Separazione o divorzio: quale futuro per il vostro animale domestico?

22 Maggio 2019
Un animale domestico è un essere che sente e soffre e che può subire le conseguenze di un divorzio, come succede ai bambini. Quindi è importante sapere come agire in questa situazione per generare il minor trauma possibile

Quando si vive con qualcuno e ci si sposa, non è raro decidere di adottare un animale domestico. Ma in caso di separazione o divorzio: quale futuro per il vostro animale domestico? Viene inserito nella divisione dei beni o viene stabilito uno schema di visite? A chi è destinato in caso di divorzio o separazione? In questo articolo parleremo di questo spinoso problema.

In che modo un animale domestico affronta un divorzio

Senza dubbio, gli animali possono identificare problemi emotivi, cambiamenti nell’energia della casa… e agire di conseguenza. Molti animali domestici i cui padroni stanno attraversando una separazione si sentono tristi, depressi e addirittura modificano determinati comportamenti. Possono abbaiare tutto il giorno, mordere quello che trovano, urinare sul divano o avere abitudini distruttive con se stessi (mordersi la coda è un caso molto comune).

I cani sono quelli che soffrono di più quando il matrimonio fra i suoi padroni finisce, perché sono molto socievoli e familiari. A loro piace la routine, la presenza di tutti i membri della famiglia e, soprattutto, la tranquillità a livello emotivo.

Nel caso dei gatti, che sono più territoriali e “di casa” come viene comunemente detto, possono essere influenzati da traslochi e nuovi spazi.

Con chi resta l’animale domestico?

Al di là delle ragioni che hanno portato alla separazione di una coppia, è molto importante raggiungere un accordo in merito all’animale domestico in comune. Di certo, non equivale a distribuire equamente i mobili o vendere l’auto…

Se non è possibile farlo di comune accordo, c’è sempre la possibilità di ricorrere a mezzi giudiziari, con un giudice che determina con chi deve restare l’animale domestico.

Divorzio cane

Prima di tutto, bisognerà essere a conoscenza di come vengono considerati gli animali nel vostro paese. Alcuni codici civili indicano che gli animali domestici sono beni mobili – come se si trattasse di un letto o di un divano – e in altri sono considerati esseri viventi e di solito hanno un trattamento simile a quello che succede con i figli della coppia.

Nel primo caso, può essere richiesto da uno qualsiasi dei due membri della coppia. Ma se l’animale fosse già “proprietà” di una delle parti, questi sarà chi avrà il diritto di mantenerlo. L’altro non potrà decidere sull’animale domestico.

Separazione o divorzio: quale futuro per il vostro animale domestico?

Esistono due tipi di custodia per l’animale domestico, condivisi o unici. Ognuno di loro dipenderà dalla situazione specifica della coppia che si separa o divorzia:

1. Custodia condivisa

Nel caso in cui non vi sia un accordo “amichevole” tra le parti, il giudice può stabilire l’affidamento congiunto. Egli determinerà in quale casa dovrà vivere l’animale e il regime di visite dell’altro “genitore”.

L’animale potrà ricevere visite o portato in un’altra casa. Tutto dipenderà dalla situazione particolare. Alcuni addirittura scelgono di portarlo in vacanza o stare in una casa durante la settimana e in un’altra durante il fine settimana.

Custodia cane

Tenete presente che questi cambiamenti nella vita, nell’ambiente e nella routine possono essere molto stressanti per l’animale. Non è consigliabile agire in questo modo nel caso dei gatti, molto sensibili alle modifiche di questo tipo.

2. Custodia unica

La custodia non viene sempre raggiunta in modo amichevole. A volte bisogna nominare un giudice, che dovrà determinare chi può tenersi il cane o il gatto. Da cosa dipenderà? Ad esempio: chi l’ha acquistato, chi è il principale responsabile delle loro cure, chi ha più spazio a casa o passa più tempo a casa.

Se ci sono o meno bambini coinvolti, l’animale di solito rimane nella stessa casa dei bambini. Nella maggior parte dei casi è la madre affidataria che potrà tenersi gli animali, in modo da non disturbare i bambini e ridurre i traumi della separazione. Questo può anche essere preso in considerazione dal giudice al momento di decidere la custodia.

Naturalmente, ciò non significa che l’altra parte non possa impugnare la decisione, o addirittura dimostrare un caso di abuso o negligenza e che il custode non è adeguato per garantire il benessere dell’animale domestico. È necessario fare un rapporto non anonimo nell’ufficio corrispondente, avere testimoni e prove per dimostrarlo.

Durante il divorzio ci sono molti problemi da risolvere. L’animale domestico può essere uno dei problemi più complicati perché è un essere senziente, non un oggetto. Un buon modo per scegliere con chi dovrà stare il cane o il gatto è riconoscere chi è il vero ‘proprietario’. Cioè, con chi l’animale ha più affinità.

  • Gómez G., L. F., Atehortua H., C. G., & Orozco Padilla, S. C. (2007). La influencia de las mascotas en la vida humana. Revista Colombiana de Ciencias Pecuarias, ISSN-e 0120-0690, Vol. 20, No. 3, 2007, Págs. 377-386.