Tubercolosi bovina: cause, sintomi e trattamento

La tubercolosi bovina è causata dallo stesso gruppo di batteri che colpisce l'uomo. Ciò la rende una malattia zoonotica che deve essere controllata.
Tubercolosi bovina: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 24 novembre, 2021

La tubercolosi bovina è una malattia cronica a decorso lento e sintomi polmonari. Sebbene le mucche siano spesso identificate come ospiti, la verità è che molte altre specie possono essere colpite, come gatti, cavalli, cinghiali e capre.

Poiché si tratta di una malattia contagiosa che non comprende le specie, il suo controllo è vitale nei luoghi in cui convivono diversi animali, compresi gli esseri umani. Non perdetevi l’occasione di conoscere tutto su questa infezione in questo articolo.

Cos’è la tubercolosi bovina?

La tubercolosi bovina è una malattia cronica causata dal bacillo Mycobacterium bovis. Il suo nome deriva dalle lesioni nodulari prodotte da questo batterio nei polmoni e nei linfonodi dell’animale colpito, note come “tubercoli”.

È una malattia soggetta a denuncia all’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE).

L’animale potrebbe essere stato in contatto con i batteri e aver generato anticorpi dopo aver superato l’infezione primaria. Tuttavia, se l’infezione successiva avviene per una via diversa e il campione non riesce a far fronte al bacillo, contrarrà nuovamente la tubercolosi.

Una mucca che piange esemplifica la tristezza bovina.

Cause della malattia

Questa è una malattia batterica e zoonotica, cioè può essere trasmessa all’uomo e ad altri animali. Le vie di trasmissione più comuni sono le vie aree e l’ingestione di prodotti animali, come il latte vaccino.

A volte gli animali selvatici che vivono vicino agli allevamenti possono entrare in contatto con i batteri e fungere da vettori di diffusione. Nei luoghi in cui più specie coesistono nello stesso spazio (come i santuari o gli stessi allevamenti) possono anche infettarsi a vicenda se condividono l’acqua o sono a contatto con feci infette.

I sintomi della tubercolosi bovina

È normale che passino almeno alcuni mesi prima che compaiano i primi sintomi. I batteri possono rimanere dormienti e l’animale essere asintomatico per molto tempo, ma è comune che a un certo punto l’esemplare colpito inizi a peggiorare. I segni più diffusi della tubercolosi bovina sono i seguenti:

  • Anoressia (perdita di appetito).
  • Perdita di peso.
  • Agalassia (la mucca non produce latte).
  • Febbre fluttuante.
  • Tosse secca.
  • Rumori respiratori.
  • Dispnea (mancanza di respiro).
  • Dolore alla costola.
  • Diarrea.
  • Debolezza.
  • Ingrossamento dei linfonodi.
  • Tachipnea (respirazione rapida).
  • Necrosi caseosa di lesioni tubercolari, di consistenza pastosa e giallastra.

Se rilevate uno di questi segni nel vostro allevamento, chiamate immediatamente un veterinario. Un intervento tempestivo può fare la differenza tra la vita e la morte per un’intera popolazione.

Fasi della malattia

Questa malattia ha 2 fasi, primaria e post-primaria. Le spieghiamo separatamente nelle righe seguenti.

Fase primaria

Questa fase va da quando l’animale entra in contatto con i batteri fino a 1-2 settimane dopo l’infezione. Durante questo periodo, l’agente patogeno raggiunge i polmoni o i linfonodi, attirando macrofagi e linfociti T. Questo accumulo di batteri e globuli bianchi morti è ciò che forma il granuloma tubercolare.

Sebbene l’animale possa guarire a questo punto, di solito non è così. Nel caso in cui le lesioni tubercolari calcificano, la malattia si stabilizza, poiché i batteri rimangono incapsulati all’interno. Tuttavia, la cosa più comune è che si diffonda attraverso il flusso sanguigno e provochi la comparsa di più tuberi.

Fase post-primaria

Questa fase è tipica dei casi in cui è presente un’immunità specifica, una reinfezione o il batterio si è diffuso in tutto il corpo. In questa fase, il bacillo viaggia in tutto il corpo attraverso la via linfatica, solitamente rompendo uno dei noduli interessati.

Diagnosi della tubercolosi bovina

La diagnosi della tubercolosi bovina richiede uno studio di laboratorio completo, poiché i sintomi sono comuni a molte altre malattie respiratorie e infettive. I test che si effettuano sono i seguenti:

  • Tubercolinizzazione: consente l’individuazione diretta della malattia. È il test principale da effettuare e si basa sull’utilizzo della tubercolina, un estratto proteico ottenuto dai batteri che ci riguardano.
  • Colorazione di Ziehl-Neelsen: questo è un tipo di colorazione del campione che consente di vedere i batteri della tubercolosi al microscopio. Tuttavia, la malattia non può essere esclusa se i batteri non sono visibili.
  • Coltura batterica: essendo un processo lento non è utile come test principale, ma va bene come metodo di conferma.
  • Elisa indiretto e post-tubercolinizzazione: in parole, semplici si tratta di test sierologici automatizzati ad alto rendimento.
  • Interferone gamma test (INF-y): è un esame del sangue che permette di rilevare la tubercolosi. Misura il grado di reazione del sistema immunitario dell’animale ai batteri che causano la malattia.

Trattamento della tubercolosi bovina

Poiché questa è una malattia soggetta a denuncia ed è comune negli allevamenti che operano, la campagna per l’eradicazione è il sacrificio delle mucche colpite (o di altri animali infetti). Al momento non esiste un vaccino o un trattamento efficace.

In questi allevamenti e centri zoologici viene inoltre svolto un programma di rilevamento, volto ad evitare la contaminazione della carne e del latte che giungono al consumatore.

Un esempio di tubercolosi bovina.

I santuari e le organizzazioni animali difendono la necessità di trovare una cura per questa malattia. Gli animali salvati sono soggetti alle stesse leggi di quelli considerati bestiame, quindi è stato necessario combattere più volte affinché gli esemplari che erano riusciti a liberarsene non venissero inviati al macello.

Potrebbe interessarti ...
Malattie emergenti del bestiame: quali conseguenze hanno?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Malattie emergenti del bestiame: quali conseguenze hanno?

In questo articolo andremo a vedere qual è l'impatto delle malattie emergenti sugli allevamenti di bestiame e sugli animali.



  • KANTOR, D., ISABEL, N., TORRES, P. M., MORCILLO, N., IMAZ, M. S., & SEQUEIRA, M. D. (2012). LA TUBERCULOSIS ZOONÓTICA EN LA ARGENTINA. MEDICINA (Buenos Aires)72(6).
  • The Open Sanctuary Project, Inc. (2021, 10 noviembre). An Introduction To Other Farmed Animal Species. The Open Sanctuary Project. Recuperado 18 de noviembre de 2021, de https://opensanctuary.org/article/an-introduction-to-other-farmed-animal-species/
  • Botello-Rodríguez, A. (2013). Título: Eliminación de la tuberculosis bovina y su efecto en la producción de leche y carne. Title: Elimination of bovine tuberculosis and its effect on milk and meat production. Revista Granma Ciencia. Vol17(3).