Setter irlandese: un cane bello e affettuoso

11 maggio, 2018
 

Il setter irlandese nacque come cane da caccia, ma la sua straordinaria bellezza e il suo carattere equilibrato gli hanno permesso di lasciare le foreste e diventare un perfetto animale da compagnia. In questo articolo scoprirete tutto ciò che c’è da sapere su questa straordinaria razza canina.

Storia del setter irlandese

Questo cane, storicamente, deriva da un’altra varietà oggi meno popolare, quella del setter irlandese rosso-bianco. Ci sono documenti che sostengono che questa razza esisteva già nel XVIII secolo, praticamente con le medesime caratteristiche che si conoscono oggi.

Da allora si è rivelato uno dei migliori cani da caccia, in particolare un cane da ferma. Il suo compito è quello di accompagnare il cacciatore e fermarsi in prossimità di una possibile preda. Questo stesso lavoro viene svolto anche da altre razze, come Pointer e Bracco.

Tuttavia, nel XIX secolo questo tipo di cane iniziò a partecipare a concorsi di bellezza, ottenendo sempre maggiore popolarità in virtù dei tanti successi ottenuti. Da allora, gli allevatori preparano il setter irlandese più per questo tipo di attività che per la caccia. Una necessità anche spinta dal calo di interesse verso le attività venatorie, quasi del tutto passate di moda.

Come vedremo in seguito, l’istinto di caccia è comunque ancora molto presente in questa razza. Per quanto riguarda il suo aspetto fisico, nonostante gli standard imposti dalle competizioni, nel tempo questo animale ha mantenuto le sue caratteristiche principali.

 
un Setter irlandese di profilo in piedi sul prato

Caratteristiche del setter irlandese

Questa razza canina si distingue per la sua presenza snella, elegante e agile. Sono cani alti, che raggiungono i 65 centimetri al garrese, con un peso di appena 30 chili, al massimo. Questo perché hanno un corpo stretto e zampe lunghe.

La testa è lunga e sottile, ma armoniosa. I suoi occhi mostrano un’espressione gentile e docile. Il rinario può essere di colore chiaro o completamente nero. Le orecchie sono triangolari e arrotondate, con un inserimento basso nella testa e cadono leggermente all’indietro.

Per quanto riguarda la pelliccia, generalmente è lunga in tutto il corpo, dalla consistenza setosa e con un aspetto assai brillante. Ha lunghe frange su orecchie, ventre, petto e coda. Di solito, il setter irlandese presenta un mantello liscio, che può diventare ondulato verso la fine. La coda è lunga, di basso inserimento. Non la alza mai più in su della linea della colonna vertebrale.

Per quanto riguarda i colori ammessi dalla FCI (Federazione Cinologica Internazionale), il setter irlandese può avere solo una tonalità. Quella rosso castagna che potete apprezzare nelle immagini di questo articolo. A volte, comunque, possono apparire delle macchie bianche sulla fronte e sul viso, sulle dita dei piedi o sul petto. Altre varietà di setter possiedono diversi colori, con sfumature di bianco o nero.

 

Comportamento del setter irlandese

In generale, stiamo parlando di un cane pieno di energie e intelligente, molto amichevole e laborioso. Ribadiamo il concetto che il suo DNA di cacciatore si mantiene tutt’oggi molto vivo.

un Setter irlandese corre su un prato

Il setter irlandese ha un buon carattere ma, per evitare comportamenti indesiderati, dovrete sempre assicurargli la giusta dose di attività fisica. Tre lunghe passeggiate al giorno dovrebbero essere sufficienti, ma senza dimenticare la stimolazione mentale. Invogliatelo a seguire tracce, risolvere problemi e offritegli dei giocattoli interattivi.

Sono cani molto socievoli e affettuosi, quindi ideali per stare con i bambini o con altri animali domestici. Fanno rapidamente amicizia anche con gli estranei: quindi, un setter irlandese non è adatto a mansioni di cane da guardia.

A causa della sua intelligenza e della sua docilità, è un cane facile da addestrare. Soprattutto se iniziate l’educazione da cucciolo, sfruttando la leva delle ricompense, come suggerisce il rinforzo positivo. L’addestramento dovrà sempre essere collaborativo, evitando atteggiamenti violenti, aggressivi e di dominanza, che sarebbero altamente improduttivi.

 

Prendersi cura di un setter irlandese

Se avete deciso di adottare un cane di questa razza, sappiate che avrete un animale molto sano. Per via delle sue dimensioni, ha una certa propensione a soffrire di displasia dell’anca e anche di torsione gastrica. Queste sono le malattie più comuni del setter irlandese rosso:

  • Emofilia.
  • Epilessia.
  • Problemi agli occhi.
Setter irlandese sdraiato in giardino

Come in ogni altra razza di cane, la diagnosi di queste malattie o la loro prevenzione dovrà sempre essere fatta da un veterinario. È necessario seguire il programma di vaccini e cure antiparassitarie, per garantire la salute di questi cani.

La pelliccia fine e setosa del setter irlandese ha bisogno di una buona spazzolatura, almeno 2-3 volte alla settimana, affinché si mantenga liscia e lucida. Potrebbero apparire dei fastidiosi nodi che, oltre ad essere antiestetici, possono causare disagio o problemi alla pelle del vostro amico a quattro zampe.

Dal momento che sono cani che amano correre all’aria aperta, dopo ogni escursione dovrete controllare bene ogni parte del corpo. Orecchie, zampe e petto, alla ricerca di eventuali residui che potrebbero, nel tempo, creare irritazioni. Controllate anche l’eventuale presenza di zecche e pulci.

 

Il setter irlandese è un formidabile cane da caccia. Oggi, la sua bellezza e l’aspetto distinto lo hanno convertito in un cane da esposizione. E’ perfetto per vivere dentro casa e in famiglie con bambini, persino se avete già altri animali domestici. Prendersene cura non è complicato e per mantenerlo sano e felice basterà davvero poco.