Precauzioni per portare il cane in ospedale

· 18 Marzo 2019
Portare il vostro cane in ospedale può rivelarsi un'impresa non facile, per via dello stress o della paura a cui l'animale si sente sottoposto. Esistono tuttavia alcune semplici istruzioni per calmarlo e farlo sentire al sicuro.

Se vi sembra che portare il cane in ospedale non sia facile, sappiate che esistono alcuni trucchi e tecniche che possono migliorare questa esperienza ed evitare traumi in futuro.

Scopriamo i segreti per portare il cane in ospedale senza problemi.

Come portare il cane in ospedale?

Uno degli eventi più stressanti per un animale è andare dal veterinario. Del tutto comprensibile, considerato che ci va per essere esaminato, ricevere punture o medicine.

Inoltre, si tratta di un luogo non familiare dove sicuramente si trovano altri animali.

Per questo è fondamentale mettersi nei suoi panni e capire che non “si comporta male” apposta, ma che lo fa per paura o titubanza.

Il nostro ruolo di padroni è dunque far sì che la sua esperienza dal veterinario sia il più piacevole possibile.

Portare un cane ad una visita in ospedale non è un compito semplice, ma è necessario per verificare il suo stato di salute ed individuare qualsiasi possibile malattia.

Chiaramente questo il cane non lo sa e farà fatica ad abituarsi a tanti odori nuovi, rumori che non conosce, persone mai viste…oltre alla tensione che potrebbe percepire nel padrone stesso.

È fondamentale insegnare al nostro animale che la visita dal veterinario non è negativa, e per farlo occorre portarlo periodicamente.

In questo modo finirà per abituarsi – seppur senza amare l’esperienza – e la vivrà un po’ meglio.

Cane dal veterinario

Consigli per portare un cane in ospedale

Anche se andare dal dottore non è piacevole, è necessario farlo visitare almeno due volte all’anno o più, se necessario.

Come fare quindi per evitare che ad ogni visita in ospedale il cane si senta nervoso o sotto shock? Ecco di seguito alcuni consigli.

1. Fate in modo che non capisca dove state andando

Uno degli errori più comuni che fanno i padroni è quello di fare anticipazioni. Dire all’animale “andiamo dal veterinario” provocherà un’ansia inutile.

Ricordate che gli animali comprendono alcune parole specifiche e “veterinario” è una di queste.

Per arrivare in ospedale non fate sempre la stessa strada, così il cane non collegherà quel percorso alla visita in ospedale.

2. Portare il cane in ospedale: da stanco si comporta meglio

Un buon metodo per portare il cane in visita in ospedale è fargli sprecare prima gran parte delle sue energie, facendolo giocare, correre o portandolo al parco.

L’attività fisica lo aiuterà inoltre ad eliminare lo stress e a rilassare i nervi per le ore successive.

3. Fategli conoscere il veterinario

Appena sale sul lettino per la visita, lasciate che entri in contatto con il medico, annusandogli le mani e “salutandolo”.

Se vi interporrete a questo avvicinamento è probabile che il cane abbia più paura del veterinario. Non importa se il vostro cane è un Chihuahua o un Boxer, fate tutto il possibile affinché non tema il suo medico.

Husky in visita del veterinario

4. Portare il cane in ospedale: parlategli

Dal momento in cui arrivate in ospedale fin quando tornate a casa, è importante mantenere una “conversazione” con il vostro animale.

Parlategli con parole dolci, con tono calmo e non alto, per non farlo spaventare e farlo sentire al sicuro.

Non sgridatelo a meno che non sia strettamente necessario. Se ci sono altri animali, dategli l’ordine di stare seduto e tranquillo al vostro fianco.

Evitate di gridargli contro per non renderlo ancora più nervoso.

5. Sempre al vostro fianco

I cani hanno bisogno di stare accanto al loro “leader” per sentirsi calmi e sicuri. È importante che percepiscano che il loro padrone è tranquillo, quindi per trasmettergli calma dovrete per prima cosa rilassarvi voi.

Restate al suo fianco quando entrate in ospedale, quando siete in sala d’attesa, mentre lo visitano e quando tornate a casa. Così l’animale non si sentirà in stato d’allerta.

6. Ricompensatelo

Che sia dopo che il veterinario lo ha visitato o quando arrivate a casa, è molto importante che gli diate un premio o una ricompensa.

Non soltanto per congratularvi per come si è comportato, ma anche per far sì che associ l’ospedale con un premio, come un giocattolo, uno stuzzichino o una carezza.

Portare il cane in ospedale per una visita non è un compito semplice ma comunque necessario.

Con questi consigli renderete la sua esperienza più piacevole e ridurrete il rischio di traumi o comportamenti negativi.

Espinoza Liset. (2015). Conozca las enfermedades que más padecen las mascotas.