Prima mostra al mondo per cani

28 marzo, 2017

È risaputo che i cani ascoltano la musica, soprattutto quando si tratta di buona musica. Nel caso di altre forme d’arte,  però, chi ha un animale domestico non è riuscito ad interagire con il suo amico a quattro zampe . Tuttavia, questa nuova mostra ci dimostra che non è così. 

Amore per l’arte: mostra per cani

L’associazione britannica More Than ha presentato una mostra d’arte per cani affidata al noto artista ed inventore inglese Dominic Wilcox.

Questo artista poliedrico, tra le altre cose, disegna, dipinge e realizza invenzioni degne di qualsiasi scienziato pazzo. Ha ideato da scarpe munite di GPS che guidano l’utente dritto a casa (perfette per una di quelle notti di festa sfrenata) fino ad un dispositivo bi-audio per sentire separatamente i suoni della città e stampanti in 3D.

Fonte: www.boredpanda.es

Una curiosa mostra per cani

Questa mostra per cani è un riflesso della “pazzia controllata” di questo artista. Una mostra/installazione interattiva che comprende il simulatore di un finestrino aperto di un’auto chiamato “Cruising Canines”. Quando lo vedono, i cani sporgono la testa, poiché hanno la sensazione di essere in movimento.

C’è anche una ciotola gigante piena di palline che ha il nome di “Dinnertime Dreams (la reazione immediata dei cani è lanciarsi a prendere le palle) e persino tele impressioniste di un certo livello.

La mostra per cani è stata presentata la scorsa estate a Londra. In un angolo della mostra vi è un’area piena di ciotole dalle quali esce un getto d’acqua. I cani corrono e vi camminano poiché credono di trovarsi al parco.

L’opinione dell’autore

Secondo lo stesso Dominic Wilcox, gli animali sono capaci di apprezzare le sue opere alla pari della musica, poiché sono state dipinte con colori, come il blu e il giallo, totalmente visibili per loro.

Si dice che i cani abbiano una vista meno sviluppata della nostra e questo non permette loro di vedere bene i dettagli. La vista dei cani, infatti, è cinque volte più bassa di quella di un essere umano.  

La vista nei cani

Se una persona è capace di distinguere un oggetto o un giocattolo a 90 metri di distanza, il cane avrà bisogno di trovarsi a 20 metri dallo stesso per poterlo individuare.

Allo stesso modo, lo spettro dei colori visibili ai cani è di gran lunga inferiore rispetto al nostro. È dimostrato che i cani vedono il mondo in due tonalità di base: blu e giallo. E lo si può dimostrare in una mostra per amici pelosi.

I nostri amici a quattro zampe sono incapaci di distinguere tra il verde, il rosso e l’arancione e, effettivamente, non vedono in modo molto diverso alle persone daltoniche.

Gli esperti affermano che i cani sono in grado di riconoscere le immagini su uno schermo. Possono anche distinguere altri animali che non hanno mai visto prima, così come fanno con diversi suoni emessi dal televisore, come guaiti, voci, etc.

Tra una moltitudine di persone che appare sullo schermo, un cane può distinguere in modo chiaro altri cani che accompagnano la folla.

Uno sguardo più veloce

Si dice che gli occhi dei cani catturino le immagini con maggiore velocità rispetto ai nostri, per questo motivo, non riuscivano ad apprezzare per nulla i vecchi televisori, quelli che mostravano un numero inferiore di fotogrammi al secondo. Non succede lo stesso con la risoluzione dei moderni apparecchi.

Influisce molto anche la razza o la personalità del cane. In questo modo, i cani Terrier reagiscono maggiormente davanti alle immagini della televisione rispetto ai cani da caccia, i quali vengono stimolati più dall’olfatto che dalla vista.

I cani da caccia, che si fanno guidare dall’olfatto, non sono soliti mostrare interesse per le immagini. I cosiddetti cani pastori, come i Terrier, invece, si sentono attratti da quello che vedono sullo schermo del televisore. Ricordatelo.

Se vogliamo vedere come reagisce il nostro cane guardando un programma televisivo, forse noteremo solo freddezza. Non vuol dire che il nostro animale domestico è insensibile, ma che deve trattarsi di un contenuto appositamente creato per lui.

Sentire un cane abbaiare alla televisione di solito stimola gli altri cani spettatori. Alcuni non solo abbaiano ai loro simili sullo schermo, ma corrono anche intorno all’elettrodomestico, cercandoli.

Fonte delle immagini: www.boredpanda.es