Scoprite i primi cani gemelli identici

In Sudafrica sono nati i primi cani gemelli identici di cui si ha notizia. Si tratta di Cullen e di Romulus, due cuccioli di Levriero irlandese. Entrambi condividevano la placenta e facevano parte di una cucciolata formata da 7 esemplari.

Come sono stati scoperti i cani gemelli identici?

Questa scoperta sensazionale è stata fatta nella città di Mogale, in Sudafrica. Il veterinario Kurt de Cramer decise di realizzare un parto cesareo alla madre, a causa di alcune complicazioni nel parto.

Una volta iniziato l’intervento chirurgico, però, il dottore si rese conto che l’animale aveva una strana protuberanza nell’utero. Tuttavia, attribuì tale particolarità ad un eccesso di fluido che circondava uno dei feti.

Fu grande la sorpresa del medico quando scoprì che, nella stessa placenta, non c’era uno ma ben due cuccioli.

Ecco Romulus e Cullen, i primi cani gemelli identici di cui si ha conoscenza. I due cani fanno parte di una cucciolata composta da 7 esemplari nati da un parto cesareo realizzato nella città di Mogale, in Sudafrica.

 Cullen e Romulus, i cuccioli gemelli

Cani gemelli

De Cramer -specializzato in ginecologia e riproduzione animale- sospettò sin dal primo momento di trovarsi di fronte ad un caso di gemelli di cani identici, originati dalla divisione di un embrione. In 26 anni di lavoro non aveva mai visto nulla del genere. Per questa ragione decise di contattare un gruppo di colleghi affinché confermassero la scoperta.

Il gruppo era formato da Carolynne Joone (Università James Cook di Townsville, Australia) e da Johan Nöthling (Università di Pretoria, in Sudafrica). I ricercatori realizzarono analisi del sangue a Romulus e Cullen quando avevano ancora due settimane di vita.

In tal modo venne confermato che i due cuccioli erano geneticamente identici, sebbene presentassero delle minime differenze nelle macchie del pelo. La buona notizia venne pubblicata nella rivista Reproduction in Domestic Animals.

Altre analisi per confermare che i cuccioli sono gemelli

In ogni caso, non appena i gemelli compirono sei settimane, vennero sottoposti ad un nuovo esame dei tessuti per analizzare nuovamente il loro DNA. In questo caso vennero esaminati anche gli altri fratelli.

Ancora una volta venne confermato che Cullen e Romulus erano geneticamente identici, mentre il resto dei cuccioli presentavano gli stessi livelli di somiglianza che normalmente si trovano tra gli appartenenti alla stessa cucciolata. 

In questo modo si eliminarono immediatamente i dubbi ancora presenti a causa delle piccole differenze ritrovate nel pelo di zampe, petto e coda, che presentavano macchie leggermente distinte. La spiegazione a questo fatto è che, sebbene si abbia lo stesso DNA, i geni possono sempre manifestarsi in modo diverso. Nel caso degli umani, ad esempio, i gemelli monozigoti presentano nei ed impronte digitali distinte.

Non esistono altri casi di cani gemelli?

A partire da questa prima prova da inserire nella letteratura scientifica presente sul tema, sorge inevitabile la domanda se sia o meno un fatto strano.

I cani di solito danno alla luce cuccioli molto simili tra di loro. Tuttavia:

  • Solitamente non si realizzano delle analisi del DNA.
  • I parti cesarei non vengono praticati in molti casi, e quindi non si sta attenti al numero delle placente.
  • Le femmine sono solite mangiare la propria placenta.

Per questo, sebbene si tratti del primo caso confermato di gemelli di cani identici, i ricercatori non hanno ancora determinato quanto sia normale questo fatto. Tutto però sembra indicare che non si tratti di casi molto comuni.

Sono comuni i gemelli nel mondo animale?

Cani gemelli con madre sul prato

L’idea è che nel mondo animale i cuccioli identici non siano abituali, ad eccezione degli umani e di una razza di armadilli.

In generale, però, quando due feti condividono la stessa placenta non dispongono di principi nutritivi o provviste di ossigeno a sufficienza. Per queste ragioni hanno una minore possibilità di sopravvivenza.

Romulus e Cullen, anche se appena nati pesavano meno ed erano più piccoli del resto della cucciolata, crescono felici insieme alla madre e ai fratelli.

Fonte Foto: Kurt de Cramer, pubblicate su www.bbc.com

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche