Quali sono gli aspetti legali della pet therapy?

La considerazione dei cani e degli altri animali domestici come soggetti di diritti sta avanzando negli anni. Per questo motivo sempre più voci da diversi campi chiedono una regolamentazione che tuteli anche gli animali utilizzati per dare assistenza a persone malate, come nella pet therapy.
Quali sono gli aspetti legali della pet therapy?

Ultimo aggiornamento: 17 maggio, 2021

La pet therapy è una risorsa sempre più utilizzata. Sono interazioni guidati da professionisti della salute e dell’educazione. In essi, il legame tra il paziente e l’animale è il mezzo per la riabilitazione. Sono utilizzati in casi molto diversi e l’opinione generale è che i risultati sono eccellenti. Tuttavia, quali sono gli aspetti legali della pet therapy?

Anche se queste strategie terapeutiche si sono diffuse in questi tempi, in realtà il loro uso è molto antico. La mitologia greca riconosce Chirone, metà uomo e metà cavallo, che aveva la capacità di guarire uomini e animali.

Ci sono prove che documentano come la pet therapy veniva già utilizzata nel 1792 in un centro di riabilitazione per persone con disturbi mentali in Inghilterra. Per esempio, ci sono anche registrazioni del passato che evidenziano l’utilizzo di animali per assistere pazienti affetti da epilessia.

Nel caso specifico dell’Italia, la pet therapy è conosciuta con l’acronimo di IAA ovvero Interventi Assistiti con gli Animali e la sua applicazione è regolamentata giuridicamente.

Ci sono anche associazioni e fondazioni internazionali che operano per fomentare questo modello terapeutico. Un esempio è la fondazione Affinity Petcare, che dal 1987 ha cominciato a diffondere i benefici degli animali da compagnia nella società.

Attualmente, ci sono diverse cliniche e strutture ospedaliere che offrono queste terapie con gli animali. Inoltre, ci sono casi in cui queste metodo è stato utilizzato addirittura in alcune carceri, soprattutto per i detenuti con deficit affettivi e instabilità emotiva.

Nessuno si sorprende che gli animali giovano alla salute delle persone. È sempre più evidente come gli animali domestici occupano un posto privilegiato nella vita di molte persone.  Quando queste relazioni sono mediate da un professionista, come nella IAA, i risultati sono ottimali.

Aspetti legali della pet therapy, IAA cane con bambino.

Aspetti legali della pet therapy: benessere degli animali

Anche se gli interventi assistiti con gli animali risalgono a molti secoli fa, la considerazione dell’animale come soggetto da curare è abbastanza recente. Le molteplici voci in difesa degli animali si fanno sentire e chiedono un trattamento rispettoso.

Al giorno d’oggi, molti professionisti sono stati coinvolti in questo concetto di strategia terapeutica che si prende cura sia del paziente che dell’animale. Provenienti da diversi campi della salute e della vita umana, lavorano nel rafforzamento dei protocolli di attenzione all’animale che partecipa alle terapie. L’idea è quella di evitare lo sfruttamento.

Attualmente, anche in molti paesi del mondo esistono legislazioni nazionali che regolano l’applicazione delle terapie con animali. Per esempio, questo è il caso di alcuni paesi del Sud America.

Anche se in Italia gli interventi assistiti con animali (IAA) sono regolamentati a livello giuridico, esistono anche delle associazioni che si siano assunte la responsabilità di promuovere queste attività. L’obiettivo è quello di evitare comportamenti che possono essere dannosi sia per le persone che ricevono la terapia che per gli stessi animali. Al tempo stesso, offrono una preparazione e formazione verso coloro che vogliono che vogliono diventare tecnici negli interventi assistiti con animali.

Codice etico nelle terapie

Sono stati elaborati dei protocolli d’azione per aiutare a stabilire gli aspetti legali della pet therapy e le condizioni di terapia nell’ambito del benessere degli animali.

Pet therapy, bambini con delfini.

Per esempio, la Fondazione Affinity Petcare, ha indicato alcuni precetti di base per lavorare con gli animali da terapia. Tra i principi più importanti ci sono:

  • Il benessere degli animali deve venire prima dell’attività terapeutica. Ciò significa che gli animali non possono essere maltrattati o esposti a circostanze avverse con il pretesto della terapia.
  • È necessario che il terapeuta sia attento ai segni di stress, ansia o paura degli animali, così come ai loro stati fisici.
  • Se un animale mostra qualche conflitto con una persona, l’interazione non deve essere forzata.
  • Ogni sessione ha un tempo stabilito che non deve essere superato. Questo tempo è determinato tenendo conto sia della persona in terapia che dell’animale che collabora.
  • Un esame medico degli animali è essenziale.
  • L’animale deve essere libero di esprimere i suoi normali comportamenti naturali previsti nella sua specie. Questo implica che agisce senza paura e angoscia, il che si tradurrà in un comportamento emotivo e comportamentale adeguato al compito.

Cosa succede se viene rilevato un abuso di animali durante le sessioni di terapia? Può essere necessario ricorrere alle normative regionali o nazionali sulla protezione degli animali.

Conclusione sugli aspetti legali della pet therapy

Non c’è dubbio che la professionalità nella pet therapy richiede un investimento di sforzi e denaro. La qualità, la professionalità e l’etica hanno dei costi. Quando si sceglie un centro, è importante assicurarsi delle condizioni del servizio. Se la sessione è stata ben sviluppata, ci sarà un buon equilibrio che andrà a beneficio di tutti i partecipanti.

Potrebbe interessarti ...
Il mio cane può diventare un animale da terapia?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il mio cane può diventare un animale da terapia?

I cani accompagnano l'uomo ormai da moltissimo tempo. Se volete che il vostro diventi un animale da terapia, verificate che possieda le seguenti ca...