cui nascondersi nel caso si senta minacciato, e per poter sentire di avere un proprio territorio.

I pesci elefante sono ben adattati all’alimentazione in cattività. Il cibo deve cadere sul fondo dell’acquario, poiché in libertà cercano cibo sul fondo dei fiumi. La larva di zanzara è un buon alimento per le prime settimane di acclimatazione.

Non è consigliabile che questo pesce condivida un acquario con altre specie, poiché può essere territoriale e attaccare gli altri.

Malattie del pesce elefante

Non stiamo parlando di un pesce che si ammala facilmente. Tuttavia, i disturbi associati alla vita in un acquario – come parassiti, funghi, brufoli e così via – lo colpiscono proprio come qualsiasi altro pesce ornamentale comune.

In ogni caso, trattandosi di pesci senza squame, sono particolarmente sensibili alla qualità dell’acqua in acquario, quindi i valori vanno mantenuti il più stabili possibile. Se gli accessori dell’acquario non sono adatti, possono provocargli delle lesioni.

Un altro fattore da tenere in considerazione è che, poiché sono sensibili ai parametri del loro ambiente, è anche difficile trattare questi animali con farmaci. L’arma migliore sarà sempre la prevenzione, sebbene nell’acquario ci siano farmaci generici per varie condizioni.

Stato di conservazione

Il pesce elefante è in uno stato di minima preoccupazione. Le sue principali minacce sono gli scarichi tossici nei fiumi in cui vivono e la cattura illegale o legale di esemplari per il traffico di specie.

Un pesce elefante in un acquario.

In conclusione, è necessario sottolineare che il pesce elefante è una specie selvatica e che la sua cura in cattività richiede una conoscenza approfondita che qui non può essere raccolta nella sua interezza. Nel caso in cui si vuole lavorare con questi esemplari in un acquario, l’attività deve essere svolta da professionisti orientati alla loro conservazione.

Potrebbe interessarti ...
Come scegliere i pesci più adatti per un acquario
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Come scegliere i pesci più adatti per un acquario

Quando si decide di allestire un acquario, bisogna tenere in considerazione vari fattori, primo fra tutti i pesci da inserire. Ecco come sceglierli...