Tasso furetto: habitat e caratteristiche

La pelliccia del tasso furetto era una delle pelli più sfruttate nel sud della Cina. Nonostante ciò, sembra che la popolazione di questa specie non sia stata colpita e rimanga stabile.
Tasso furetto: habitat e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 21 luglio, 2021

Il tasso furetto della Cina è un piccolo mammifero terrestre dal corpo allungato e abbastanza flessibile. È facilmente riconoscibile per la sua particolare maschera e il suo modo di essere timido. Inoltre, ha vissuto a lungo con l’uomo, adattandosi ai cambiamenti che esistono nel suo ambiente.

Questa specie appartiene alla famiglia dei mustelidi, quindi è imparentata con donnole, lontre e furetti. Nello specifico, in questo articolo ci concentreremo sul mammifero Melogale moschata, un piccolo animale che può diventare un buon alleato per l’uomo.

Tasso furetto: habitat

Questo mammifero è originario della Cina meridionale, ma può essere trovato anche in parte del continente indiano-asiatico. Questo include India, Laos, Vietnam e Taiwan, dove corrisponde al tasso birmano (Melogale personata) in varie regioni.

Questo animale preferisce i climi tropicali e subtropicali, e i suoi habitat includono foreste e praterie. Nonostante ciò, non ha paura di vivere in aree disturbate come fattorie, foreste frammentate e vicino alle case.

Un tasso di puzzola.

Caratteristiche fisiche

Il tasso furetto è uno dei più piccoli esistenti. Può pesare tra 1 e 3 chili, e raggiungere i 30 o 40 centimetri di lunghezza. Questa specie ha una lunga coda, orecchie prominenti e una forma particolarmente slanciata. Sulle sue zampe si possono notare forti artigli, che sono eccellenti per scavare.

Il corpo di questo animale ha una colorazione scura, che varia poco tra i toni del grigio e del marrone. Il muso di questo mammifero ha una pelliccia scurita, con macchie bianche intorno all’occhio, che gli conferiscono la caratteristica forma di una maschera. Inoltre, il suo pelo è corto e presenta una linea bianca sul dorso.

Comportamento

È una specie timida, quindi preferisce spostarsi di notte, per evitare l’interazione con l’uomo. Inoltre, grazie a questo, può usufruire del cibo proveniente da frutteti o piantagioni, evitando di essere disturbato.

Inoltre, si tratta di animali territoriali, ma possono diventare sociali e persino formare gruppi. Secondo uno studio pubblicato dalla Zhejiang University, maschi e femmine possono vivere insieme nelle stesse aree, formando gruppi fino a 7 esemplari.

Grazie ai suoi potenti artigli, questo tasso è in grado di arrampicarsi sugli alberi, anche se normalmente scava buche per proteggersi. Oltre a ciò, questo mammifero può arrampicarsi e dormire sui rami degli alberi.

Alimentazione

Questo tipo di tasso è onnivoro, in quanto la sua dieta è costituita da piccoli roditori, anfibi, invertebrati e, in alcuni casi, frutti. Tuttavia, preferisce nutrirsi di vermi e insetti, poiché sono una maggiore fonte di proteine. Inoltre, per questo motivo si trova solitamente nelle aree di coltivazione, dal momento che questo tipo di invertebrati è più frequente lì.

Riproduzione del tasso furetto

La stagione riproduttiva della specie inizia a gennaio, ma la maggior parte degli esemplari effettua l’accoppiamento tra febbraio e marzo. Inoltre, dopo settembre questo mammifero inizia la sua fase di quiescenza, il che significa che non sarà in grado di riprodursi fino all’anno successivo.

Per questo motivo, le femmine possono rimanere incinte da febbraio a ottobre, momento in cui avranno un periodo gestazionale di almeno 57 giorni. Sebbene non sia ancora noto con certezza, un articolo pubblicato sulla rivista scientifica Zoological Studies ha rilevato che la maggior parte dei tassi ha solo una cucciolata all’anno.

Dopo la riproduzione e la gestazione, nascono da 2 a 3 piccoli per figliata. La madre li nutrirà con il latte e si prenderà cura di loro all’interno di una tana. I piccoli diventeranno indipendenti quando raggiungeranno i 2 o 3 mesi di età e in quel momento abbandoneranno la protezione della madre. Nel loro habitat naturale, questi tassi raggiungono solitamente i 10 anni di vita.

L’importanza di questo mustelide

Nel suo ecosistema può essere considerato un disinfestatore, poiché questo mammifero si nutre di diversi invertebrati. Inoltre, quando consuma frutti può diventare un dispersore di semi. Tuttavia, non è molto bravo in questo compito, poiché è considerato inefficiente.

Per gli umani, questo piccolo tasso è considerato un disinfestatore domestico, poiché può nutrirsi di scarafaggi. Alcune persone incoraggiano persino questo animale ad entrare nella loro casa, per uccidere questo e altri insetti. Nelle zone rurali il tasso furetto può essere considerato un ottimo alleato.

Stato di conservazione

Questo animale è molto comune nel nord-est dell’India, quindi i locali spesso lo cacciano per il cibo. Nonostante ciò, il tasso furetto è ampiamente distribuito e la sua popolazione non sembra essere diminuita. Per questi motivi, l’Unione internazionale per la conservazione della natura l’ha classificato come specie a rischio minimo.

La sua grande adattabilità ha dato a questo animale l’opportunità di sopravvivere in un ambiente così mutevole. Questo fa sì che l’interazione tra l’uomo e il tasso sia così stretta da causare alcuni conflitti. Tuttavia, in questa occasione, il rapporto è così buono che non c’è rifiuto della specie.

Sebbene sia una visione molto positiva, tutti i rapporti tra uomini e animali dovrebbero ambire a questo. Il tasso furetto è l’esempio vivente che gli esseri umani possono convivere con le specie senza calpestare i loro bisogni biologici. La risposta sta nel vivere con altre specie, non nello sfruttare spietatamente i loro ambienti.

Potrebbe interessarti ...
Animali in pericolo a causa della medicina orientale
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Animali in pericolo a causa della medicina orientale

La medicina orientale propone cure e trattamenti che vengono creati partendo dalle ossa di tigre, dal corno di rinoceronte.



  • Duckworth, J.W., Abramov, A.V., Willcox, D.H.A., Timmins, R.J., Choudhury, A., Roberton, S., Long, B. & Lau, M. 2016. Melogale moschataThe IUCN Red List of Threatened Species 2016: e.T41626A45209676. https://dx.doi.org/10.2305/IUCN.UK.2016-1.RLTS.T41626A45209676.en.
  • Jay F. Storz, W. Chris Wozencraft. (1999) Melogale moschata, Mammalian Species, Issue 631, 3 Pages 1–4, https://doi.org/10.2307/3504333
  • Zhou, Y.-B., Zhang, L., Kaneko, Y., Newman, C., & Wang, X.-M. (2008). Frugivory and seed dispersal by a small carnivore, the Chinese ferret-badger, Melogale moschata, in a fragmented subtropical forest of central China. Forest Ecology and Management, 255(5-6), 1595–1603. doi:10.1016/j.foreco.2007.11.018
  • Robichaud, W. G. (2010). A field record of Small-toothed Ferret Badger Melogale moschata in Central Laos, and other recent records of ferret badgers from the country. Small Carnivore Conservation42, 32-34.
  • Zhang, L., Wang, Y., Zhou, Y., Newman, C., Kaneko, Y., Macdonald, D. W., … & Ding, P. (2010). Ranging and activity patterns of the group-living ferret badger Melogale moschata in central China. Journal of Mammalogy91(1), 101-108.
  • Li, S., Yu, G. H., Liu, S., & Jin, C. S. (2019). First record of the ferret-badger Melogale cucphuongensis Nadler et al., 2011 (Carnivora: Mustelidae), with description of a new subspecies, in southeastern China. Zoological research40(6), 575.
  • Wu, H. Y. (1999). Is there current competition between sympatric Siberian weasels (Mustela sibirica) and ferret badgers (Melogale moschata) in a subtropical forest ecosystem of Taiwan?. ZOOLOGICAL STUDIES-TAIPEI-38(4), 443-451.
  • Chuang, S. A., & Lee, L. L. (1997). Food habits of three carnivore species (Viverricula indica, Herpestes urva, and Melogale moschata) in Fushan Forest, northern Taiwan. Journal of Zoology243(1), 71-79.
  • Pei, K., & Wang, Y. (1995). Some observations on the reproduction of the Taiwan ferret badger(Melogale moschata subaurantiaca) in southern Taiwan. Zoological Studies34(2), 88-95.
  • Wang, H., & Fuller, T. K. (2003). Ferret badgerMelogale moschata activity, movements, and den site use in southeastern China. Acta Theriologica48(1), 73-78.