Primo giorno in spiaggia con il vostro cane

22 Maggio 2018

L’estate risveglia la voglia di trascorrere una bella giornata di sole e mare con i vostri amici a quattro zampe. Se avete deciso di andare in spiaggia per la prima volta con il vostro cane, è importante prendere delle semplici ma utili precauzioni. Vi aiuteranno a prevenire possibili problemi.

I momenti di gioco e divertimento condivisi sono fondamentali per far crescere felici e sani i vostri animali domestici. Ma se il vostro cane non è preparato, una passeggiata può trasformarsi in un incubo, per colpa dei danni che questo ambiente può provocare.

Esistono situazioni, apparentemente normali per gli umani, che nascondo non poche insidie. In questo articolo vi spiegheremo come agire in modo che la prima giornata in spiaggia con il cane sia piena di allegria e buon umore.

Socializzazione prima di andare in spiaggia

Il primo giorno che un cane passa in spiaggia comporta un cambiamento radicale dell’ambiente e gli offrirà molte nuove esperienze. Soprattutto se è poco abituato ad entrare in contatto con persone sconosciute ed altri animali.

cane che salta in mare

In spiaggia, il vostro amico verrà circondato da molteplici stimoli, completamente differenti da quelli a cui è abituato nella grande città. Vento, spruzzi, il sole e il caldo, l’acqua salata, la sabbia, musica e altri strani rumori… Il vostro animale domestico sentirà, come sempre, la necessità di esplorare tutto. E se ha conosciuto sempre e solo l’ambiente cittadino, le sue reazioni potrebbero essere inaspettate.

Ecco perché è necessario far socializzare il vostro cane prima di esporlo ad un cambiamento radicale dell’ambiente e costringerlo a condividere il territorio con altri esseri viventi. Il processo di socializzazione insegna al vostro animale domestico a relazionarsi in modo pacifico con altri animali e persone. Quindi, serve per evitare i rischi di un comportamento aggressivo, anche in spiaggia, dovrete fargli rispettare regole e limiti.

Il momento migliore per iniziare il processo di socializzazione è quando è ancora un cucciolo, tra i primi 6-7 mesi di vita. È anche possibile insegnare a un cane adulto a socializzare, esponendolo gradualmente al contatto con altri animali. Poco a poco, con il tempo, potrà essere inserito in contesti sociali più ampi e complicati.

Adattamento graduale al nuovo ambiente

Il vostro cane avrà bisogno di abituarsi ai nuovi stimoli. Pertanto, avvicinatelo con tranquillità e lentamente alla spiaggia. Iniziate con una semplice passeggiata sul bagnasciuga (se fa molto caldo, la sabbia potrebbe scottare). In breve tempo, l’ambiente diventerà familiare e l’ansia diminuirà.

Non obbligate i cani ad entrare in mare, perché ognuno di loro ha un rapporto diverso con l’acqua. Alcuni esemplari, per razza o personalità, si lanceranno da soli tra le onde, altri avranno giustamente timore di questo nuovo elemento. Il trucco è associare mare e spiaggia a un concetto di gioco, in modo che l’approccio dell’animale sia positivo e per nulla traumatico.

Insegnategli a controllare le sue necessità

È molto spiacevole vedere un cane che espleta i propri bisogni in spiaggia o che urina nel mare. Si tratta di una mancanza di rispetto verso chi frequenta questi stessi spazi e, inoltre, potreste venire multati in alcune località.

Onde evitare questi inconvenienti, può essere utile addestrare il cane affinché vi segnali quando ha bisogno di fare le sue cose. Un istruttore professionale vi aiuterà in questo. Ricordate poi di portare sempre paletta e sacchetti igienici, per raccogliere le feci.

Vaccini e cure antiparassitarie

Questo consiglio è essenziale poiché il cane sulla spiaggia è esposto a varie malattie. Si tratta di una precauzione obbligatoria. Sabbia, mare e altri animali possono essere fonti di contagio.

Prima di partire per le vacanze, consultate il veterinario e aggiornate le vaccinazioni. È consigliabile somministrare un trattamento antiparassitario poche settimane prima di portare il vostro amico a quattro zampe in spiaggia.

Protezione della pelle

L’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti emessi dal sole è dannosa anche per gli animali, e non solo per gli esseri umani. I cani possono soffrire bruciature, congiuntivite, irritazioni e possono sviluppare vari tipi di cancro.

un bracco sulla spiaggia

In commercio sono già presenti creme solari adatte ai cani. Si consiglia di consultare il veterinario prima di utilizzare qualsiasi prodotto sulla pelle del vostro animale domestico. Alcuni hanno infatti bisogno di trattamenti più specifici.

Proteggere zampe e orecchie

Dovrete fare particolare attenzione alle zampe del cane, quando lo portate a spasso o in spiaggia nei mesi estivi. La sabbia o l’asfalto possono raggiungere temperature pericolosamente alte. Il vostro compito è evitare ustioni ai cuscinetti del cane.

Anche le orecchie meritano la giusta attenzione. Umidità e calore favoriscono la proliferazione di funghi e batteri nel canale uditivo dei cani. Occorre prevenire l’otite che, oltre al disagio e al dolore per l’animale, si manifesterà con un odore orribile.

Maggiore idratazione

Il cane sulla spiaggia corre, gioca, viene esposto al sole e, come conseguenza, perde molta acqua. Per poter bilanciare l’innalzamento di calore, a differenza di noi umani, ha come arma principale la bocca e la lingua. E’ proprio in queste zone che, assieme ai cuscinetti, l’animale è in grado di sudare.

Nei giorni caldi, è importante aumentare l’idratazione. Prima di scendere in spiaggia con il vostro cane, preparate una buona scorta d’acqua (2-4 litri almeno) e fatelo bere il più possibile, bagnando testa e zampe con acqua dolce.

Fonte dell’immagine principale: gomagoti