Pododermatite nei gatti: sintomi, cause e trattamento

Come molti animali, i gatti svolgono numerose attività usando le zampe e gli artigli. Quando questi sono affetti da malattie come la pododermatite, è necessario recarsi dal veterinario per effettuare una revisione generale e identificare la causa.
Pododermatite nei gatti: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 17 ottobre, 2021

Tutti i gatti hanno potenti artigli che gli permettono di aggrapparsi, strappare oggetti e persino ferire. Quando si tratta di difesa, queste strutture sono un’arma eccellente. Tuttavia, come il resto del corpo, le loro zampe sono esposte a diverse malattie, alcune anche rare, come la pododermatite. Quest’ultima compromette notevolmente la loro qualità di vita.

Se il vostro gatto è il re in casa e volete mantenerlo sano e felice ogni giorno, continuate a leggere. In questo articolo parleremo di una particolare patologia che colpisce i cuscinetti dei gatti, delle sue possibili cause, di alcuni sintomi e del modo appropriato di approcciarsi al suo trattamento.

Cos’è la pododermatite nei gatti?

Conosciuta anche come pododermatite plasmacellulare, la pododermatite è una malattia caratterizzata da un’infiammazione localizzata nei cuscinetti metacarpali e metatarsali. In rare occasioni la zona digitale è compromessa e questa condizione non conosce età, sesso o razza, poiché può verificarsi in gatti di qualsiasi tipo.

Se il vostro animale domestico ha questa malattia, anche se vedete solo un cuscinetto affetto, vi suggeriamo di dargli l’attenzione che merita. La pododermatite nei gatti deve essere trattata fin dai primi sintomi per prevenirne la diffusione e ridurre le complicanze secondarie.

Cause di pododermatite nei gatti

Esistono numerose patologie per le quali non sono state ancora raccolte informazioni sufficienti e molti punti sulla loro etologia e patogenesi rimangono sconosciuti. La pododermatite felina ne è un esempio. Il suo studio è iniziato da più di 4 decenni e, fino ad oggi, le sue cause rimangono sconosciute.

La pododermatite mostra una risposta positiva ai glucocorticoidi e un’infiltrazione tissutale delle plasmacellule, suggerendo che la causa principale sia un processo immuno-mediato. Anche il virus dell’immunodeficienza felina (FIV) sembra essere correlato ad esso ed è stato osservato che fino al 60% dei pazienti ha entrambe le malattie contemporaneamente.

In alcuni felini la pododermatite si è manifestata stagionalmente, come accade con molte altre malattie di origine allergica. Pertanto, non è escluso che anche gli allergeni siano fattori scatenanti per questa patologia.

Leccare è uno degli stereotipi nei gatti comuni.

Sintomi di pododermatite nei gatti

In tutti i casi di pododermatite, il primo segno a comparire (anche questo facilmente individuabile) è la zoppia. Le zampe colpite iniziano a mostrare gonfiori morbidi e, nella maggior parte dei casi, il cuscinetto centrale è il più danneggiato, mostrando una tonalità violacea e striature ipercheratosiche biancastre.

Ulcere abbondanti e ascessi importanti compaiono in quei felini con sintomi avanzati (o gatti che non hanno ricevuto cure mediche adeguate). Di conseguenza, il disagio e il dolore aumentano. Non lasciate che il vostro animale domestico arrivi a questo punto: agite per tempo e portatelo dal veterinario.

Se il vostro animale sta attraversando questa malattia, è possibile che i segni che presenta siano molto simili ai seguenti:

  • Debolezza.
  • Febbre.
  • Riluttanza a muoversi.
  • Mantello in cattive condizioni per mancanza di toelettatura.
  • Vari sintomi alle zampe (già menzionati).

Alcuni casi di pododermatite nei gatti riescono a manifestarsi in modo subclinico, cioè senza sintomi. Pertanto, è molto importante visitare regolarmente il veterinario. La prognosi di guarigione del vostro animale domestico sarà più favorevole una volta iniziato il trattamento.

Diagnosi di pododermatite nei gatti

Per ottenere una diagnosi definitiva della malattia, è necessario eseguire diversi test diagnostici. La clinica inizia con un esame fisico generale del paziente, un’anamnesi e un prelievo. Questi test forniranno informazioni preziose e utili per il passo successivo: una diagnosi differenziale.

Diagnosi differenziale

Segni come infiammazione e ulcerazione degli elettrodi non sono unici per la pododermatite nei gatti. Pertanto, malattie come pemfigo foliaceo, piodermite, micosi profonda e dermatofitosi devono essere escluse a causa della somiglianza tra i loro sintomi.

Altre patologie come la dermatite irritativa da contatto, il complesso del granuloma eosinofilo e l’epidemosi bollosa distrofica dovranno essere eliminate dalla diagnosi finale. Per raggiungere questo obiettivo, l’ideale è effettuare alcuni studi sul proprio animale domestico. Qui vi diciamo di più su di essi.

Diagnosi di laboratorio

Uno dei test più utili per la diagnosi di pododermatite nei gatti è l’emocromo. Quando si effettua un’interpretazione dei risultati, si può osservare quanto segue:

  • Linfocitosi (elevata conta linfocitaria).
  • Neutrofilia (bassi livelli di neutrofili).
  • Trombocitopenia (diminuzione del numero di piastrine).
  • Abbondante plasma e cellule polimorfonucleate.
  • Ipergammaglobulinemia (alti livelli di gammaglobuline). È considerata l’alterazione biochimica più frequente della malattia.

L’analisi istopatologica è anche un ottimo strumento per raccogliere informazioni aggiuntive. Per eseguirla, sarà necessario eseguire una biopsia dell’area interessata. Se osservate al microscopio, si possono osservare aree epidermiche con acantosi, tessuto eroso e ulcerazioni.

Trattamento della pododermatite nei gatti

Il trattamento della pododermatite nei gatti di solito dura 10 settimane. In questo momento si consiglia di somministrare doxiciclina, 10 milligrammi per chilo di paziente ogni 24 ore. Si è visto che più dell’80% dei felini riesce a stabilizzarsi e mostra un notevole miglioramento dopo le prime dosi.

Come piano B per quei pazienti in cui non è stata raggiunta la risposta terapeutica desiderata, l’uso del prednisolone sarà un buon aiuto. La dose raccomandata è di 4,4 milligrammi per chilogrammo di animale con la stessa frequenza. La risposta del farmaco indicherà il suo ritiro. Ricordate che il prednisolone deve essere interrotto gradualmente.

Il linfoma nei gatti è un tipo di cancro molto comune.

Il veterinario prenderà la decisione di rimuovere chirurgicamente tutto il tessuto interessato quando nessuno dei trattamenti ha avuto successo. Vi suggeriamo di seguire alla lettera le indicazioni mediche che vi vengono indicate, perché il vostro gattino merita di vivere al meglio insieme a voi: siate parte di lui, prendetevene cura e preservate la sua salute.

Potrebbe interessarti ...
Le tre malattie mentali più comuni nei gatti
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Le tre malattie mentali più comuni nei gatti

Anche i gatti soffrono di malattie mentali. Sapete Quali sono? Vi diciamo quali sono le tre che si manifestano più frequentemente.