Prurito alle orecchie nei cuccioli: cause e trattamento

· 28 agosto 2018
Ecco alcune cause di prurito alle orecchie dei vostri amici a quattro zampe, che potrebbero essere diagnosticate proprio durante la visita veterinaria.

Ci sono molte ragioni per cui i cani provano prurito alle orecchie e si grattano. È un’azione molto frequente e fastidiosa, e dovrete fare attenzione che non ciò non sia provocato da ragioni più serie che una banale puntura.

Determinare se la causa è patologica è compito del veterinario, quindi è necessario visitarlo immediatamente. Questo professionista possiede uno strumento diagnostico appropriato, l’otoscopio, ed è autorizzato a sedare l’animale se necessario, per realizzare una visita più approfondita.

Non è sempre facile esaminare i propri animali domestici, perché alcuni esemplari sono molto irrequieti. In questo articolo vedremo alcune cause di prurito alle orecchie dei vostri amici a quattro zampe, che potrebbero essere diagnosticate proprio durante la visita veterinaria.

Parassiti

I parassiti più conosciuti e più pruriginosi in generale colpiscono la pelle dei cani. Parliamo di acari, pulci e zecche. Si diffondono e attaccano facilmente peli ed epidermide; la loro presenza si deve al normale contatto con altri esemplari già portatori di questi “ospiti” indesiderati. Si trovano anche nell’ambiente (terra o piante) in attesa di un’opportunità per infestare il vostro animale.

Veterinario controlla le orecchie a un cane

Una revisione dettagliata delle orecchie e di altre parti del manto confermerà la presenza di questi parassiti. Almeno quelli che sono rilevabili a occhio nudo, perché ce ne sono anche altri invisibili ad occhio nudo.

A meno che non vi sia un’infestazione pesante, i parassiti di cui sopra possono essere sradicati in modo rapido e sicuro, grazie all’utilizzo di sostanze chimiche presenti sul mercato.

Allo stesso modo, per prevenire l’infezione ci sono prodotti come collari antipulci, pipette profilattiche e iniezioni che devono essere applicate con una certa periodicità.

Cane sedato per controllo orecchie

Funghi

Esistono migliaia di funghi potenzialmente dannosi che possono interessare la pelle e il pelo dei cani. In genere, la loro presenza è favorita dall’umidità e dal calore. Tra questi, i più noti sono i funghi patogeni chiamati dermatofiti, ossia quelli che producono la temibile tigna.

Questa malattia provoca bruciore, prurito alle orecchie, arrossamento o decolorazione della pelle e perdita di pelo nelle zone colpite. Quando questi sintomi sono stati osservati nel vostro animale domestico, dovrete correre dal veterinario per una diagnosi accurata e per un’appropriata prescrizione del trattamento più efficace.

Otite e altre infezioni

È possibile che la causa del prurito non sia superficiale e che il cane abbia un’infezione acuta all’orecchio, nota come otite. È necessario osservare se oltre a grattarsi, l’animale ha altre reazioni. E’ possibile vedere alcuni di loro che scuotono la testa, cercano di sfregarsi contro oggetti e mobili, perdono equilibrio, con la presenza di secrezioni e infiammazioni visibili.

Cucciolo si gratta sul prato

L’otite e altre infezioni sono patologie che possono portare a danni ben più gravi. Pertanto, il cane deve essere portato immediatamente dal veterinario affinché gli prescriva gli antibiotici necessari in queste circostanze delicate.

Corpi estranei

Un’altra causa di prurito alle orecchie nel cucciolo potrebbe essere la presenza di oggetti nel condotto uditivo. Non è insolito che, involontariamente, entrino dei corpi estranei come foglie, semi, pietre, parti di rami o spine, specialmente se il vostro cane vive in un ambiente rurale. Solo il personale medico è autorizzato per operare e rimuovere questi elementi.

Allergie alimentari

Le allergie di tipo alimentare di cui i vostri cani possono soffrire, mangiando determinati cibi, hanno sintomi diversi. Tra questi c’è anche il prurito, che può manifestarsi in diverse zone del corpo, specialmente nella zona delle orecchie. Il grattarsi in modo ossessivo può provocare arrossamento e indurre a un maggior prurito, creando un circolo vizioso che può inibire la guarigione. Sia che si tratti di un disturbo vero e proprio, che solamente di un sintomo di qualcosa di diverso.

Cane con prurito per strada

Anche in questo caso è il veterinario che determinerà le cause del prurito è sceglierà il trattamento adeguato con l’obiettivo di ripristinare la salute dei vostri animali da compagnia.

Miti sulle allergie nei cani

Vediamo di sfatare alcuni miti sul prurito delle orecchie e alcune malattie dei cani:

  • Le condizioni menzionate in questo articolo non sono contagiose per le persone.
  • Qualsiasi cane potrebbe essere colpito da alcune di queste malattie o disturbi. Essi non sono legati alla scarsa igiene, alla razza o all’origine del cane. Qualsiasi cane può soffrire allo stesso modo, a prescindere che si tratti di esemplari domestici o randagi. L’unica cosa che può influenzare una maggiore incidenza di queste problematica è la predisposizione del cane, per esempio all’otite, sin dai primi anni di vita.
  • Se avete più animali in casa, sia che si tratti di cani o gatti, dovrete mettere in pratica le stesse misure curative o profilattiche in modo da evitare possibili contagi.
  • Il trattamento medico indicato deve essere rispettato e seguito con attenzione. Ricordate sempre che sebbene il problema sembri essere superato, se si tratta di un agente patogeno può sempre esserci una ricaduta.