Pesce lima: habitat e caratteristiche

Il pesce lima assimila le "secrezioni" del corallo che mangia per usarle come "deodorante", che gli permette di ingannare i suoi predatori avendo un odore simile a quello del corallo.
Pesce lima: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 08 settembre, 2021

Il pesce lima è una specie marina dai colori vivaci la cui caratteristica principale è la forma della bocca. Inoltre, le sue dimensioni sono piuttosto ridotte, poiché raggiunge a malapena i 9 centimetri di lunghezza e anche le sue pinne sono piuttosto piccole.

Il nome scientifico di questa specie è Oxymonacanthus longirostris, un pesce dalla bella forma che negli ultimi anni ha affascinato diversi amanti dell’acquario marino. Continuate a leggere per saperne di più su questo bellissimo esemplare.

Habitat del pesce lima

Questo pesce è un abitante comune di acque marine poco profonde ed è stato associato alle aree della barriera corallina all’interno dell’Oceano Pacifico e Indiano. Inoltre, di solito si vede regolarmente su diverse isole come Ryukyu, Nuova Caledonia e Tonga. Si potrebbe infatti dire che si tratta di pesci molto selettivi nella scelta della loro dimora, poiché ricercano la presenza di coralli duri del genere Acropora.

pesce lima

Caratteristiche fisiche

Il corpo di questo pesce è ovale e presenta una lunga punta del muso, caratteristica che gli ha conferito il soprannome di “becco”. Questa particolare forma è dovuta ad un adattamento che lo aiuta a cibarsi della sua preda preferita, essendo essenziale per questo una bocca lunga. Le sue pinne non sono così evidenti, poiché sono piuttosto ridotte e finiscono per dargli l’aspetto di una lancia o di una freccia.

La colorazione della pelle è molto bella, poiché ha uno sfondo blu-verde ricoperto da punti e barre giallo-arancio. In alcuni casi, il tartufo e parte del dorso sono pigmentati con lo stesso tono delle macchie, come se si stesse evidenziando il margine del pesce. Allo stesso modo, i suoi occhi sono circondati da toni gialli, che gli conferiscono una forma ad anello e risaltano sul corpo.

Comportamento

In generale il pesce lima è abbastanza docile e spaventoso, in quanto tende a rimanere nascosto ai suoi predatori. Tuttavia, durante il periodo di accoppiamento mostra un comportamento aggressivo. Inoltre, solo in questi tempi diventano anche animali territoriali, quindi ogni coppia tutela la propria privacy. Alla fine, tornano al loro comportamento sociale, condividendo lo spazio con i loro coetanei.

Sono pesci che amano nuotare in coppia, poiché si aiutano a vicenda, difendendo le risorse del proprio territorio. Il cibo è un bene essenziale per questi animali, poiché la riproduzione ha un costo elevato per i loro corpi e hanno bisogno di compensarlo attraverso una dieta abbondante.

Alimentazione

Questo pesce è un organismo corallivoro, il che significa che la sua dieta è basata esclusivamente su polipi di corallo. Per questo motivo il suo habitat è ristretto solo ai suddetti scogli, le cui condizioni hanno favorito l’allungamento della foce. Questo adattamento permette di prendere il corallo come se avesse delle “pinzette”, evitando di danneggiarsi il viso e facilitandone la sopravvivenza.

Infatti, secondo un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Coral reefs, i pesci lima hanno la capacità di distinguere e scegliere il tipo di corallo. Lo fanno osservando la forma e la struttura di ciascuno e selezionando solo quelli del genere Acropora. Questa scelta non è casuale, perché oltre ad essere il loro cibo, la forma ramificata di questo corallo funge anche da rifugio.

Questo è il motivo per cui è considerata una specie difficile da allevare, in quanto richiede la presenza di coralli all’interno della vasca o dell’acquario. Per contestualizzare un po’, i coralli e gran parte degli cnidari sono organismi sensibili ai cambiamenti della qualità dell’acqua: questo implica che ogni minima svista potrebbe costare la vita a tutti gli esemplari presenti in vasca.

Riproduzione

Il pesce lima è una specie monogama che mantiene il suo compagno anche quando non è nella stagione degli amori. Visti in un altro modo, questi animali sono la migliore rappresentazione della frase “finché morte non ci separi”, poiché cambiano partner solo nel caso in cui uno dei due muoe. Questa situazione è ciò che incoraggia la loro aggressività, poiché per difendere il loro partner attaccano qualsiasi intruso nel loro territorio.

Dopo il corteggiamento, che consiste nello speronarsi a vicenda, la femmina inizia a deporre le uova, depositandole sulla superficie delle alghe. A questo punto, la coppia inizia un gioco di caccia, in cui il maschio segue la femmina e termina l’accoppiamento fecondando tutte le uova con il suo sperma. Questi organismi non presentano alcuna cura parentale, quindi i piccoli sono soli fin dalla nascita.

Stato di conservazione del pesce lima

L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ha classificato questo pesce come una specie vulnerabile. Ciò è dovuto al grande rischio che corre il suo habitat, poiché dipende dai coralli per sopravvivere. Pertanto, situazioni come lo sbiancamento dei coralli mettono a rischio la sua popolazione.

Il 30% dei coralli Acropora è elencato in alcune categorie di rischio.

Questa specie è un perfetto esempio della suscettibilità subita da alcuni organismi specializzati. In altre parole, si provoca un effetto domino: quando un anello scompare, gli altri non possono essere sostenuti, condannandosi all’estinzione. Ricordate che ogni essere vivente ricopre un ruolo importante in natura e, se uno scompare, influenzerà tutti noi, che ci piaccia oppure no.

Potrebbe interessarti ...
Pesce arcobaleno di Boeseman: caratteristiche e cure
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Pesce arcobaleno di Boeseman: caratteristiche e cure

Il pesce arcobaleno o pesce boesemani è una delle specie con il maggior appeal visivo, il che lo rende molto popolare negli acquari.



  • Brooker, R. M. R. (2014). Determinants of resource specialisation and its ecological consequences for the corallivorous filefish, Oxymonacanthus longirostris (Doctoral dissertation, James Cook University).
  • Barlow, G. W. (1987). Spawning, eggs and larvae of the longnose filefish Oxymonacanthus longirostris, a monogamous coralivore. Environmental Biology of Fishes20(3), 183-194.
  • Brooker, R. M., Jones, G. P., & Munday, P. L. (2013). Prey selectivity affects reproductive success of a corallivorous reef fish. Oecologia172(2), 409-416.
  • Kokita, T., & Nakazono, A. (1999). Pair territoriality in the longnose filefish, Oxymonacanthus longirostris. Ichthyological Research46(3), 297-302.
  • Kokita, T., & Nakazono, A. (1998). Plasticity in the mating system of the longnose filefish, Oxymonacanthus longirostris, in relation to mate availability. Journal of Ethology16(2), 81-89.
  • Kokita, T., & Nakazono, A. (2000). Seasonal variation in the diel spawning time of the coral reef fish Oxymonacanthus longirostris (Monacanthidae): parental control of progeny development. Marine Ecology Progress Series199, 263-270.