Squalo volpe occhione: habitat e caratteristiche

Tra il 1999 e il 2014 sono state catturate 183.000 tonnellate di squali volpe. Indonesia, Ecuador, Sri Lanka e Stati Uniti sono i paesi che sfruttano maggiormente la specie.
Squalo volpe occhione: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 14 agosto, 2021

Lo squalo volpe è una specie di pesce cartilagineo caratterizzato dalla sua enorme coda. È un organismo ampiamente distribuito, con una mobilità e un’attività sorprendenti, che gli consentono di spostarsi abbastanza rapidamente tra le acque superficiali e quelle profonde. La riproduzione di questi esemplari è il suo più grande ostacolo ed è considerato uno squalo molto vulnerabile.

Esistono tre specie di squali chiamati “volpi”. Tuttavia, in questo spazio ci concentreremo solo su Alopias superciliosus. Continuate a leggere per saperne di più su questo enorme esemplare marino.

Habitat dello squalo volpe

Gli squali volpe sono presenti nei mari tropicali e temperati, dalla superficie fino a 700 metri di profondità. È un nuotatore abbastanza attivo e resistente, capace di intraprendere lunghi viaggi migratori fino a 2.400 chilometri. L’habitat ottimale per questa specie è nelle acque calde, poiché è lì che si trovano gli esemplari più grandi.

Caratteristiche fisiche

La caratteristica distintiva di questo squalo è la parte superiore della coda, che è molto lunga e appariscente. Questa estensione caudale può essere grande quanto il suo corpo e, infatti, gli organismi più grandi raggiungono i 4,5 metri di lunghezza totale.

Il suo corpo è simile a quello di altri squali: cilindrico, robusto e con un muso allungato a forma di cono. Inoltre possiede 5 pinne evidenti, con una sesta dorsale piuttosto ridotta, che si trova in prossimità della coda. Tutti sono immobili e servono allo squalo per mantenere la sua posizione nell’acqua, tranne il flusso, che è l’unico con mobilità.

Questo organismo mantiene la colorazione tipica degli squali, con il grigio bluastro sul dorso, ma con colori bianchi sul ventre. Sebbene il genere Alopias contenga 3 specie diverse, si differenzia dal resto per i suoi grandi occhi, motivo per cui viene anche chiamato squalo volpe ossuto.

Uno squalo volpe di profilo.

Comportamento dello squalo volpe

Questo squalo è un nuotatore solitario che cerca frequentemente acque calde. Inoltre, la sua popolazione è segregata per età e sesso. Alcuni esperti considerano questa una strategia che migliora la sua sopravvivenza. Per questo motivo, femmine, maschi e giovani sono raggruppati in luoghi diversi nell’oceano.

Secondo un articolo della rivista scientifica Marine Ecology Progress Series, questo squalo di solito rimane a una profondità di 200 o 500 metri durante il giorno e vicino alla superficie di notte. Questo perché, grazie ai suoi occhi, può facilmente osservare la sua preda con il riflesso del sole, mentre di notte risale in superficie per mancanza di luce.

Alimentazione dello squalo volpe

I suoi cibi principali sono banchi di calamari e pesci, motivo per cui è considerato un predatore specializzato. Tra le specie più comuni nella sua dieta, ci sono il dorso piatto, il calamaro di Humboldt, il pesce lanterna e il nasello del Pacifico.

La coda di questo squalo gioca un ruolo importante nella sua dieta, poiché la usa per stordire e mettere all’angolo la sua preda. Questo viene fatto per mezzo di increspature che turbinano nell’acqua e stordiscono la vittima. Lo usa anche come frusta, colpendo forte e inabilitando il bersaglio.

Riproduzione dello squalo volpe

Questo squalo ha una riproduzione ovovivipara, con un periodo di gestazione di un anno e cucciolate di due piccoli. Durante il loro sviluppo, la prole mostra un comportamento chiamato ovofagia, che consiste nel nutrirsi delle uova non fecondate della madre. Per fare questo, sviluppano denti embrionali temporanei che andranno persi prima del parto.

La prole della specie misura tra 60 e 105 centimetri alla nascita e matura almeno a 12 anni di età. Inoltre, le cure parentali sono minime, poiché alla nascita sono indipendenti, ma rimangono in una zona “asilo nido”, dove sono protette da diverse femmine. Man mano che crescono, migrano verso nuovi posti, separandosi per età.

Questo squalo si riproduce ogni anno, ma non ha una stagione degli amori definita. Puoi accoppiarsi in qualsiasi momento dell’anno.

Stato di conservazione

Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), lo squalo volpe è elencato come una specie vulnerabile. Ciò è dovuto al fatto che gli esemplari producono pochi piccoli per cucciolata e che, inoltre, vengono sfruttati dalle compagnie di pesca.

Minacce dello squalo volpe

La principale minaccia rappresentata da questi organismi corrisponde alla pesca selettiva e accidentale. Uno dei motivi della loro forte domanda è l’apprezzamento per la loro carne, pinne, pelle e fegati. Pertanto, vengono catturati dai pescatori ricreativi in vari paesi del mondo.

Nel continente asiatico c’è una grande commercializzazione delle pinne, poiché fanno parte di un piatto tradizionale cinese. Tuttavia, le parti più ricercate degli esemplari sono la carne e il fegato. Questo perché il primo viene utilizzato per il consumo umano, mentre dal secondo vengono estratti oli ad alto contenuto vitaminico.

Fortunatamente, la Commissione internazionale per la conservazione dei tonni dell’Atlantico e la Commissione per i tonni dell’Oceano Indiano hanno vietato la cattura di questo squalo. Sebbene gli sforzi non stiano ancora dando frutti, molti altri paesi si sono impegnati a cooperare alla loro conservazione, con l’obiettivo di salvaguardare la biodiversità marina.

Potrebbe interessarti ...
Il comportamento dello squalo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il comportamento dello squalo

Il comportamento dello squalo è solitario, ma gentile, e non attacca solo per questo. Può esse addestrato e avere una propria personalità.



  • Moreno, J., & Morón, J. (1992). Reproductive biology of the bigeye thresher shark, Alopias superciliosus (Lowe, 1939). Marine and Freshwater Research43(1), 77-86.
  • Preti, A., Kohin, S., Dewar, H., & Ramon, D. (2008). Feeding habits of the bigeye thresher shark (Alopias superciliosus) sampled from the California-based drift gillnet fishery. CalCOFI Rep49, 202-211.
  • Aalbers, S. A., Bernal, D., & Sepulveda, C. A. (2010). The functional role of the caudal fin in the feeding ecology of the common thresher shark Alopias vulpinus. Journal of Fish Biology76(7), 1863-1868.
  • Nakano, H., Matsunaga, H., Okamoto, H., & Okazaki, M. (2003). Acoustic tracking of bigeye thresher shark Alopias superciliosus in the eastern Pacific Ocean. Marine Ecology Progress Series265, 255-261.
  • Polo-Silva, C., Baigorrí-Santacruz, Á., Galván-Magaña, F., Grijalba-Bendeck, M., & Sanjuan-Muñoz, A. (2007). Hábitos alimentarios del tiburón zorro Alopias superciliosus (Lowe, 1839), en el Pacífico ecuatoriano. Revista de biología marina y oceanografía42(1), 59-69.
  • Polo Silva, C. J. (2008). Ecología trófica de los tiburones zorro Alopias pelagicus NAKAMURA, 1935 y Alopias superciliosus (Lowe, 1839) en el Pacífico Ecuatoriano (Doctoral dissertation, Instituto Politécnico Nacional. Centro Interdisciplinario de Ciencias Marinas).
  • Polo-Silva, C. A. R. L. O. S., Rendón, L., & Galván-Magaña, F. E. L. I. P. E. (2009). Descripción de la dieta de los tiburones zorro (Alopias pelagicus) y (Alopias superciliosus) durante la época lluviosa en aguas ecuatorianas. Pan-American Journal of Aquatic Sciences4(4), 556-571.
  • Weng, K. C., & Block, B. A. (2004). Diel vertical migration of the bigeye thresher shark (Alopias superciliosus), a species possessing orbital retia mirabilia. Fishery Bulletin102(1), 221-229.
  • Matsunaga, H., & Yokawa, K. (2013). Distribution and ecology of bigeye thresher Alopias superciliosus in the Pacific Ocean. Fisheries science79(5), 737-748.
  • Berrondo, L., Pons, M., Forselledo, R., Miller, P., & Domingo, A. (2007). Distribución espacio-temporal y composición de tallas de Alopias superciliosus y A. vulpinus observados en la flota palangrera uruguaya en el Océano Atlántico (2001-2005). ICCAT Collective Volume of Scientific Papers60, 566-576.
  • Chen, C. T., Liu, K. M., & Chang, Y. C. (1997). Reproductive biology of the bigeye thresher shark, Alopias superciliosus (Lowe, 1839)(Chondrichthyes: Alopiidae), in the northwestern Pacific. Ichthyological Research44(2), 227-235.
  • Navia, A. F., Mejía-Falla, P. A., & Caicedo, J. (2011). Guía para la identificación de especies de tiburones y rayas comercializadas en el Pacífico colombiano. Squalus, Fundación Colombiana para la Investigación y Conservación de Tiburones y Rayas.