Scoperto il fossile di un pappagallo gigante in Nuova Zelanda

29 Settembre 2019
Il fossile di pappagallo gigante scoperto in Nuova Zelanda rivela qualcosa in più sulla storia dei pappagalli e dei loro antenati.

Un pappagallo gigante non è un ritrovamento che viene fatto ogni giorno. Quando è stato scoperto un pappagallo gigante in Nuova Zelanda, di certo ha destato molto clamore. Pensate che la sua forza erculea ha fatto guadagnare a questa nuova specie di uccello estinto il nome di Heracles Inexpectatus. Continuate a leggere per saperne di più.

Scoperto un pappagallo gigante in Nuova Zelanda

I resti di questo volatile sono stati trovati nel Central Otago, una zona della Nuova Zelanda nota per la presenza di fossili del Miocene. Secondo i ricercatori che hanno effettuato la scoperta, questo uccello ha circa 19 milioni di anni.

Resti pappagallo estinto

Non è la prima volta che avviene il ritrovamento di fossili di dimensioni impressionanti appartenenti ad animali estinti simili a quelli attuali. Ad esempio, vale la pena ricordare il caso del lemure gigante del Madagascar, la cui estinzione probabilmente ha molto a che fare con la presenza dell’essere umano sull’isola del Madagascar.

In questo caso, questa specie di pappagallo gigante ricorda un volatile non ancora estinto: parliamo dello strano cacapò (Strigops habroptilus), un curioso uccello attualmente in grave pericolo di estinzione. Il cacapò pesa circa tre chilogrammi e, come l’Heracles Inexpectatus, non è in grado di volare a causa del suo peso, quindi è solito mimetizzarsi per sfuggire ai suoi predatori.

L’Heracles Inexpectatus avrebbe potuto superare un metro di altezza, mentre il suo peso raggiungeva facilmente i sette chilogrammi, il che lo rende un pappagallo enorme rispetto agli attuali psittacidi.

Un uccello spettacolare

La storia di questo pappagallo gigante ricorda quella di altri grandi uccelli estinti che non potevano volare, come nel caso dello strano uccello elefante, una specie estinta del Madagascar. In effetti, non occorre andare così lontano, poiché in Nuova Zelanda il concetto di uccello gigante è piuttosto familiare. Un esempio è il moa, un grosso uccello simile allo struzzo.

Scoperto pappagallo gigante

Molti di questi uccelli giganti hanno subito una rapida estinzione a causa dell’azione dell’essere umano. Infatti, non potevano volare ed erano facili da cacciare per le popolazioni autoctone. Tuttavia, questa teoria sembra improbabile se si pensa al nostro pappagallo gigante. Infatti, i suoi reperti fossili sono stati ritrovati in aree della Nuova Zelanda totalmente disabitate, quindi lontane dalla presenza umana.

Il pappagallo gigante avrebbe vissuto in un clima prevalentemente subtropicale, circondato da alberi di alloro e palme. Aveva un potente becco che gli permetteva di mangiare praticamente qualsiasi cibo trovato a terra, in modo molto simile al cacapò.

Anche così, diventa difficile conoscere molte più caratteristiche di questo grande uccello, come altre specie scoperte tramite i reperti fossili. Tuttavia, questo è un fatto senza precedenti, poiché in passato è già stato difficile conoscere informazioni sugli antenati degli psittacidi.

Heracles Inexpectatus apparterrebbe a un gruppo di uccelli simili agli attuali pappagalli della Nuova Zelanda come il cacapò e il kea, molto diversi dal resto degli attuali psittacidi, la cui figura risulta più stilizzata e le cui ali presentano colori più appariscenti, non adatti a mimetizzarsi.

https://doi.org/10.1098/rsbl.2019.0467