Pesci elettrici: animali incredibili e più comuni di quanto si pensi

30 Luglio 2019
I pesci elettrici sono una prova evidente dell’evoluzione delle specie e di come esistano esseri viventi in grado di utilizzare tutte le risorse a disposizione per il proprio beneficio.

I pesci elettrici hanno stupito la comunità scientifica da prima ancora che venisse scoperta l’elettricità. Già dall’epoca romana vi sono evidenze della presenza di questi animali, le cui scariche elettriche venivano utilizzate a scopo terapeutico.

Esiste una gran moltitudine di pesci elettrici che usano l’elettricità quotidianamente, per obiettivi concreti: difendersi, cacciare o vedere in ambienti buoi o fangosi.

L’elettricità è un elemento molto utile che, sviluppato da alcuni pesci, dà loro grandissimi vantaggi rispetto ad altre specie meno evolute. Per questo motivo, i pesci elettrici prosperano in tutti i mari del pianeta.

In questo articolo vi raccontiamo tutto quello che c’è da sapere sui pesci elettrici.

Cosa sono i pesci elettrici?

I pesci elettrici altro non sono che animali in grado di generare una quantità di elettricità molto potente con il solo utilizzo del proprio corpo. Secondo uno studio recentemente condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi, questi pesci sono stati in grado di convertire un semplice muscolo in un sofisticato organo capace di produrre elettricità.

i pesci elettrici

Queste scariche, oltre che rappresentare uno strumento di caccia ideale, sono un perfetto mezzo comunicativo per mettere in contatto più esemplari. Un aspetto non indifferente che facilità questi pesci nello sviluppo e nell’evoluzione della specie.

L’elettricità generata arriva dai muscoli dei pesci elettrici. Le cellule muscolari di ogni essere vivente sono in grado di produrre energia. Quelle di questi pesci, però, hanno nel corso dei secoli perso la loro capacità di contrarsi finendo, nel corso dell’evoluzione, con l’unirsi in serie.

Queste cellule, chiamate elettroliti, sono in grado di generare tensioni di gran lunga superiori alle cellule muscolari normali. E la loro collocazione in serie fa sì che l’energia scatenata sia in grado di uccidere all’istante altri pesci.

Ci sono esempi, come quello dell’anguilla elettrica, in cui la capacità elettrica è tale da poter produrre una potenza superiore a quella di una rete elettrica domestica, caratteristica che rende questo pesce un predatore senza eguali.

anguilla elettrica

Le specie più famose

I pesci elettrici si dividono in sei grandi famiglie diverse tra loro per livello evolutivo, ma che condividono molte similitudini genetiche. Sicuramente, la caratteristica comune più importante è la loro capacità di produrre scariche elettriche. Vediamo nel dettaglio alcune specie che meglio approfittano di questa qualità.

  • Squali: proprio in cima alle loro spettacolari fauci, gli squali hanno alcuni ricettori elettrici in grado di captare anche il minimo segnale elettrico emesso da un qualsiasi pesce nei paraggi. Come tutti i pesci elettrici, grazie a questo meccanismo gli squali riescono a individuare posizione e movimenti delle loro prede, anche in casi di totale oscurità. Lo squalo martello è l’evoluzione massima del pesce elettrico, visto che la sua testa è un gigantesco radar per il rintracciamento di prede nascoste sotto la sabbia, grazie alla capacità di intercettare anche l’impulso elettrico più insignificante.
  • Torpedini: il loro sistema di rintracciamento prede è molto simile a quello degli squali; i ricettori di cui sono dotate gli consentono infatti di scovare le loro vittime anche quando sono nascoste sotto la sabbia del fondo marino.
  • Anguille: queste incredibili creature sono gli animali in grado di produrre la maggior quantità di energia in assoluto, con una capacità di 600 volt in grado di lasciare le prede o i predatori totalmente paralizzati.
  • Pesci elefante: questi particolari animali sono caratterizzati da una “proboscide” dotata di milioni di recettori elettrici. Questo spettacolare accessorio, per loro fondamentale visto che sono animali cechi, consente loro di individuare le prede. Grazie alla proboscide sono in grado di distinguere oggetti materiali e animali, oltre che animali morti e vivi. I pesci elefante sono inoltre dotati di un grande cervello, in proporzione alla loro grandezza, che li rende più intelligenti di tanti loro simili.

EUROPA PRESS. Resuelven el misterio de los peces eléctricos. 30 junio de 2014.

  • europapress.es/ciencia/laboratorio/noticia-expertos-resuelven-misterio-peces-electricos-20140630101853.html

Nergiza. Peces eléctricos: sorpresa entre aguas. Anabel, 2 abril de 2014.

  • nergiza.com/peces-electricos-sorpresa-entre-aguas/

Vista al Mar. Impactantes verdades sobre animales eléctricos. 29 junio de 2014.

  • vistaalmar.es/especies-marinas/peces-extranos/4059-impactantes-verdades-animales-electricos.html