Quali sono le differenze tra uno zoo e un santuario?

6 Settembre 2019
Esistono molte differenze tra uno zoo e un santuario per animali, sia nel tipo di organizzazione che nello scopo della loro esistenza. Tuttavia, entrambi talvolta possono andare nella stessa direzione, quando hanno come scopo comune il benessere degli animali

Con il crescere della preoccupazione per il benessere degli animali selvatici, molti si chiedono quali sono le differenze tra uno zoo e un santuario, e se questi ultimi sono davvero la giusta alternativa ai primi.

Cosa hanno in comune uno zoo e un santuario?

La verità è che a livello legale uno zoo e un santuario sono generalmente uguali: entrambi devono essere registrati come zoo per avere animali ed essere visitati, quindi vengono considerati entrambi allo stesso modo. In realtà, per nominare un centro come santuario, centro di salvataggio o zoo non servono dei  requisiti specifici, quindi non è raro che ci siano falsi santuari che usano questa parola per attirare degli ignari visitatori.

Anche così, è vero che i santuari autentici non hanno la stessa filosofia degli zoo e ci sono marcate differenze tra loro, quindi sarà meglio chiarire quali sono le differenze tra uno zoo e un santuario.

Falso santuario
Aziende oppure ONG?

Una delle principali differenze tra uno zoo e un santuario è che normalmente gli zoo sono aziende, mentre i santuari sono generalmente organizzazioni senza scopo di lucro. Mentre uno zoo si finanzia con i biglietti di ingresso e la pubblicità, per cui i visitatori sono fondamentali, i santuari sono solitamente creati per gli animali e il visitatore passa in secondo piano.

Ciò non significa che gli animali stiano necessariamente meglio in santuario piuttosto che in uno zoo. Ci sono santuari che cercano la redditività e guadagnano denaro, e ci sono piccoli zoo con un reddito molto basso, o grandi centri di aiuto che sono in grado di dare una vita migliore ai loro animali.

Da dove vengono gli animali?

A questo punto sarà meglio sfatare un mito, e cioè che zoo e santuari spesso condividono l’origine degli animali. Attualmente è vietato catturare animali dalla natura, quindi gli zoo e i santuari di solito ospitano gli animali sequestrati, poiché solo con l’aiuto dei santuari sarebbe impossibile fare questo lavoro.

ONG animali

La differenza, in molte occasioni, è che gli zoo spesso allevano gli animali. Normalmente, ciò è giustificato ai fini della conservazione delle specie e vengono effettuati scambi tra i centri in modo che la genetica degli animali sia adeguata, il che imita gli scambi che avvengono in natura. Questi scambi hanno permesso molte volte di liberare animali come il visone europeo.

Ecco perché, in molte occasioni, gli animali di altri centri possono apparire negli zoo o inviare i loro animali ad altri centri. Tuttavia, i santuari di solito ospitano tutti i loro animali a vita, e di solito non consentono il loro allevamento. Questo perché si occupano di ospitare per lo più animali in cattive condizioni, invece di promuovere nuove nascite in cattività.

Quali sono le differenze tra uno zoo e un santuario?

La conservazione degli animali selvatici è fondamentale e sia gli zoo che i santuari svolgono un ruolo molto importante. Gli zoo che prevedono programmi di conservazione e di educazione, in cui gli animali minacciati vengono reintrodotti nel loro habitat, sono quelli che contribuiscono maggiormente alla salvaguardia delle specie. Tuttavia, ci sono molti zoo che non lo fanno.

Al contrario, i santuari di solito agiscono in un altro modo, perché i loro animali sono stati maltrattati o provengono da esperienze di cattività. In ogni caso, i santuari di animali sono strumenti importanti contro il traffico illegale di animali.

La verità è che le differenze tra i due tipi di centri sono sempre meno marcate e gli zoo stanno diventando sempre più necessari per combattere il traffico illegale delle specie, il possesso irresponsabile o i circhi.

Oggi ci sono molte persone che sono contrarie all’esistenza degli zoo, mentre i santuari sembrano consacrati agli animali. Tuttavia, ci sono stati casi di santuari che usano gli animali a loro vantaggio, come nel caso dei falsi santuari degli elefanti che dipingono. La prossima volta che visiterete uno di questi centri, vi raccomandiamo di fare attenzione.