Tumori nei criceti: ​​cause, sintomi e trattamenti

Molti criceti soffriranno di un tumore alla fine della loro vita, ma di solito questa non è principale causa di morte. Sfortunatamente, l'aspettativa di vita di questi roditori è piuttosto breve.
Tumori nei criceti: ​​cause, sintomi e trattamenti

Ultimo aggiornamento: 14 maggio, 2021

I tumori nei criceti non sono disturbi rari. Al contrario, nonostante sopravvivano di più rispetto ai loro parenti selvatici, un’alta percentuale di questi roditori mostra un nodulo sul corpo ad un certo punto della sua vita.

Per il padrone è relativamente facile riconoscere un tumore quando tocca il dorso del suo criceto ed è sicuramente un buon motivo per portarlo dal veterinario.

Per fortuna, la maggior parte dei tumori nei criceti non sono pericolosi, poiché possono essere rimossi chirurgicamente e curati con relativa facilità. Se l’animale presenta una massa strana facilmente palpabile, niente panico, ma non sottovalutatela. In questo articolo vi diremo cause, sintomi e trattamenti dei tumori nei criceti.

Possibili cause dei tumori nei criceti

Come accade con gli altri animali, compreso l’uomo, le cause di molti tumori sono sconosciute. Può anche accadere che il nodulo sia stato prodotto da più fattori o, addirittura, che sia dovuto a motivi genetici ed ereditari.

Un tumore non è altro che una crescita eccessiva di cellule anormali senza alcuna funzione. Esistono 2 tipi di tumori: benigni, cioè che non hanno la capacità di diffondersi; e maligni, che possono raggiungere qualsiasi parte del corpo, causare malattie e porre fine alla vita dell’animale.

Fortunatamente, solo il 4% dei criceti domestici soffre di un tumore maligno. La maggior parte di queste masse tumorali sono costituite da neoplasie benigne che, se trovate in tempo, possono essere facilmente rimosse chirurgicamente.

Le neoplasie più comuni nei criceti sono i linfosarcomi linfonodali, il cancro della ghiandola surrenale e gli adenocarcinomi uterini. In questi casi, anche se vengono diagnosticati in tempo, le possibilità di sopravvivenza sono minime, a causa dell’alto tasso di mortalità di questi animali.

Un criceto nano esce da una mangiatoia.


Sintomi clinici: come fare a sapere se il criceto ha un tumore?

I tumori benigni, se rilevati sotto la pelle, sono facili da diagnosticare, purché l’animale venga controllato quotidianamente e che sia abituato ad essere toccato. Se conoscete perfettamente l’anatomia del vostro animale domestico, noterete facilmente eventuali irregolarità.

I tumori benigni, a meno che non si trovino in un’area che rende difficile il movimento – come l’inguine e le ascelle o all’interno della bocca e rende difficile la masticazione – non causano segni diversi dalla presenza di un nodulo sospetto.

Al contrario, se il tumore si trova in un organo interno, benigno o meno, può portare ad altri sintomi come questi:

  • Anoressia o mancanza di appetito.
  • Aumento della sete, qualcosa che si verifica soprattutto nei tumori della ghiandola surrenale.
  • Tendenza a nascondersi.
  • Escrementi anormali.
  • Aumento o perdita di peso nonostante l’animale mangi la stessa quantità di cibo. È anche molto comune nei tumori della ghiandola surrenale.
  • Perdita di capelli anormale, specialmente a chiazze.

Ognuno di questi sintomi clinici può essere ricondotto allo sviluppo di un tumore, quindi è fondamentale che il veterinario venga adeguatamente informato sulle condizioni generali dell’animale nelle settimane precedenti il ​​consulto.

Molte volte, questi sintomi possono essere collegati ad altre patologie legate a squilibri ormonali e non con il cancro. Una corretta diagnosi da parte del veterinario è essenziale in questi casi, quindi bisogna sempre andare da un veterinario specializzato in animali esotici.

C’è un trattamento?

Generalmente, il trattamento per i tumori nei criceti è l’intervento chirurgico. Il veterinario avrà bisogno di esaminare il criceto mediante ecografie e radiografie per determinare la posizione esatta della massa cellulare.

Una volta ottenute queste informazioni, vi dirà se è possibile rimuovere il tumore o meno. Se questo è il caso, non bisogna perdere tempo e programmare l’intervento prima possibile, per evitare complicazioni.

I criceti possono essere anestetizzati mediante dei farmaci da inalare, quindi non c’è un rischio maggiore con questa procedura rispetto alle altre specie. Tuttavia, gli interventi chirurgici su animali così piccoli possono essere molto pericolosi, poiché l’ipotermia o un’emorragia possono impedire al criceto di risvegliarsi.

Dare da mangiare al criceto.

Molto raramente vengono eseguiti degli interventi chirurgici che possono compromettere la vita dell’animale, poiché la stragrande maggioranza dei tumori rimossi sono superficiali. Inoltre, bisogna riflettere molto bene prima di decidere di mettere un animale domestico con un’aspettativa di vita di circa 2 anni in una sala operatoria quando ha più di 1 anno.

I criceti hanno un’aspettativa di vita molto breve e di solito soffrono di tumori alla fine. A volte, anche se difficile, è meglio lasciare che la natura faccia il suo corso e agire solo quando la qualità della vita dell’animale può giovarne davvero.

Potrebbe interessarti ...
Il criceto comune: un mammifero in grave pericolo
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Il criceto comune: un mammifero in grave pericolo

Il criceto comune purtroppo è in grave pericolo di estinzione. Ecco per quali ragioni e che cosa si può fare per salvarlo.



  • Donnelly, T. M. (2004). Disease problems of small rodents. Ferrets, Rabbits, and Rodents, 299.
  • Hosseininejad, M., Dezfoolian, O., Hosseini, F., & Kabir, F. R. (2008). Lymphoma in Syrian hamster. Pakistan journal of biological sciences: PJBS, 11(18), 2289-2290.
  • Kondo, H., Onuma, M., Shibuya, H., & Sato, T. (2008). Spontaneous tumors in domestic hamsters. Veterinary pathology, 45(5), 674-680.
  • Jelinek, F., Felsberg, J., & Mestan, M. (2013). Familial incidence of mammary gland tumours in the Djungarian hamster (Phodopus sungaros): a case report. Veterinarni Medicina, 58(8).