Serpenti marini: come sono classificati?

I serpenti marini sono divisi in due gruppi e presentano adattamenti morfologici per il loro corretto sviluppo e la sopravvivenza nell'ambiente acquatico.
Serpenti marini: come sono classificati?

Ultimo aggiornamento: 06 marzo, 2021

I serpenti marini sono una sottofamiglia di rettili che si adattano totalmente alla vita acquatica. La maggior parte di loro sulla terraferma sono vulnerabili e raramente lasciano l’acqua. Infatti, il loro corpo adatto a nuotare, gli rende difficile lo strisciare sul suolo.

Questi rettili sono classificati nelle famiglie dei serpenti più velenosi del mondo (Elapidae). In questi gruppi appartengono gli affini dei cobra, dei mamba e dei serpenti corallo. Se volete saperne di più su questi affascinanti animali, continuate a leggere.

Serpenti marini, ma non dell’Atlantico

Questi serpenti sono adattati alla vita marina. Tuttavia, non si trovano nell’Oceano Atlantico, anche se le regioni caraibiche sarebbero un habitat ideale per questi animali.

Questi rettili vivono nell’Oceano Pacifico e nell’Oceano Indiano, dal Giappone alla Nuova Zelanda e dal Sud Africa all’America Centrale. Si ritiene che la loro assenza nell’Atlantico sia dovuta al fatto che non sono fisicamente in grado di raggiungerlo, poiché l’istmo di Panama è una barriera geologica che li tiene separati da questo oceano.

Ciononostante, questo non ha però impedito la proliferazione e l’estensione dei serpenti marini, un gruppo di grande diversità biologica, formato da circa 62 specie classificate in 17 generi diversi. Il genere Hydrophis è il più grande di questi.

Ci sono due sottofamiglie di serpenti marini:

  • Hidrophiinae o idrofini, che comprende la maggior parte delle specie. Sono rettili completamente marini, che non hanno bisogno di venire in superficie se non per respirare, poiché, a differenza dei pesci, non hanno branchie. Possono restare fino a cinque ore sott’acqua.
  • Laticaudinae, con un unico genere rappresentativo con il nome Laticauda, che comprende otto specie. Questi animali hanno una vita anfibia, poiché si riproducono sulla terraferma.

Ora andiamo a vedere più da vicino ognuna di queste due grandi categorie.

Gli idrofini, i veri serpenti marini

I serpenti marini hanno grandi differenze anatomiche rispetto alle loro controparti terrestri. Ad esempio, tutti hanno la coda appiattita a forma di remo, che li aiuta a nuotare, e il corpo è schiacciato lateralmente, come un’anguilla.

Gli adulti della maggior parte delle specie di questa sottofamiglia raggiungono una lunghezza compresa tra i 120 e i 150 centimetri. Tuttavia, gli esemplari più grandi possono raggiungere i tre metri di lunghezza, come gli adulti della specie Hydrophis spiralis.

A differenza delle specie terrestri, che hanno squame ad incastro per proteggersi dall’abrasione contro il suolo, le squame della maggior parte dei serpenti marini pelagici non si sovrappongono.

Anche se questa è una regola generale, tuttavia alcune specie sono dotate di squame sovrapposte. È il caso di quei serpenti marini che vivono nei fondali in presenza di coralli, per proteggere il loro corpo dalle abrasioni causate dal corallo sulla loro pelle.

Serpente idrofilo.

Gli idrofini sono animali carnivori, si nutrono di pesci, soprattutto anguille, ma anche di molluschi, crostacei e persino di uova di pesce. Per cacciare, iniettano il loro veleno nelle prede catturate, che muoiono subito dopo a causa del loro effetto tossico.

Un’altra differenza tra la sottofamiglia Hidrophiinae e gli altri serpenti è la loro riproduzione, poiché sono animali ovovivipari, cioè i loro piccoli si sviluppano e si schiudono all’interno della madre. Di solito nascono da sette a nove piccoli, anche se in alcune specie ci sono eccezioni con progenie molto più numerose.

Il veleno dei serpenti marini è molto potente e supera quello dei cobra, essendo composto da una miscela di neurotossine e miotossine. Il serpente di mare col becco è una delle specie più velenose, ma i morsi dell’uomo sono rari e probabilmente dovuti a intrusioni nel loro ambiente, poiché questa specie è abbastanza pacifica.

Serpenti anfibi del genere Laticauda

Anche loro sono classificati come serpenti marini, anche se in questo caso non passano tutta la vita in acqua. Le loro abitudini sono acquatiche e terrestri, poiché in realtà si riproducono sulla terra, e a differenza dei precedenti sono ovipari, poiché depongono le uova sulla superficie della terra.

Le narici dei laticaudas si trovano su entrambi i lati, mentre nel resto dei serpenti marini si trovano sulla parte superiore del muso, che estraggono dall’acqua per respirare. Questi ofidi possono chiudere le narici per mezzo di valvole quando si immergono.

Tutti gli esemplari di questa sottofamiglia sono dotati di squame ventrali, che li proteggono quando si spostano sulla terraferma.

Il serpente di mare bocca gialla (Laticauda colubrina) è una delle specie più rappresentative. Abita le acque tropicali dell’Oceano Indo-Pacifico e si distingue per il suo corpo lungo, quasi cilindrico, con bande uniformi nere e argentate.

Serpenti marini.

Come abbiamo visto, i serpenti marini si dividono in due grandi sottofamiglie con caratteristiche diverse. Questi serpenti hanno una serie di incredibili adattamenti all’ambiente acquatico.

Potrebbe interessarti ...
Il serpente marino, uno dei più velenosi al mondo
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Il serpente marino, uno dei più velenosi al mondo

Il serpente marino è una specie ovovivipara: ciò significa che le uova si sviluppano all'interno del corpo della madre fino a che stanno per schiud...



  • The reptile database
  • Cronicasdefauna
  • Harvey B Lillywhite, Coleman M Sheehy, III, Harold Heatwole, François Brischoux, David W Steadman, Why Are There No Sea Snakes in the Atlantic?, BioScience, Volume 68, Issue 1, January 2018, Pages 15–24.