Trovato lo squalo luminoso più grande del mondo

La bioluminescenza è un fenomeno tanto spettacolare quanto raro, attraverso il quale gli animali sono in grado di produrre la propria luce.
Trovato lo squalo luminoso più grande del mondo

Ultimo aggiornamento: 01 aprile, 2021

Un nuovo studio scientifico pubblicato su Frontiers in Marine Science ha descritto come 3 specie di squali sono in grado di emettere la propria luce. Uno di loro, il carocho o Dalatias licha, è il più grande squalo luminoso del mondo.

A 1,80 metri di lunghezza, questo animale non è solo lo squalo più grande, ma il più grande vertebrato con questa capacità, che si chiama bioluminescenza. Insieme alle altre 2 specie – Etmopterus lucifer ed Etmopterus granulosus – questo squalo può essere incontrato negli oceani che circondano la Nuova Zelanda.

Se volete saperne di più su questo affascinante animale e su come produce luce, oltre che sulla bioluminescenza in generale, vi invitiamo a continuare a leggere questo articolo.

Bioluminescenza nel regno animale

La bioluminescenza è un fenomeno molto raro nell’ambiente terrestre. Solo alcuni invertebrati hanno questa capacità, la stragrande maggioranza di loro artropodi. Le più famose sono le lucciole, termine che include diverse specie di insetti che emettono luce attraverso l’addome.

Al contrario, questo fenomeno è diffuso nell’ambiente marino. Sebbene la stragrande maggioranza degli animali bioluminescenti siano invertebrati, è anche noto un numero crescente di vertebrati acquatici luminosi.

È interessante notare che il numero di animali bioluminescenti aumenta man mano che si scende negli oceani. La maggior parte di questi esseri viventi può essere trovata in acque molto profonde, dove la luce solare non arriva.

Più di uno squalo luminoso

Gli squali sono normalmente considerati enormi super predatori che si nascondono sotto la superficie dell’oceano. Tuttavia, questa è solo una piccola parte della loro biodiversità. Questi animali esistono da milioni di anni e hanno saputo adattarsi e colonizzare ambienti acquatici molto diversi.

I 2/3 degli squali, infatti, sono lunghi meno di un metro e solo il 20% delle specie supera il metro e mezzo. Inoltre, più della metà degli squali vive a più di 200 metri di profondità.

La maggior parte di loro vive tra i 200 ei 1000 metri, nella zona crepuscolare o mesopelagica. Un po’ di luce penetra ancora in questo intervallo, ma è così poca da impedire la fotosintesi. Per l’occhio umano, la zona crepuscolare è completamente buia.

È proprio qui che è possibile trovare squali bioluminescenti. Appartengono a tre diverse famiglie – Dalatiidae, Etmopteridae e Somniosidaeche rappresentano 57 delle 540 specie di squali conosciute. Gli esemplari di queste famiglie possono essere incontrati nelle acque profonde dell’intero pianeta.

Un dettaglio dei denti dello squalo luminoso.
Un dettaglio dei denti dello squalo luminoso.

Lo squalo zigrino, lo squalo luminoso più grande

L’aspetto di Dalatias licha, detto squalo zigrino, è molto diverso da quello del tipico elasmobranco, come nel caso di altre specie di squalo luminoso. Il suo corpo è lungo e sottile e le sue pinne e la coda sono piccole e smussate. Inoltre, la testa è piccola, con un muso corto e arrotondato e grandi occhi adattati all’oscurità.

I denti sono diversi nella mascella superiore e inferiore. Quelli superiori sono piccoli, sottili e appuntiti, mentre quelle inferiori sono grandi e triangolari.

Questa dentatura è adatta per strappare pezzi di carne da animali più grandi in modo parassitario – così come lo squalo sigaro – nonché per predare altri squali, pesci, cefalopodi e crostacei.

La colorazione è uniforme e varia dal marrone scuro al grigio o al nero. Sebbene le dimensioni di questo pesce non possano essere paragonate a giganti come lo squalo bianco o quello della Groenlandia, i suoi 1,80 metri fanno impallidire il resto degli squali luminosi, che di solito non raggiungono i 60 centimetri.

Come fa questo animale a produrre la luce?

La pelle dello squalo D. licha è ricoperta di fotofori, piccoli organi con una struttura sorprendentemente simile a quella di un occhio, poiché hanno un’iride, una lente, uno strato pigmentato e una cellula che produce luce: il fotocita.

Grazie a questi organi, lo squalo luminoso è in grado di produrre una luce blu-verde particolarmente intensa nella parte ventrale dell’animale, dove c’è una maggiore concentrazione di fotofori.

Pertanto, si ritiene che la bioluminescenza di questo animale serva a mimetizzarsi. Visto dal basso, la sagoma illuminata dello squalo lo aiuterebbe a scomparire, dato che renderebbe la sua sagoma della stessa luminosità della luce proveniente dalla superficie. Potrebbe anche servire per illuminare i fondali in cerca di prede.

Ad oggi, il meccanismo che questi condritti usano per generare luce è sconosciuto, poiché luciferina e luciferasi, le molecole responsabili, non sono state trovate in altri animali, né batteri che potrebbero produrla.

Nonostante ciò, questo nuovo studio ha dimostrato che l’ormone melatonina è coinvolto nel controllo della luce. Negli esseri umani, questo ormone regola i cicli del sonno e lo sviluppo.

Un disegno di uno squalo luminoso.

Le creature dell’oceano profondo vivono in un ambiente molto diverso dagli umani, quindi sono spesso trascurate. Non sono meno affascinanti per questo motivo, poiché nascondono ancora molti misteri per la scienza.